Archivio tag: Alfred Hitchcock

Psyco, il capolavoro di Hitchcock rivive in Blu-ray in un’esclusiva Steelbook

Tratto dall’omonimo romanzo del 1959 di Robert Bloch, basato sulla vera storia del noto serial killer Ed Gein, Psyco non è solamente una delle pellicole più note – oltre che il miglior successo commerciale – nella filmografia di Alfred Hitchcock ma proprio uno dei film più importanti e rivoluzionari nella Storia del cinema. Dopo l’uscita di Psyco nel 1960, nessun film di “genere” è stato più lo stesso e la famosa scena dell’omicidio sotto la doccia, a colpi di coltellate, è entrato nell’immaginario collettivo di tutto il mondo. L’enorme successo ottenuto dalla pellicola, assieme all’ottimo riscontro della critica, ha fatto si che Psyco generasse tre sequel ufficiali, finisse al centro di numerose parodie (anche italiane, se consideriamo il divertente Il silenzio dei prosciutti di e con Ezio Greggio), un remake shot-for-shot firmato da Gus Van Sant e un prequel sotto forma di serie televisiva (Bates Motel), in cinque stagioni, prodotta da Universal Television per l’emittente A&E Network. Considerando edizione DVD e Blu-ray, il capolavoro di Alfred Hitchcock è sempre stato disponibile sul mercato dell’home video. Un vero e proprio ever-green, non c’è che dire. Ma solo ora, grazie a Universal Pictures Home Entertainment, il film è disponibile in una bellissima edizione da collezione Blu-ray steelbook che non può mancare nella vostra cineteca personale.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

David Fincher e Ben Affleck per il remake di Delitto per delitto di Hitchcock

Dopo il grande successo di L’amore Bugiardo – Gone Girl, la coppia David Fincher e Ben Affleck, rispettivamente regista e interprete protagonista, potrebbe riunirsi prestissimo per un altro thriller che – udite udite – sarà Strangers, remake del capolavoro di Alfred Hitchcock Delitto per delitto – L’altro uomo.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Da Hitchcock a Marilyn: John Malkovich si trasforma in 28 ritratti d’autore! [FOTO]

Si chiama Sandro Miller, ed è il fotografo che ha trasformato un camaleontico John Malkovich nei ritratti fotografici più famosi di sempre. Il progetto in questione si intitola Malkovich , Malkovich, Malkovic (impossibile non pensare, a questo punto, al film cult Essere John Malkovic, diretto da Spike Jonze), e si articola come un omaggio ai grandi maestri della fotografia attraverso il volto del celebre attore. Il sottotitolo è, non a caso, Homage to Photographic Masters.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +6 (da 6 voti)

Grace di Monaco, la recensione

Debutta nelle sale italiane il film d’apertura del Festival di Cannes, gelidamente accolto dal pubblico della kermesse, diretto da Olivier Dahan e interpretato dal Premio Oscar Nicole Kidman. Grace di Monaco è l’atteso biopic sulla meravigliosa Grace Kelly, l’affascinante star di Hollywood che rubò il cuore del Principe Ranieri e, per lui, abbandonò i set cinematografici e una promettente carriera da diva in ascesa.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)

Il Ricatto, la recensione

Tra chi pensa sia un pessimo film e tra chi, invece, lo esalta bollandolo come una pellicola hitchockiana, chi scrive pensa che la verità sia nel mezzo. Grand Piano, o come è stato intitolato nel nostro Paese Il Ricatto, è un film assolutamente godibile con pregi e difetti che si bilanciano perfettamente.

La convenzionalità di cui l’accusano in molti, potrebbe, invece, essere il punto di forza della messa in scena della pellicola poiché ogni aspetto di quest’ultima possiede tutte le caratteristiche di quello che è un thriller vero e proprio. Al riguardo, quindi, non c’è nulla che si possa rimproverare al regista Eugenio Mira, che ha tentato di abbracciare, riuscendoci pienamente, tutte le particolarità del genere in cui rientra il film, che ha come ulteriore difficoltà tecnica, quella di essere ambientato quasi interamente su un palcoscenico di un teatro.

VN:R_U [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Gli Uccelli: il remake del cult di Hitchcock ha il suo regista!

Il regista che dirigerà il remake del cult Gli Uccelli, firmato nel 1963 dal genio di Alfred Hitchcock, ha finalmente un nome. La Universal Pictures ha affidato l’ardua missione di riportare sul grande schermo uno dei film più celebri della storia del cinema al regista tedesco Diederik Van Rooijen, conosciuto per aver scritto e diretto la serie tv tedesca Penoza, della quale la ABC ha realizzato una versione americana: Red Widow.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Speciale Walt Disney. Le 10 mascotte che chiunque vorrebbe al proprio fianco

Che siate amanti dei drammoni impegnati alla Lars Von Trier o che non riusciate a godervi un film nel quale non compaiano almeno tre o quattro omaccioni in canotta lurida pronti a suonarsele di santa ragione, c’è una cosa che non potrete negare: i personaggi dei cartoni animati Disney hanno accompagnato, o per lo meno costellato, la vostra infanzia.

E, con buone probabilità, l’hanno resa migliore.

Sfido chiunque, infatti, a negare di aver desiderato di fare un giro sul tappeto volante di Aladdin, di vedere i Rosa Elefanti dopo una sbronza con Dumbo o che, durante una cena galante, il partner facesse rotolare romanticamente attraverso il piatto l’ultima polpetta, destinandola a voi.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +3 (da 3 voti)

SPECIALE WOODY ALLEN: I 10 MOMENTI PIU’ DIVERTENTI DEL SUO CINEMA

Ciascuno di noi ha le proprie passioni. Chi per l’arte, chi per lo sport, chi per la buona cucina (che condivido pienamente, a proposito). C’e chi ama, più o meno segretamente, i protagonisti del grande schermo e si scioglie davanti al fascino di Johnny Depp o va in brodo di giuggiole per gli occhi azzurri di Charlize Theron.

E poi ci sono io.

Io, che coltivo sin dalla tenera età una smodata passione per Woody Allen.

Sì, proprio lui: rachitico, occhialoni spessi… sull’ottantina…

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +8 (da 8 voti)

BATES MOTEL (SERIE TV)

Correva l’anno 1960, quando il re dei film gialli Alfred Hitchcock decide di girare uno dei suoi film che riscosse maggior successo a livello mondiale; stiamo parlando di Psyco, pellicola carica di suspance che rappresenta una pietra miliare del genere da cui numerosissimi registi e sceneggiatori hanno preso spunto fino ai giorni nostri per realizzare le loro opere thriller. Un film che, al di là della famosissima scena dell’omicidio di Marion Crane nella doccia (che trova numerosissime rappresentazioni anche in cartoni animati e film comici statunitensi), ci ha proposto un quadro ben studiato e particolareggiato di Norman Bates, psicopatico gestore del Bates Motel, luogo in cui si svolge tutta la pellicola.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

NORMAN BATES (PSYCO)

NORMAN BATES

Norman è il mite proprietario del desolato Bates Motel, edificio sormontato dalla sinistra dimora di famiglia situata in cima a una collina.
Il giovane, timido e solitario, si occupa prevalentemente della gestione della pensione e dell’anziana madre Norma, donna bigotta e possessiva.
Il suo unico, singolare hobby è impagliare volatili. Soprattutto corvi.

Al Bates Motel capita per caso, in una notte di pioggia, la prorompente Marion Crane, avvenente ladra in fuga. Norman la accoglie con gentilezza, le affitta la stanza numero 1 e si offre di prepararle la cena. La ragazza, tuttavia, si accorge subito, pur senza mai incontrarla, di quanto poco la bisbetica signora Bates apprezzi la sua presenza; madre e figlio, infatti, hanno una furibonda discussione in proposito che Marion non può fare a meno di ascoltare.
I due giovani cenano comunque insieme in salotto. Dalla loro chiacchierata emergono la profonda fragilità e solitudine di Norman, patologicamente legato alla burbera madre invalida che non osa abbandonare, nonostante la scortesia con la quale lei lo tratta abitualmente.