Dolor y gloria, la recensione

Durante la 75° Mostra del Cinema di Venezia, il presidente della Biennale Paolo Baratta in un incontro informale ha rivelato come il presente del cinema sia contraddistinto da due caratteristiche fondamentali: uno stravolgimento continuo della struttura classica in tre atti e il ricorso ad un materiale personale ed emotivo ormai irrinunciabile. Registi emergenti alle prese con l’opera prima, maestri affermati dell’ultimo secolo riescono con sempre maggior naturalezza a comunicare un’intimità spesso relegata a grandi capolavori o a casi isolati.

Dolor y Gloria si inserisce in questo solco alla perfezione e forse è l’opera perfetta per raccontare questa nuovo corso cinematografico. Secondo lo stesso Pedro Almodóvar il film è la conclusione di una trilogia – iniziata 32 anni fa con La legge del desiderio e proseguita con La mala educación – in cui la biografia del regista spagnolo si intreccia con il desiderio e la finzione cinematografica.

Consegnare nelle mani dello spettatore la propria vita, i propri dolori e le proprie passioni è un atto di coraggio. Il regista spagnolo ripercorre l’esistenza del regista in crisi Salvador Mallo (un bravissimo Antonio Banderas) all’insegna dell’amore, l’unica forza capace di trascendere il tempo e a cui non è possibile sottrarsi in tutte le sue mille accezioni e manifestazioni. E il racconto punta sempre dove la forza emotiva e dove le forme dell’amore si sono manifestate con maggiore potenza.

La fotografia segue l’istinto di questa narrazione avvolgendo in un quadro cromatico dominato dal bianco e dal rosso il vigore dei sentimenti e delle emozioni scelte per fornire uno spettro visibile di chi è l’uomo racconta attraverso il cinema. C’è tanta tenerezza e tanto cuore nelle immagini, ma non c’è mai il minimo sentore che qualcosa sia fuori posto o eccessiva. Il cinema è vita come la vita stessa e cinema. La delicatezza con cui questa frase diventa reale è il segno della consapevolezza, umana e registica, che Almodóvar ha raggiunto

Il regista spagnolo ha graffiato qui per l’ultima volta la sua tavoletta di cera, la superficie è ormai ricoperta dai segni lasciati nel tempo. Ora forse è il momento della famigerata tabula rasa ma, come ci insegna la storia, quello che stato è tolto per far posto al suo verrà fuso e assimilato per permettere, a lui stesso e a chi ha avuto modo di goderne, di scrivere, girare e amare ancora.

Andrea De Vinco

PRO CONTRO
  • Le interpretazioni di Banderas e della Cruz.
  • Se qualcuno cerca un inizio e una fine, è nel posto sbagliato.
  • La leggerezza con cui si parla della vita e l’assenza di nostalgia.
 
VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)
Dolor y gloria, la recensione, 8.0 out of 10 based on 1 rating
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.