Kengan Ashura: il nuovo anime seinen di Netflix

Il 31 luglio 2019 Netflix ha pubblicato la sua ultima fatica anime: la serie action Kengan Ashura, coprodotta assieme allo studio giapponese Larx Entertaiment, con la direzione di Seiji Kishi (Assasination Classroom, Angel Beats, Radiant), la sceneggiatura di Makoto Uezu (Ah! My Goddess: Flights of Fancy, Assasination Classroom, Radiant) e il character design di Kazuaki Morita (Assasination Classroom 2nd Season, Tsukigakirei).

Questa prima stagione di dodici episodi da ventiquattro minuti ciascuno è tratta dal manga omonimo scritto da Yabato Sandrovich e illustrato da Daromeon; il manga, come l’anime, è di genere seinen, cioè riservato ad un pubblico maschile maturo, e precisamente si inserisce nel filone di storie che hanno come nucleo narrativo i combattimenti di arti marziali.

La storia comincia con la voce di un narratore che introduce il vecchio Kazuo Yamashita, un umile cinquantenne con vari problemi familiari (lasciato dalla moglie, con il figlio maggiore affetto da hikikomori e quello minore che vive lontano da casa) che, mentre torna a casa dopo una dura giornata di lavoro in azienda, assiste per caso a un combattimento corpo a corpo in un vicolo.

kengan ashura

L’anziano ha paura ma non riesce a staccare gli occhi di dosso al giovane lottatore che riesce a mettere al tappeto con pochi colpi un avversario molto più grosso di lui; i due si presentano e dopo essersi salutati il placido Yamashita non riesce a levarsi di dosso l’ebrezza del combattimento.

Il giorno dopo al lavoro, viene convocato nell’ufficio del presidente dell’azienda, Hideki Nogi,  che gli propone di fare da assistente al suo “gladiatore”: il vecchio scopre che sin dalla fine del diciannovesimo secolo, per evitare sanguinarie faide tra mercanti, l’imperatore decretò che gli appalti pubblici e tutti i più importanti traffici commerciali fossero decisi tramite delle gare di lotta fra due combattenti, cosicché invece che alimentare corruzione e rivendicazioni, vincessero direttamente i mercanti che potevano permettersi i candidati più forti; questi tipi di sfide vengono chiamati “combattimenti Kengan”.

La ditta Nogi ha deciso di farsi rappresentare dal misterioso giovane che Yamashita aveva incontrato la sera prima, Ohma Tokita, a cui il vecchio dovrà dedicare tutte le sue attenzioni.

kengan ashura

Comincia così una nuova vita per l’attempato impiegato aziendale, stando vicino al giovane Tokita, soprannominato Ashura, farà la conoscenza di avversari spaventosi e sempre più letali sino a che non avrà inizio il vero e proprio torneo Kegan, per mezzo di cui si decideranno i traffici finanziari più importanti a livello internazionale.

A livello artistico l’anime colpisce la vista per le innovative tecniche di computer grafica che donano spessore ai voluminosi corpi dei combattenti, lo studio Larx ha infatti adottato la sempre più frequente “tecnica mista” grazie a cui gli amanti del tipico stile di disegno nipponico possono ammirare le fattezze lineari e spigolose di alcuni personaggi e gli appassionati di videogiochi possono esaltarsi con la “pixellosità” dei combattimenti.

L’ industria videoludica ha senza dubbio influenzato la scelta del colosso Netflix di ordinare la prima stagione di un prodotto che ammicca sia un preciso merchandising che a un target molto giovane, nonostante il divieto ai minori di quattordici anni.

kengan ashura

Per chi non usufruisce spesso dei videogiochi, tuttavia, i corpi, e soprattutto la faccia del protagonista, potrebbero risultare un po’ troppo “legnosi”, per non dire irritanti, e davvero inespressivi; oltre a ciò va evidenziato la basilarità della trama, che si riduce all’affrontare un diverso avversario per episodio, e alla sciatteria dei dialoghi che non riescono a far scattare la scintilla fra lo spettatore e il misterioso protagonista focalizzandosi, invece,  sul coprotagonista e spalla comica Yamashita.

Insomma, siamo lontani dai guerrieri tenebrosi di poche parole (Batman, Kenshiro, Vegeta, Zoro) che hanno conquistato i cuori di milioni di fanboy e fatto sospirare altrettanti milioni di fangirl con i loro silenzi significativi e le batture mirate.

 Kengan Ashura è tuttavia un prodotto accettabile per tutti i veri nerd che conoscono a memoria le tecniche delle varie arti marziali e le strategie di combattimento, sperando in una seconda stagione più profonda si consiglia la lettura del manga.

Ilaria Condemi de Felice

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.