Lo Spietato, la recensione

Va da sé.

È ovvio.

È scontato.

Insomma, ça va sans dire.

Sentirete questa frase praticamente sempre, durante l’ora e quarantasette minuti del film Lo Spietato.

E lo ripeterete, più è più volte.

Perché?

Perché Riccardo Scamarcio lo dice in un modo così vero, simpatico e genuino, che non potrete più farne a meno.

Lo scrivo subito: Lo Spietato è una grande occasione mancata.

O meglio, l’idea alla base lo è.

C’era talmente tanto materiale (storyline secondarie e caratteristi esemplari) che il tutto avrebbe potuto convergere in una serie tv (prodotto tanto caro a Netflix, ça va sans dire) da almeno otto puntate.

Il film è ispirato a Manager Calibro 9, libro scritto da Luca Fazzo e Piero Colaprico, e racconta l’ascesa e il declino di Santo Russo, criminale calabrese cresciuto nella “Milano da” bere degli anni Ottanta.

La storia è molto lineare, con stilemi e canoni abbastanza classici e già visti. La differenza, intesa come evidenza, la fa proprio Scamarcio: entra completamente in simbiosi con il personaggio e l’ambientazione.

Non sono mai stato un grande fan dell’attore, ma devo ammettere che riesce a ipnotizzare; riesce ad essere così credibile e naturale che avrei creduto di guardare un documentario, non fosse altro peri il montaggio e il taglio decisamente cinematografici.

lo spietato

Rapine, droga, sesso e imprenditoria sono i quattro cardini che muovono Santo, accompagnato dall’ottima ricostruzione della Milano dell’epoca (costumi, automobili e arredamenti) e da due fidi compagni: Slim (Alessio Praticò, già visto nella bellissima serie Il Miracolo) e Mario Barbieri (l’ottimo Alessandro Tedeschi).

C’è anche spazio per il vero amore, anzi, i veri amori: Mariangela, la moglie di Santo, interpretata magistralmente da Sara Serraiocco e Annabelle, l’artista maledetta, ovvero Marie-Ange Casta (la bellissima sorella di Laetitia Casta).

Circa due ore, dicevo, appassionate e appassionanti che coprono circa trent’anni di storia.

Con grande rammarico ammetto che si poteva fare davvero molto di più: un ammiccante e affascinante Scamarcio regge sì il “peso” dell’intero film, ma tant’è.

lo spietato

Provo a spiegarmi meglio: al di là della classicità della narrazione e della sensazione perenne del “visto e rivisto”, il periodo in cui si svolge la storia è così pieno di fatti e accadimenti unici, che paradossalmente ha creato una spaccatura tra gli anni Ottanta e la storia del film.

Questa spaccatura è molto evidente perché la storia sembra quasi un innesto in quel contesto, sembra quasi un vedo/non vedo, un affacciarsi in quel determinato periodo storico poco approfondito se non con i punti di forza precedentemente elencati.

Il mio consiglio, spassionato ma consapevole di beccare critiche dai puristi del genere noir, è quello di dare una possibilità a questo film e di godersi circa due ore di puro fascino e divertimento.

Tanto, rimarcando un’ovvietà, è la stessa piattaforma (Netflix) che permette di sperimentare e cogliere occasioni, no?

Fabrizio Vecchione

PRO CONTRO
  • Riccardo Scamarcio.
  • Film accattivante, con un buon montaggio e un’ottima colonna sonora (Malamore, di Riccardo Sinigallia è da playlist quotidiana).
  • Riccardo Scamarcio.
  • Sarebbe stato bello avere una serie tv e approfondire sia la storia (che rimane comunque superficiale) che i personaggi secondari.
VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)
Lo Spietato, la recensione, 6.0 out of 10 based on 1 rating
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.