Archivio categorie: Netflix

Pinocchio di Guillermo del Toro in arrivo su Netflix a dicembre

Mentre aspettiamo con impazienza La fiera delle illusioni – Nightmare Alley, ultimo bellissimo film di Guillermo del Toro in uscita solo al cinema dal 27 gennaio, arriva la notizia che il regista de La forma dell’acqua ha quasi pronto anche il suo prossimo lungometraggio, Pinocchio, una versione animata della celebre favola di Collodi che arriverà solo su Netflix il prossimo dicembre.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

4 metà, la recensione

E se una coppia di amici improvvisasse una cena per far conoscere tra loro quattro persone single, seguendo la teoria che per ogni essere umano esiste la propria anima gemella? È quel che accade in 4 metà, il nono lungometraggio diretto da Alessio Maria Federici (Fratelli unici, Terapia di coppia per amanti, Uno di famiglia), disponibile sul catalogo Netflix dal 5 gennaio, e che vede come protagonisti: Matilde Gioli, Matteo Martari, Giuseppe Maggio e Ilenia Pastorelli.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Incastrati: trailer e dettagli della serie Netflix di e con Ficarra & Picone

Un omicidio, due amici capitati nel posto sbagliato al momento sbagliato e tanti malintesi che li porteranno in situazioni surreali. Questo il mix di ingredienti, tra comicità e genere crime, della serie Incastrati, che debutterà, in Italia, il 1° gennaio 2022 solo su Netflix.

Scritta, diretta e interpretata da Salvo Ficarra e Valentino Picone, che per la prima volta si cimentano con la serialità, Incastrati è prodotta da Attilio De Razza per Tramp Limited ed è interamente girata in Sicilia.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Trip, la recensione

Tra i diversi rimedi a disposizione dei registi per rimediare all’ormai congenita e atavica crisi del panorama horror contemporaneo, quello che ha ottenuto maggior consenso di pubblica e critica è la commistione di generi, pratica in voga da tanti decenni, ma applicata negli ultimi anni con sempre più maggiore cura e con un approccio sperimentale, volto a scovare dinamiche e stilemi nuovi. Un esempio, in tal senso, è rappresentato dall’unione, sempre più vincente, tra horror e commedia: un sodalizio che ha dato vita a diverse pellicole divenute cult tra gli appassionati, in particolar modo tra quelli dei film su gli zombie. Titoli come L’alba dei morti dementi, London Zombies e Juan of the Dead, infatti, hanno dimostrato come mostri e litri di sangue possono ancora tenere incollati alla poltrona, strappando tanti sorrisi e stimolando finanche a riflettere con metafore e battute sferzanti.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Passing – Due donne, la recensione

Presentata alla 16ª edizione della Festa del Cinema di Roma, Passing – Due donne è la sorprendente opera prima da regista dell’attrice britannica Rebecca Hall (classe 1982), prodotta da Significant Production e tratta dall’omonimo romanzo di Nella Larsen, scritto nel 1929 e considerato uno dei capolavori della letteratura americana. La storia si concentra sul difficile tema del razzismo in una sfavillante New York della fine degli anni ’20.

Irene (Tessa Thompson) è una donna sposata con un medico e madre di due bambini, nonostante una tranquilla vita ad Harlem, prova vergogna per il colore della propria pelle in un’America fortemente razzista. La sua amica Clare (Ruth Negga) è ricorsa allo sbiancamento della pelle, sposando un facoltoso uomo bianco di Chicago che non è a conoscenza delle sue vere origini, tra l’altro profondamente razzista. La donna è infelice, poiché vive nella menzogna. Quando le due amiche si incontrano dopo svariati anni, la loro esistenza cambierà radicalmente, generando tra loro una serie di inevitabili confronti.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Guilty, la recensione

Avevamo già visto Il colpevole – The Guilty, la sorprendente opera prima del regista danese Gustav Moller, presentata al 36° Torino Film Festival nel 2018, ma dal 1 ottobre sul catalogo Netflix è disponibile il remake americano diretto dal regista statunitense Antoine Fuqua, dal titolo The Guilty, che rimane fedele alla versione originale ma ha come protagonista Jake Gyllenhaal.

Joe Baylor, un ufficiale della polizia di Los Angeles, sta svolgendo il proprio turno in un call center, in attesa di un’udienza che lo riabiliti finalmente a lavorare nuovamente sul campo, sospeso a causa di un incidente dalle circostanze poco chiare. Un’improvvisa chiamata da parte di una donna che sospetta possa essere rapita, porta l’uomo a un’affannosa ricerca di quest’ultima e del suo presunto sequestratore.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Strappare lungo i bordi: il teaser trailer della serie Netflix di Zerocalcare

Strappare lungo i bordi, la serie italiana di animazione Netflix scritta e diretta da Zerocalcare, pseudonimo del celebre fumettista italiano Michele Rech, debutterà il 17 novembre 2021 su Netflix in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo e verrà presentata lunedì 18 ottobre alla Festa del Cinema di Roma con la proiezione in anteprima mondiale dei primi due episodi.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

TUDUM: tutti gli appuntamenti dell’evento globale Netflix

Oggi, sabato 25 settembre, Netflix lancerà TUDUM, un evento globale per i fan che si terrà, a partire dalle ore 18:00, live sui canali YouTube di Netflix in tutto il mondo, oltre che su Twitter, Twitch e Facebook.

Lilly Singh presenterà la prima ora dell’evento, durante la quale saranno trasmesse una clip esclusiva del nuovo film Red Notice, un primo sguardo alle nuove stagioni di Bridgerton e Ozark, oltre ad una speciale sorpresa riguardante Stranger Things.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Prey, la recensione

Quello tra il genere horror e la piattaforma di streaming più famosa e potente del pianeta, ossia Netflix, è un rapporto a dir porco tormentato, dagli equilibri precari e ancora tutti da trovare e, soprattutto, caratterizzato da un andamento altalenante tra luci, poche a dirla tutta, e ombre, tante forse troppe. Una situazione di stasi derivata dal fatto che il colosso mondiale non ha ancora individuato una linea produttiva ben precisa da seguire ed anzi cade spesso nell’errore di voler accontentare diverse fasce di appassionati, cercando di strizzare l’occhio sia ai veterani del genere che al pubblico più giovane, o addirittura a chi di horror ne mastica poco. Insomma, la logica è quella del “un colpo al cerchio e uno alla botte” che però non ha mai portato lontano.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Blood Red Sky, la recensione

Facendo onore alla sua proverbiale tendenza a rappresentare tensioni ed evoluzioni della Storia in tutti i suoi risvolti più cupi, il cinema di genere non poteva non portare sullo schermo le paure derivate da una data così simbolica ed epocale come l’11 settembre. Il cinema post attentato alle “Torri Gemelle”, infatti, ha sovente raccontato le ansie, i timori e i peggiori incubi di un mondo Occidentale sempre più fragile e vulnerabile nei suoi luoghi simbolo. Un’idea che ha trovato forma attraverso film nei quali il fulcro narrativo è rappresentato da una situazione che forse più di ogni altra ci terrorizza e ci pone difronte ad un terribile interrogativo: come reagiremmo se fossimo ostaggi in un aereo ad alta quota? Domanda che può trovare risposta in quei film – alcuni già precedenti al famigerato attentato terroristico, per la verità – ambientati in aerei che da semplice mezzo di trasporto si trasformano in un tetro scenario di morte e terrore: è ciò che accade in Snakes on a Plane, 7500 o Air Force One, giusto per citare gli esempi più efficaci ed adrenalinici.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)