Archivio categorie: Horrorside

Better Watch Out: il terrificante home invasion natalizio in blu-ray con Midnight Factory

Tra le ultimissime novità direct to video di Midnight Factory abbiamo avuto un “recupero” di gran pregio, Better Watch Out, horror natalizio diretto da Chris Peckover che entusiasmò il pubblico del Torino Film Festival quattro anni fa.

Better Watch Out, che in patria è conosciuto con il meno efficace titolo Safe Neighborhood, era già passato in prima visione assoluta in tv un paio di anni fa, su Rai4, e da alcuni mesi è disponibile anche su Amazon Prime Video con un terzo titolo, Scary Christmas (per alimentare la confusione…), ma la limited edition Blu-ray e DVD che Koch Media ha distribuito per Midnight Factory è la prima su supporto fisico in Italia per questo pregevolissimo film.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

L’uomo col cilindro, la recensione

Per incassare un premio di tremila euro, le fotografe amatoriali Natalie e Rosa scelgono la location di Villa Rosa come set per i loro scatti. Ma Villa Rosa porta con se un alone di mistero, in quanto, in passato, teatro di misteriose sparizioni di bambini. La gita delle due ragazze si trasforma, pian piano, in una discesa nell’inquietudine, soprattutto considerando che un misterioso individuo col cilindro si aggira per le spettrali stanze dell’edificio diroccato.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Scott Derrickson al lavoro su un nuovo horror: The Black Phone

Dopo l’abbandono di Doctor Strange nel Multiverso della pazzia, affidato da Marvel Studios a Sam Raimi, il regista originario di Denver Scott Derrickson è tornato al genere che gli ha dato la celebrità, l’horror. Infatti, è appena iniziata la pre-produzione di The Black Phone, un horror claustrofobico che Derrickson dirigerà per Blumhouse e che sarà distribuito da Universal Pictures.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Into the Dark: Splendida America, la recensione

Giunta al suo decimo film/episodio, la prima stagione della serie antologica Blumhouse Into the Dark sgancia la sua bomba più efficace: Splendida America (Culture Shock) non è solo il miglior film-tv di questo primo gruppo, ma anche un bell’horror distopico a tutto tondo.

Complice una visione molto lucida e originale del rinnovato filone dell’horror sociale, nella variante della tematica razziale, la regista e sceneggiatrice di origini messicane Gigi Saul Guerrero (che compare anche come attrice in un piccolo ruolo) mette insieme una storia tanto attuale nel tema trattato quanto tradizionale nell’esecuzione, facendo di Splendida America un piccolo porto sicuro in cui trovare tutto l’orrore amplificato dalla politica di Trump ma con uno sguardo ai concept narrativi di serie ormai collaudate come Black Mirror.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Red Lights, la recensione

La dottoressa Margaret Matheson e il suo collaboratore Tom Buckley sono dei famosi investigatori di fenomeni paranormali. Il loro compito è individuare e smascherare sedicenti sensitivi, medium e guaritori, dimostrando che sono in realtà ciarlatani e truffatori. Ma quando il leggendario sensitivo non vedente Simon Silver riappare dopo un’assenza dalle scene durata 30 anni, la dottoressa Matheson, che si era già scontrata con lui senza risultati molti anni prima, consiglia al suo collaboratore di non seguire il caso, dal momento che sospetta il coinvolgimento di Silver nella morte di un suo detrattore avvenuta poco prima del suo ritiro. Buckley invece è deciso a smascherare Silver, ma più si avvicina al sensitivo, più l’uomo comincia a mettere in discussione le sue convinzioni: e se Silver fosse davvero dotato di poteri paranormali? 

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Stephen King Film Collection: un cofanetto Midnight Factory con 3 film del Re del Brivido!

Non estranea alle collection con l’opzione confanetto-saga (Phantasm, Halloween, Troll, La Mosca, Omen), Midnight Factory con l’ultima uscita della collana Midnight Classics si lancia, per la prima volta, nell’impresa di riunire sotto lo stesso tetto non dei film collegati da una continuità narrativa, ma dall’autore letterario alla base delle trasposizioni cinematografiche. Con la Stephen King Film Collection, infatti, il noto marchio distribuito da Koch Media ha raccolto in un cofanetto, disponibile sia in DVD che Blu-ray, 3 film kinghiani appartenenti alla gloriosa task force di Dino De Laurentiis: L’occhio del gatto (1985), Unico indizio la luna piena (1985) e Brivido (1986).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

-2: Livello del terrore, la recensione

Vigilia di Natale. Angela è costretta ad intrattenersi fino a tardi nell’ufficio in cui lavora per sbrigare delle pratiche. Quando finalmente è pronta a tornare a casa, si accorge che la sua auto ha un guasto e nell’edificio non è rimasto nessuno che possa aiutarla, ad eccezione di Tom, il guardiano del parcheggio. Ma Tom ha un debole per Angela e sarebbe molto felice se potesse passare la serata con lei. La donna rifiuta le avances del guardiano, ma l’uomo non reagisce bene e intrappola Angela nel garage dell’edificio, cominciando con lei un gioco di tortura destinato a durare tutta la notte.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Frozen, la recensione del survival horror di Adam Green

È una domenica di svago per Dan, Joe e Parker, tre amici che decidono di passare il weekend in montagna a sciare. Desiderosi di un’ultima emozionate discesa notturna, i tre chiedono al guarda pista il far fare loro un altro viaggio in funivia per raggiungere la cima. L’uomo accetta, ma un imprevisto lo costringe ad allontanarsi dalla sua postazione lasciando il compito di chiudere la funivia a un suo collega. Un disguido però porta il sostituto a bloccare la funivia prima che i tre amici abbiano raggiunto la vetta. Per Dan, Parker e Joe si prospetta una situazione da incubo: sospesi a quindici metri di altezza, al gelo e con la consapevolezza che la stazione sciistica non riaprirà prima del venerdì successivo! 

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

La stanza, la recensione

La stanza

Una donna in abito bianco, da sposa, è in piedi in bilico sul davanzale della finestra. Fuori una pioggia torrenziale, sotto di lei il vuoto. Ma suona il campanello e la donna viene richiamata alla realtà, distolta dal gesto che indiscutibilmente è un tentativo di suicidio. Alla porta c’è Giulio, che chiede ospitalità nel bed & breakfast che Stella, l’aspirante suicida, gestisce insieme a suo marito Sandro, che presto raggiungerà la donna e il loro ospite. Dire di più della trama del thriller La stanza sarebbe un delitto perché il terzo lungometraggio del talentuoso Stefano Lodovichi è un continuo susseguirsi di sorprese e colpi di scena.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Long Pig, la fame oscena nel corto di Riccardo Suriano

Una didascalia apre Long Pig, il cortometraggio scritto e diretto dal giovane Riccardo Suriano, che ci informa sui numeri statistici delle morti violente: ogni anno, nel mondo, un milione e mezzo di persone perdono la vita a causa di violenze, ogni giorno sono circa 3800. Dati sconcertanti che in un anno flagellato dalla pandemia, in cui sentiamo quotidianamente dai mass media aggiornamenti sulla triste conta dei decessi, ci fanno riflettere sulla fragilità, la volatilità della vita umana. La didascalia è abbastanza pretestuosa perché Long Pig non è e non vuole essere un’opera documentativa sull’argomento, ma un genuino mini shock-movie che gioca la carta del disgusto per inserirsi in un sapiente discorso di genere.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)