Archivio categorie: Prossimamente

Venezia 76. 45 Seconds of Laughter

La Mostra del cinema di Venezia è da sempre aperta anche a documentari ovvero rappresentazioni della realtà attraverso gli occhi attenti di cineasti impegnati. Tim Robbins era presente di persona per accompagnare il suo 45 Seconds of Laughter ovvero il racconto toccante del progetto The Actor’s Gang a cui lo stesso artista partecipa da tempo.

Si tratta di un programma dedicato a detenuti di carceri di massima sicurezza con lunghe pene da scontare, spesso anche a vita. Robbins volle che al progetto prendessero parte detenuti di varie etnie e di diverse gang in un mix molto variegato. Persone “toste” abituate alla violenza e alla settarietá. Mai un saluto nè uno sguardo con nemici di altre gang ma qui ugualmente a contatto grazie ad attori esperti di comunicazione.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +6 (da 6 voti)

Venezia 76. Guest of Honour

È un buon film quello diretto da Atom Egoyan (candidato all’Oscar con Il Migliore Domani). La storia è molto semplice: David Thewlis (Remus Lupin in Harry Potter) è un padre di famiglia, ispettore sanitario nei ristoranti della città, cui è morta la moglie, e che ha una figlia che finisce in prigione per aver portato avanti un flirt con un ragazzo suo studente.

La vicenda si compone di tre diverse narrazioni, tutte condotte dalla figlia Veronica (Laysla de Olivera) che si presenta a padre Greg (Luke Wilson), per dargli informazioni utili sul padre per il suo elogio funebre. Le tre narrazioni sono: il profilo del padre, la storia di lei come insegnante e del rapporto con il suo studente, la storia di Veronica da piccola, intrecciata con il cancro della madre e il vivere del padre.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 6 voti)

Venezia 76. Wasp Network

Olivier Assayas torna in gara a Venezia con un film delicato: Wasp Network è il nome assunto dal sistema antiterroristico cubano sul finire della guerra fredda, giunto agli onori della cronaca nel 1998 all’arresto dei cosiddetti Cuban Five. Cinque agenti cubani (in realtà gli arresti furono una decina) operanti senza permesso su territorio statunitense. Eroi per qualcuno, terroristi per qualcun’altro. E per Assayas?

Il film non prende le mosse né da un eroe né da un terrorista, ma da un traditore. Il pilota René Gonzales (Édgar Ramírez) saluta moglie e figlia come tutte le mattine, sale sul suo aereo e vola in America. Non esattamente la mossa più apprezzata dal regime castrista. A motivare la sua fuga le ristrettezze dovute all’embargo statunitense. Olga Gonzales (Penélope Cruz) si troverà così a dover portare avanti la famiglia da sola, convivendo con lo stigma d’essere la moglie di un traditore.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +3 (da 7 voti)

Venezia 76. Chola (Shadow of Water)

Gorgoglio e Pregiudizi. Poche laconiche parole per riassumere un film che intende sollevare una questione scottante: il medievale rapporto uomo-donna nell’India (zona Tamil) di oggi.

“Gorgoglio” come quello dell’acqua che scorre durante tutto il film (in molteplici forme), dall’iniziale pioggia monsonica all’impetuosa cascata finale, e “Pregiudizi” come quelli ancora presenti nella cultura Tamil che vedono l’uomo diventare padrone della donna con cui ha avuto un rapporto intimo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +5 (da 5 voti)

Venezia 76. The Laundromat

The Laundromat

Chi pensa che i Panama Papers siano cappellini di carta particolarmente ben fatti è caldamente invitato a guardare questo film. Chi sa cosa sono, lo guardi comunque.

Considerato “il più grande leak di informazioni della storia”, quella dei Panama Papers è una vicenda di frodi fiscali, società offshore, crediti, debiti, trust e un sacco di altra roba che chi non ha studiato economia ha tutto il diritto di non capire affatto. O forse no. Forse Soderbergh con questo film vuole convincerci che se tutti capissimo un po’ meglio questa “roba”, il mondo sarebbe un posto più sicuro.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +8 (da 8 voti)

Venezia 76. The King – Il Re

Liberamente ispirato agli Henriad di Shakespeare, The King racconta la guerra tra Inghilterra e Francia dei primi anni del ‘400, in chiave psicologico-drammatica.

Hal, figlio del Re d’Inghilterra Enrico IV, è un giovane che ha deciso di vivere fuori dalla corte, una vita tutt’altro che reale: sbronze, prostitute e dormite molto lunghe. Quando il padre si ammala, Hal sente il peso di un rapporto che per forze naturali finirà, quindi decide di tornare a corte e di vedere di persona come stanno le cose. Qui il confronto inter-generazionale si sposta sulla situazione inglese: molte ribellioni hanno causato una guerra civile, che sta depredando il Paese di quasi tutte le risorse disponibili. Hal è contrario alle azioni punitive intraprese dal padre, grande sostenitore della guerra, che rivendica il diritto di difendere i territori, di preservare l’integrità e l’egemonia della corona.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +6 (da 6 voti)

Horror e humour inglese in Eat local – A cena coi vampiri, al cinema il 19 Settembre

Eat Local - A cena coi vampiri

Il 19 Settembre, distribuito in Italia dalla Mediterranea Productions, arriverà al cinema l’opera prima di Jason Flemyng, acclamato attore britannico che esordisce dietro la macchina da presa con un thriller soprannaturale pieno d’azione e dark humour: Eat local – A cena coi vampiri.

Il film, scritto da Danny King, è la perfetta sintesi tra le storiche pellicole Distretto 13 – Le brigate della morte di John Carpenter e Intervista col vampiro di Neil Jordan, risultando un cross-over pieno di risate e schizzi di liquido rosso.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Venezia 76. Ji Yuan Tai Qi Hao (No 7 Cherry Lane)

E se Il laureato fosse un film d’animazione, ambientato nella Hong Kong degli anni ’60 e sceneggiato da Proust?

Questa deve essere stata l’idea di partenza del regista Yonfan per il lungometraggio Ji Yuan Tai Qi Hao (No 7 Cherry Lane), presentato in Concorso alla 76esima Mostra del Cinema di Venezia.

Ma andiamo con ordine: la pellicola segue le vicende di Ziming, attraente studente di letteratura inglese che, nel dare ripetizioni alla giovane Meiling, conosce la madre Yu, esiliata da Taiwan durante gli anni del Terrore Bianco. Fra lunghe conversazioni e intimi pomeriggi trascorsi al cinema, i due cominciano a innamorarsi. Ma anche Meiling nutre sentimenti per il ragazzo, così prende vita un triangolo amoroso nella cornice delle rivolte di Hong Kong del 1967.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +5 (da 5 voti)

Venezia 76. Ema

ema

Un semaforo va a fuoco in una strada deserta. L’unica presenza è una donna con un lanciafiamme in mano che osserva il suo operato.

Questa è la prima immagine di Ema, nuovo lungometraggio di Pablo Larraín in Concorso alla 76esima Mostra del Cinema di Venezia.

Ema è la protagonista del film: ballerina cilena di danza moderna dai capelli biondi ossigenati, sta divorziando dal marito Gastòn a causa dell’adozione fallimentare del piccolo Polo. Infatti il bambino, avendo dato prova di comportamenti problematici, quali appiccare incendi in casa, uccidere il gatto chiudendolo nel freezer o dar fuoco al volto della zia, viene rimesso in adozione.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)

Venezia 76. Mes jours de gloire (My Days of Glory)

“Perché minimizzi sempre tutto?” questo chiede ad Adrien sua madre sul finire del film. E questo è il cuore di Mes jours de gloire (My Days of Glory), lungometraggio diretto da Antoine De Bary presentato nella sezione Orizzonti della 76esima Mostra del Cinema di Venezia.

Adrien, 27enne tenero e perennemente fra le nuvole, non ne vuole sapere di crescere. La sua vita è in una spirale discendente: da piccolo ha girato qualche film di blando successo, ma da sei anni non ottiene più una parte; nutre un rapporto di dipendenza con la madre, che lo ricopre di affetto e nomignoli; non ha una vita sentimentale, e, probabilmente, non l’ha mai avuta.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)