James Moriarty (Sherlock Holmes)

JAMES MORIARTY

Il professor James Moriarty è il principale antagonista di Sherlock Holmes nell’Inghilterra Vittoriana.

Figlio di una nobile famiglia di origine irlandese, si distingue fin da bambino per l’incredibile talento nelle scienze matematiche. Ottiene la cattedra universitaria a soli ventun anni in seguito alla pubblicazione di un trattato sul Teorema Binominale, che lo rende famoso in tutta Europa.

Tuttavia corrono strane voci sul suo conto, al punto che dopo alcuni anni, viene costretto a rinunciare all’incarico per trasferirsi nella capitale, dove inizia una nuova carriera da istruttore militare.

Descritto da Holmes stesso come“un ragno al centro di una tela”, Moriarty si rivela essere il nucleo attorno al quale gravita la malavita non solo della metropoli inglese, ma di tutta Europa.

È lui la mente che, seduta comoda dietro una scrivania, pianifica e tesse una vastissima organizzazione criminale disposta ad occuparsi di ogni genere di scelleratezza. Che si tratti di furti, ricatti o perfino omicidi, il suo nome resta sempre celato e risulta quasi impossibile risalirvi.

Nel caso in cui un piano dovesse fallire, si preoccupa di ridare la libertà ove possibile all’agente coinvolto, senza però arrivare mai ad esporsi in prima persona.

È rappresentato come la perfetta nemesi di Sherlock Holmes, con cui condivide l’ingegno e le doti deduttive, ma al quale si oppone, scegliendo la strada del crimine invece che della giustizia.

Dopo aver individuato nel detective un suo “pari” a livello intellettuale, decide di ingaggiare con lui uno scontro all’ultimo sangue, che assume i connotati di una raffinata partita a scacchi. Nel corso del confronto, emergono ulteriori elementi che distinguono Moriarty da Holmes.

Il professore è infatti ossessionato dal desiderio di vendetta nei confronti dell’altro, che più di una volta riesce a minare i suoi piani.

Si mostra tendente all’ira e mentalmente instabile, oltre che incredibilmente arrogante. Nonostante il fatto che abbia moltissimi collaboratori e agenti al suo servizio, nel momento in cui decide di scendere sul campo, agisce solo, contrariamente al detective che fa continuo affidamento su Watson.

Per lui sconfiggere il detective significa, prima di ogni altra cosa, riuscire a batterlo sul piano mentale. Il più delle volte viene mostrato mortalmente infastidito all’idea di dover eliminare fisicamente l’avversario, per le cui doti nutre profonda stima e ammirazione,  ma al contempo l’insistenza di Holmes nel mettergli i bastoni fra le ruote lo manda (letteralmente) fuori di testa.

Troverà la morte in Svizzera, gettandosi durante l’estremo scontro con il detective dalle cascate di Reichenbach.

Moriarty ha un solo vero confidente, un “braccio destro”: il colonnello Sabastian Moran, che dopo la sua morte, continuerà la sua opera.

Nato dalla penna di sir Arthur Conan Doyle nel lontano 1893, si è evoluto nei decenni attraverso le molte rappresentazioni su grande e piccolo schermo, che hanno contribuito a ridefinirne e ampliarne parzialmente il profilo.

Ad oggi è uno dei “cattivi” più famosi ed emulati della storia della letteratura e del cinema.

FilmThe Valley of Fear (1916); Sherlock Holmes’s Fatal Hour; Sherlock Holmes (Moriarty, 1922) ; The triunph of Sherlock Homes (1935); Silver Blaze (1937); Le avventure di Sherlock Holmes (The Adventures of Sherlock Holmes, 1939) ; Sherlock Holmes e l’arma segreta (Sherlock Holmes and the secret weapon, 1942) ; Sherlock Holmes e la donna in verde (The woman in green, 1945) ; Sherlock Holmes – La Valle del Terrore (Sherlock Holmes und das Halsband des Todes, 1966) ; Il fratello più furbo di Sherlock Holmes (The Adventure of Sherlock Holmes’ Smarter Brother, 1975) ; Sherlock Holmes soluzione settepercento (The Seven-Per-Cent Solution, 1976) ; Piramide di paura (Young Sherlock Holmes, 1985) ; Senza indizio (Without a Clue, 1988) ; Hands of a murder (1990) ; Sherlock: Case of Evil (2002) ; La Leggenda degli Uomini Straordinari (The League of Extraordinary Gentleman, 2003) ; Sherlock Holmes (2009) ; Sherlock Holmes: Gioco d’ombre (Sherlock Holmes: A Game of Shadows, 2011).

Nome completo: James Moriarty

Alias: “Il Napoleone del crimine” .

Età: Non definita.

Nazionalità: Britannica.

Occupazione: Professore di matematica, Scienziato, Genio del crimine.

Armi: Controlla una vastissima organizzazione criminale.

Poteri: Nessuno.

Obiettivo: Essendo la più grande mente criminale della sua epoca, ha moltissimi obiettivi. Da un certo momento in poi, il principale diventa sbarazzarsi di Sherlock Holmes.

Nemesi: Sherlock Holmes.

Multimedia:

Letteratura

-Viene creato da sir Arthur Conan Doyle nel 1893 e compare per la prima volta nel canone di Sherlock Holmes all’interno racconto “Il problema finale”, della raccolta “Le memorie di Sherlock Holmes”.

– È l’eroe di “Uno studio in smeraldo” (A study in emerlad) un racconto di Neil Gaiman, che presenta un universo alternativo in cui Moriarty è l’eroe e Holmes il criminale. La vicenda è narrata dal Colonnello Moran.

-Appare inoltre in moltissimi romanzi apocrifi ispirati al canone di Sherlock Holmes, in “Soluzione settepercento” di Nicholas Meyer del 1976, ad esempio, è l’insegnate di matematica di Holmes da bambino.

Radio

The Final Problem (1950) ; The Final Problem (1992) della BBC Radio ; The Valley of Fear (1997) della BBC Radio ; The Newly Discovered Casebook of Sherlock Holmes (1999) della BBC Radio.

Televisione

Sherlock Holmes in New York (1976), film tv prodotto in USA.

The Adventures of Shelrock Holmes and Doctor Watson (1979-1986), è una serie composta da cinque film  prodotti in Unione Sovietica.

Sherlock Hound (1984-1985) è un anime giapponese in cui i protagonisti sono cani con fattezze antropomorfe e Moriarty ha l’aspetto di un lupo.

-“Le avventure di Sherlock Holmes” (The Adventures of Sherlock Holmes, 1985) , è una stagione della serie tv inglese prodotta dalla Granata Television tra il 1984 e il 1994 su Sherlock Holmes. Moriarty compare in quattro episodi.

Elementary my dear Winston (1989) è il terzo episodio della quarta stagione di The Real Ghotsbusters, nella quale i personaggi di Holmes, Watson e Moriarty diventano reali.

-“Sherlock Holmes nel 22° secolo” (Sherlock Holmes in the 22nd century, 1996), è una serie tv inglese di animazione, co-prodotta dalla DiC e dalla Scottish Television e ambientata nel ventiduesimo secolo. Moriarty è l’antagonista principale della serie.

Sherlock Holmes (2003), è una serie tv russa composta da 16 episodi di 50 minuti l’uno.

– “Aliena vita da alieno” (Kif Gets Knocked Up A Notch, 2002) è il primo episodio della quarta stagione della serie animata Futurama, in cui Moriarty compare come ologramma.

Sherlock (2010 – corrente), è una serie tv prodotta dalla BBC ispirata al canone di Doyle e ambientata ai nostri giorni. È composta da 3 stagioni di 3 episodi l’una, della durata di 90 minuti. James “Jim” Moriarty è il principale antagonista ed è un consulting criminal.

Elementary (2012 – corrente), è una serie tv prodotta dalla CBS in cui le avventure di Holmes e Watson sono ambientate ai nostri giorni, inoltre in questa versione il Dottor Watson è una donna. È composta da 2 stagioni di 24 episodi l’una e il personaggio di Moriarty è integrato a quello di Irene Adler ed è quindi interpretato da un’attrice.

Videogames

Sherlock Holmes: The Awakened (2006) , Holmes ritrova Moriarty in un ospedale psichiatrico svizzero, sopravvissuto a Reichenbach ma senza memoria.

The Testament of Sherlock Holmes (2012) , Moriarty è il principale antagonista del videogioco.

Prima comparsa sullo schermo: 1916

Attore che lo interpreta:

Cinema: Norman McKinnell,  Booth Conway, Ernest Torrence, Gustav Von Seyffertitz, Lyn Harding, George Zucco, Lionel Atwill, Hanry Daniell, Leo McKern, Laurence Olivier, Hans Sohkner, Anthony Higgins, Paul Freeman, Anthony Andrews, Vincent D’Onofrio, Richard Roxburgh e Jared Harris.

Televisione: Eric Porter, John Huston, Viktor Yevgrafov, Alexey Gorbunov, Andrew Scott e Natalie Dormer.

Battuta di presentazione: “Lei deve smetterla, Holmes. Lei spera di mandarmi sul banco degli imputati. E io le dico che non vi comparirò mai. Lei spera di sconfiggermi. E io le dico che non mi sconfiggerà mai. Se lei è abbastanza furbo da distruggermi, stia pur certo che io farò la stessa cosa” .

Scheda a cura di Susanna Norbiato

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.