Marchesa de Merteuil (Le relazioni pericolose)

MARCHESA DE MERTEUIL

La forza della Marchesa di Merteuil risiede nel sinuoso muro di impenetrabile eleganza e composta regalità dietro al quale ella barrica, con gelido equilibrio, la propria malvagia natura di vendicativa libertina. Agli occhi della società, la marchesa è una donna intelligente e una vedova rispettabile; in realtà, ella non fa che tramare nell’ombra astuzie per nuocere aspramente a chiunque le faccia torto.
Una missione in particolare, nel film, impegna le sue perverse energie: Gercourt, una sua vecchia fiamma sta per prendere in moglie la giovane e innocente Cécile de Volanges, della quale vanta l’indole integerrima. La marchesa, per vendicarsi dell’abbandono dell’uomo, chiede l’aiuto di un vecchio amico ed ex amante, il visconte di Valmont, che sprona a iniziare al sesso l’inesperta fanciulla.

La complessa psicologia della Marchesa segue una logica tanto precisa quanto impenetrabile. La donna è accecata dall’odio nei confronti del ruolo passivo che l’etichetta e le convenzioni impongono al genere femminile. Sin da ragazzina, come ella stessa racconta in un celebre monologo, ha imparato a sfogare questa frustrazione trasformandola in scaltro distacco, astuta mistificazione, virtuosismo dell’inganno, in nome del cinico ma fondamentale principio “vivere o morire”.

Vivere la propria sensualità con spregiudicata disinvoltura, dà modo al personaggio di ottenere ciò che vuole facendo leva sulla seduzione è la lussuria. Valmont, non a caso, accetta la sfida che ella gli lancia in vista di un intrigante premio pattuito: una notte d’amore. Glaciale calcolatrice, orgogliosa manipolatrice, maschera sibillina e imperturbabile capace di architettare le peggiori nefandezze, la Marchesa de Merteuil è diventata celebre, sul grande schermo, grazie soprattutto alla sublime interpretazione di Glenn Close nella pellicola diretta da Stephen Frears. Tra le sette nomination agli Oscar guadagnate da quest’ultima, non a caso, c’è anche quella alla migliore attrice protagonista; la Close, per l’appunto, nominata anche ai BAFTA.

Film: Relazioni Pericolose – Les liaisons dangereuses di Roger Vadim (1959).
Le Relazioni Pericolose – Dangerous Liaisons di Stephen Frears (1988).
Valmont di Milos Forman (1989).
Les Liaisons dangereuses, mini serie franco-canadese in tre episodi (della durata di 100 minuti ciascuno) diretta da Josée Dayan

Nome completo: Marchesa Isabelle de Merteuil

Alias: n.d.

Età: intorno ai 40 anni

Nazionalità: francese

Occupazione: signora dell’alta società del XVIII secolo

Armi: la seduzione, la menzogna, il doppio gioco

Poteri: ispirare fiducia nei propri interlocutori e, in questo modo, attirarli nella propria rete e manipolarli a piacimento

Obiettivi: far sì che la promessa sposa di Gercourt si guadagni la fama, per merito delle sue macchinazioni, di una sgualdrinella. Tessere inganni ai danni degli uomini, ma non solo

Nemesi: la società e le sue convenzioni e, da un certo punto in poi, lo stesso Visconte Sébastien di Valmont

Multimedia:

Letteratura.
La Marchesa è la protagonista di Le relazioni pericolose (Les liaisons dangereuses), romanzo epistolare di Pierre-Ambroise-François Choderlos de Laclos del 1782.

Televisione.
In un episodio della serie televisiva italiana Tutti Pazzi per Amore 3, Viola (Claudia Alfonso) immagina la rivale in amore Francesca (Mily Cultrera di Montesano) nei panni della perfida Marchesa.

Citazioni in altre opere:
Un’interpretazione in chiave moderna e statunitense di Le relazioni pericolose è rappresentata da Cruel Intentions, un film del 1999 diretto da Roger Kumble. Il personaggio di Sarah Michelle Gellar, Kathryn Merteuil, cita apertamente la Marchesa.

Prima comparsa sullo schermo: 1959

Attore che lo interpreta: Jeanne Moreau (1959); Glenn Close (1988); Annette Bening (1989); Catherine Deneuve (2003).

Frase: Sono nata per dominare il vostro sesso e per vendicare il mio.

Scheda a cura di Chiara Carnà

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.