Archivio categorie: Cinema

Pets 2 – Vita da animali, la recensione

Se il film Illumination del 2016, Pets – Vita da animali, non ha risposto del tutto alla domanda: “Cosa fanno i nostri animali domestici quando non ci siamo?”, ci pensa il secondo capitolo ad approfondire il discorso. Dal 6 giugno al cinema, infatti, arriva Pets 2 – Vita da animali, distribuito da Universal Pictures e diretto ancora una volta da Chris Renaud e scritto da Brian Lynch.

Pets 2 – Vita da animali è il decimo film della Illumination, e se il primo capitolo ci ha insegnato l’accettazione e la tolleranza, quando Max ha imparato a voler bene al suo nuovo fratello peloso Duke, ora il messaggio è quello che bisogna avere sempre fiducia in se stessi, riuscire a fare la cosa giusta anche quando si ha paura e che l’unione fa sempre la forza.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

X-Men: Dark Phoenix, la recensione

Il dodicesimo film della saga Fox sugli X-Men si lascia guardare con un pizzico di nostalgia crepuscolare perché ha il sapore dell’addio forzato.

X-Men: Dark Phoenix è l’ultimo film della saga dei mutanti Marvel, l’ultimo letteralmente, almeno della gestione 20th Century Fox. Ma, allo stesso tempo, non è un film pronto a dar l’addio ai sui personaggi, non lo è come lo è stato, ad esempio, in maniera intelligente e struggente Logan per quanto riguarda il personaggio di Wolverine. Dark Phoenix, invece, nonostante una chiusura dalla saga a costruzione circolare, è palesemente incline a proseguire le storie dei suoi splendidi personaggi, ad aggiungere dettagli alla mitologia, a sviluppare e argomentare la sempre complessa e complicata convivenza tra umani e mutanti.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

American Animals, la recensione

The Birds of America è un volume ottocentesco realizzato dal naturalista e pittore John James Audobon, contenente le illustrazioni della maggior parte degli uccelli presenti negli Stati Uniti. Ovviamente ha un valore inestimabile e se dovesse essere conservato in una biblioteca senza troppe misure di sicurezza qualcuno potrebbe intravedere il colpo della vita a portata di mano.

American Animals racconta esattamente il tentativo di quattro ragazzi di rapinare la biblioteca della Transylvania University di Lexington in Kentucky, nella quale il libro e tante altre opere di grande valore sono custoditi. Un altro heist movie? Un altro figlio illegittimo di Ocean’s Eleven? Nemmeno lontanamente.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Juliet, Naked – Tutta un’altra musica, la recensione

Fu un anno di tumulti, insubordinazione sociale e manifestazioni di piazza quel 2014 in cui la multinazionale svedese IKEA decise di cessare la produzione di uno dei pezzi di culto del suo catalogo; ovvero la libreria “Expedit”.

A suon di pagine social e petizioni online, gli amanti della storica libreria da quattro blocchi 30 x 30 – perfetta nelle dimensioni per l’esposizione della propria collezione di vinili – hanno avuto la meglio con la società che ha solamente rivisto il design del mobile, nuovamente disponibile per essere sfoggiato nelle case di tutti i collezionisti di dischi del mondo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

What If: misteriosamente ridicoli!

Il 24 maggio è uscita su Netflix una nuova serie, un’antologia thriller scritta da Mike Kelley, creatore di Revenge. What if tenta di esplorare i confini della moralità e a cosa siano disposte delle persone comuni per ottenere ciò che vogliono.

Al centro della storia troviamo Lisa (Jane Levy) e suo marito Sean (Blake Jenner) innamorati e intenti a cercare di far decollare le rispettive carriere. La coppia finisce nel radar della “villain” della storia, Anne Montgomery (interpretata da una carismatica Renée Zellweger), interessata ad acquisire in qualche modo la compagnia biomedica di Lisa. La donna propone alla coppia uno scambio dichiaratamente ispirato a Proposta indecente, barattando il suo appoggio alla società per una notte con il marito della sua futura collega. Dopo alcune indecisioni la coppia accetta, e questa scelta rischiosa sarà la crepa da cui inizieranno ad entrare tutti i drammi segreti e irrisolti dei due.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Climax: il film horror di Gaspar Noé dal 13 giugno al cinema

Presentato lo scorso anno al Festival di Cannes, nella sezione Quinzaine des Réalisateurs, arriva anche nei cinema italiani Climax, il nuovo film di Gaspar Noé che ha destato scandalo per la durezza della storia e le immagini esplicite.

A distribuire Climax sarà Europictures dal 13 giugno, un film che – per la prima volta nella carriera dell’artista francese – abbraccia il genere horror, pur toccando gli stilemi della paura con la carica personale, onirica e fortemente trasgressiva che caratterizzano l’autore dai tempi di Irréversible ed Enter the Void.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

L’angelo del crimine, la recensione

Giovane, biondo, attraente, dall’aria innocente… eppure Carlos Eduardo Robledo Puch è salito alle cronache argentine nei primi anni ’70 per essere uno dei più spietati criminali che il Paese abbia mai conosciuto. Ribattezzato dai media “Angelo biondo” e “Angelo del Male”, Carlos Punch si distinse tra il 1971 e il 1972 per aver commesso una serie di furti ai danni di abitazioni, gioiellerie e altre attività commerciali, ben 11 omicidi e un’evasione dal carcere, a cui poi è stato legato a vita con condanna di ergastolo. Una storia troppo ghiotta per essere trascurata dalla settima arte e infatti l’argentino Luis Ortega ha tratto un film dalla storia di Carlos Puch… un bel film, L’angelo del crimine (El Angel, in originale), distribuito nei cinema italiani da Movies Inspired dal 30 maggio.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Godzilla II: King of the Monsters, la recensione

Il progetto della Warner Bros. e Legendary Pictures denominato MonsterVerse è molto ambizioso e allo stesso tempo rischioso perché si sa, quando si muovono capitali così ingenti e si mette mano a un mito assoluto come Godzilla, si rischia sempre di lasciare scontento qualcuno e da lì al flop il passo poi è breve. Ma c’è da prendere atto che, per il momento, tutto sta andando esattamente per il verso giusto e quell’avventura iniziata cinque anni fa con il Godzilla di Gareth Edwards sta dando dei buoni frutti.

Dopo lo splendido film del 2014, che rilanciava la figura del lucertolone atomico contestualizzandolo ai giorni nostri ma lasciando intatto il suo background storico, Legendary e Warner si sono imbarcati nell’ormai obbligato territorio dell’universo condiviso e così si è cominciato a progettare, uno dietro l’altro, film che abbracciassero l’immaginario dei monster movie classici con le icone che lo hanno generato. Nel 2017 è toccato a King Kong con Kong: Skull Island di Jordan Vogt-Roberts, ambientato temporalmente prima di Godzilla ma facente parte dello stesso universo, e oggi, nel 2019, salutiamo Godzilla II: King of the Monsters che oltre a riportare in scena il rettile radioattivo introduce altre creature, denominate Titani, che l’appassionato di kaiju-eiga già conosce: Rodan il mostro alato, la falena gigante Mothra e il drago tricefalo Ghidorah.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Rocketman, la recensione

Cosa si nasconde dietro gli occhialoni stravaganti, ai glitter e agli eccessivi lustrini dei costumi di Elton John? Il piccolo e introverso Reginald Dwight o un uomo infelice, eccentrico e impegnato nella costante ricerca d’amore e affetto?

Ce lo racconta nel modo più coinvolgente e originale possibile il regista Dexter Fletcher, affiancato proprio dal produttore Elton John e dallo sceneggiatore Lee Hall in Rocketman. Il biopic sulla rockstar inglese ci riporta un periodo movimentato della sua vita, da quando frequentava da piccolo la Royal Academy of Music fino ad arrivare ai primi anni ‘90.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Quel giorno d’estate, la recensione

 David è un ragazzo di 24 anni che gestisce un condominio a Parigi e pota come volontario gli alberi della città. Sandrine è sua sorella, madre single della bimba di sette anni Amanda con cui David ha un legame fraterno.

Quel giorno d’estate (Amanda in originale) inizia così: un nucleo familiare scombinato e sempre di fretta che viene presentato con semplicità quasi frivola.

Ma il regista Mikhaël Hers (al suo terzo film dopo Memory LaneThis Summer Feeling), che ha presentato il lungometraggio nella sezione Orizzonti della 75esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, ha in mente tutt’altro.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)