In blu-ray l’ultimo capitolo dell’universo The Conjuring: The Nun – La vocazione del male

Se i supereroi possono farlo (l’universo Marvel e quello DC) ed anche i mostri giganti posso (si pensi a Godzilla e King Kong), allora la formula di “universo espanso” può essere fatta propria anche del cinema horror tout court. Un ragionamento logico ed immediato che ha messo d’accordo il regista prodigio James Wan con la major Warner Bros Pictures quando, nel 2013, The Conjuring – L’evocazione sbancava i botteghini di tutto il mondo. Da quel momento Warner Bros ha dato il là ad un vero e proprio universo espanso e condiviso del cinema dell’orrore, portando sul grande schermo tante piccole storie di possessioni e demoni tutte legate fra di loro, tutte collegate – in un modo o nell’altro – ai coniugi Warren e, soprattutto, tutte supervisionate dal giovane Wan. E così, andando in ordine, ecco arrivare Annabelle, seguito da The Conjuring 2 – Il caso Enfield e poi Annabelle 2 – Creation. Con The Nun – La vocazione del male è giunto il momento di raccontare la storia di Valak, il terrificante demone dalle sembianze di suora già introdotto nel secondo The Conjuring e poi ripreso in Annabelle 2. Uscito in sala lo scorso settembre, adesso The Nun è disponibile sul mercato home video sia in DVD che in alta definizione Blu-ray disc.

C’era grande attesa attorno a questo progetto e non solo perché l’intero universo The Conjuring rappresenta la punta di diamante dell’attuale cinema horror (se non altro produttivamente parlando) ma perché il demone Valak, stringi e stringi, fa davvero paura tanto che il suo piccolo contributo in The Conjuring 2 è uno dei momenti più suggestivi ed inquietanti tra i vari inscenati dal cinema dell’orrore degli ultimi anni.

Padre Burke (Demián Bichir) viene incaricato dal Vaticano di recarsi in una vecchia abbazia della Romania per indagare sul misterioso suicidio di una giovane suora di clausura. Assieme a lui viaggia anche Suor Irene (Taissa Farmiga), una novizia in procinto di prendere i voti. Poco dopo esser giunti nell’abbazia, i due scoprono che dietro questo tragico evento c’è lo spietato Valak, un demone celato dietro le sembianze di suora che ormai da tempo vaga inquieto per i corridoi bui e spettrali dell’abbazia. Padre Burke e Suor Irene si troveranno, loro malgrado, al centro di una pericolosa faida tra il mondo dei vivi e quello dei dannati.

La grande attesa che accompagnava l’uscita di The Nun – La vocazione del male non è stata ben ripagata dal momento che, purtroppo, il film diretto da Cory Hardy (che aveva esordito nel 2015 che l’interessantissimo The Hallow, ancora inedito da noi) si presenta come il capitolo più debole di quest’anomala saga cinematografica, riuscendo a toccare punti ancora più bassi rispetto al già deludente Annabelle.

Il problema enorme alla base di The Nun è uno solo: non essere riusciti per nessuna maniera a sfruttare l’immenso potenziale che si annidava dietro la sinistra figura di Valak. Con un demone così spaventoso e quel tipo di atmosfere (un’abbazia bombardata durante la guerra e terribilmente spettrale), The Nun poteva essere un film horror che si faceva da solo. Molto difficile da sbagliare, vista e considerata anche la formula collaudata dei precedenti capitoli di quest’universo. E invece no, si è deciso di cambiare rotta ed abbandonare l’horror d’atmosfera per abbracciare i toni del b-movie ignorante tutto mostri ed effetti speciali.

Il risultato è quello di un horror ingenuo, a tratti dozzinale, che non riesce in nessun momento a mettere i brividi ma capace di cadere nell’espediente sciocco in diverse occasioni. Troppa “caciara”, troppi momenti pacchiani e continui ed inutili ricorsi a mostri d’ogni tipo (zombie, bambini indemoniati, ancora zombie) che non fanno altro che distogliere l’attenzione da quella che doveva essere la minaccia principale, Valak appunto, che invece, a somme tirate, fa davvero poco.

Con rammarico dobbiamo affermare che The Nun – La vocazione del male è l’esempio lampante dell’autentica occasione mancata.

Il Blu-ray disc messo sul mercato da Warner Bros Entertainment – a differenza del film – convince senza alcuna riserva.

Tecnicamente il supporto è di fattura davvero pregevole ed offre un quadro video molto limpido ed attento al dettaglio, capace di esaltare tanto il fascino scenografico quanto quello fotografico. Il buon reparto video è supportato da un audio di gran livello che, come prevedibile, offre il suo massimo nella traccia originale (Inglese DTS-HD MA 5.1 ma anche Dolby Atmos TrueHD 5.1 e Dolby Digital 5.1) pur vantando una buona qualità anche nelle altre versioni, tra cui quella italiana (un comunque squillante Dolby Digital 5.1).

Tra i contenuti extra troviamo una reel comprendente 11 scene tagliate e tre interessanti featurette, tutte ricche di interviste al cast tecnico, artistico e team produttivo, utili ad approfondire questo capitolo calandolo all’interno del grande “disegno” The Conjuring. Nello specifico, le featurette sono: The Conjuring Chronology (4’), Gruesome Planet (6’) e A New Horror Icon (5’).

Giuliano Giacomelli

THE NUN – LA VOCAZIONE DEL MALE di Corin Hardy

Label: Warner Bros Entertainment

Formato: Blu-ray disc (disponibile anche in DVD)

Video: 1080p High Definition 16×9 – 2.4:1

Audio: Dolby Digital 5.1: Italiano, Inglese, Spagnolo, Tedesco, Francese; DTS-HD MA 5.1: Inglese; Dolby Atmos-TrueHD: Inglese.

Sottotitoli: Greco, Finlandese, Olandese, Danese, Islandese, Norvegese, Spagnolo, Svedese, Francese, Italiano n/u, Inglese n/u, Tedesco n/u.

Extra: Scene tagliate, The Conjuring Chronology, Gruesome Planet, A New Horror Icon

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.