Monthly Archives: gennaio 2017

Animali fantastici e dove trovarli arriva in home video!

Ottime notizie per i fan di J.K. Rowling: la Warner Bros ha annunciato la data di uscita in home video di Animali fantastici e dove trovarli, i dettagli delle varie edizioni casalinghe e una sorpresa per i fan di Harry Potter, ovvero l’uscita in Ultra HD 4K di tutta la saga dedicata al mago interpretato da Daniel Radcliffe.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il crime italiano in un unico saggio: Ciak, si Spara!

Vi segnaliamo un volume potenzialmente interessante che tratta un argomento a noi molto caro, il crime cine-televisivo italiano, una delle poche forme audiovisive che nel nostro Paese oggi tratta il “genere” così come lo abbiamo imparato a conoscere, e soprattutto rende protagonisti i cattivi.

Ciak, si Spara è il titolo del saggio, scritto da Nico Parente, già tra gli autori del saggio L’esorcista – Quarant’anni dopo, e edito da Nicola Pesce Editore.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Riparare i viventi, la recensione

A partire da oggi, approda nelle nostre sale Riparare i viventi, il film di Katell Quillévéré presentato alla 73^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Il film è tratto dal romanzo di Malys de Kerangal e ci mostra ciò che avviene nelle ore successive all’incidente che coinvolge un gruppo di ragazzi, tra cui Simon, cui viene dichiarata la morte cerebrale.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: -1 (da 1 voto)

Socialmente Pericolosi, la recensione

Raccontare la camorra al cinema in maniera originale e innovativa è diventata un’impresa ardua dal momento che, a partire dal Gomorra di Matteo Garrone, i boss della malavita napoletana hanno invaso sia il grande che il piccolo schermo. A provare a dare una ventata di novità è Fabio Venditti il quale, dopo una lunga carriera da giornalista e autore di reportage per la Rai e altre testate, si cimenta con il lungometraggio Socialmente pericolosi, che racconta la storia vera della fraterna amicizia tra un giornalista e un potente boss della camorra. Un’operazione decisamente mal riuscita poiché il film non prende mai una direzione ben precisa, rimanendo a metà tra un film di finzione e un documentario, cosa che lo rende poco appassionante e piuttosto forzato in alcune scelte narrative.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Split, la recensione

C’era un momento, a cavallo tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del nuovo millennio, in cui M. Night Shyamalan sembrava la più grande promessa del cinema thriller. Qualcuno lo aveva identificato come erede di Hitchcock e questo perché è riuscito a piazzare, uno dietro l’altro, una serie di opere riuscitissime che si avvalevano di una regia impeccabile e giocavano con le emozioni dello spettatore, inserendo spesso colpi di scena che davvero lasciavano di sasso. Da Il Sesto Senso a The Village, passando per il meraviglioso Unbreakable – Il Predestinato e il riuscitissimo sci-fi Signs. Poi la stella di Shyamalan ha cominciato a brillare sempre meno, ha alternato film riusciti ma lontani anni luce dai fasti iniziale, come Lady in the Water ed E venne il giorno, a dei filmetti impersonali come L’ultimo dominatore dell’aria e After Earth, che hanno anche floppato magistralmente al botteghino.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

La La Land, la recensione

Essere un film d’apertura non è un compito affatto facile. È necessario riprodurre l’anima di un festival e portare l’attenzione del pubblico verso qualcosa di completamente innovativo; bisogna costruire un ponte cinematografico fra vecchio e nuovo.

Tra cinefilia e intrattenimento, musiche che hanno già un posto libero nell’Ipod e regia magistrale, Damian Chazelle dirige una vera e propria lezione di cinema con il suo La La Land, film d’apertura della 73esima Mostra del Cinema di Venezia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 2 voti)

xXx – Il ritorno di Xander Cage, la recensione

Vin Diesel ci piace. Prima di essere un bravo attore è un ottimo imprenditore.

Ci piace perché con una manciata di film è riuscito a imporsi come star in senso lato e, nello specifico, come idolo del cinema action. E infatti, in una carriera ormai ventennale, la sua immagine è attribuibile principalmente a un paio di ruoli… ma che ruoli!

Dopo aver investito sul franchise di Fast & Furious e quello di Riddick, il buon Diesel va a ripescare un suo “vecchio” ruolo di successo pronto alla serializzazione massiccia: Xander Cage, protagonista di xXx, coriaceo spoof di 007 diretto da Rob Cohen nell’ormai lontano 2002.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Dopo l’amore, la recensione

Amarsi è complicato. Separarsi lo è ancora di più.

Il regista belga Joaquim Lafosse non è il primo e non sarà l’ultimo a parlare delle pene del divorzio al cinema, ma nel suo ultimo film, Dopo l’amore, l’occhio cinematografico è concentrato su aspetti più amari e spesso nascosti.

Marie e Boris hanno due cose che li legano profondamente nonostante il loro amore sia ormai finito: la casa, pagata con i soldi di lei ma completamente ristrutturata da lui, e le loro figlie gemelle. Boris è senza lavoro e pieno di debiti e Marie non vuole concedergli la quantità di denaro che lui richiede.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Capolavori restaurati: 4 mosche di velluto grigio e Amarcord in Blu-ray Disc

L’impegno di CG Entertainment nel recupero dei grandi classici del cinema italiano in una rinnovata versione home video prosegue con due capolavori della nostra cinematografia degli anni ’70, 4 mosche di velluto grigio e Amarcord, pietre miliari firmate da due dei registi più influenti, celebrati e di fama internazionale che il nostro cinema abbia mai avuto.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Qua la zampa!, la recensione

 “Se guardi negli occhi il tuo cane, come puoi ancora dubitare che non abbia un’anima?

Così come Victor Hugo, anche lo scrittore W. Bruce Cameron si sarà fatto la stessa domanda nel momento in cui ha iniziato a scrivere Dalla parte di Bailey, romanzo da cui è tratto il film Qua la zampa!, distribuito dalla Eagle Pictures e diretto da Lasse Hallsrtöm, già regista di Hachiko e La mia vita a quattro zampe.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)