Archivio tag: alice nella città

La macabra ironia de La Famiglia Addams rivive in Blu-ray

Evento speciale all’ultima edizione di Alice nella Città, arriva in home video La famiglia Addams, riuscitissimo film d’animazione che adatta con fedeltà e macabro umorismo le mitiche strisce a fumetti di Charles Addams. Il film diretto da Conrad Vernon e Greg Tiernan è disponibile in 4K Ultra HD, DVD e in edizione combo Blu-ray + DVD distribuito da Eagle Pictures a partire dal 20 febbraio 2020.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

La Famiglia Addams, la recensione

Nel 1938 il fumettista Charles Addams creò per il quotidiano The New Yorker una serie di vignette che avevano per protagonisti alcuni bizzarri personaggi dall’aspetto grottesco. All’epoca non c’era ancora la consapevolezza di volerne fare una famiglia e raramente le vignette raccoglievano più di due personaggi alla volta. In seguito all’enorme e inaspettato successo delle sue vignette, Addams cominciò a creare attorno a questi personaggi una storia e ne fece una famiglia, La famiglia Addams, utilizzando il suo stesso nome.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Lola + Jeremy, la recensione

Jeremy (Syrus Shahidi) ha 27 anni, è un graphic designer e gestisce una singolare agenzia che crea finti alibi a fidanzati infedeli. Lola (Charlotte Gabris), 25 anni, lavora in una fumetteria, adora i supereroi e il cinema di Michel Gondry. I due innamorati creano il  video-diario giornaliero della loro storia, col proposito di riguardarlo dieci anni dopo. Ma la curiosità, si sa, è femmina. Lola, infatti, cede alla tentazione di rivedere immediatamente i contenuti video… incappando in un filmato che non avrebbe dovuto scoprire e che la porta addirittura alla decisione di rompere con Jeremy. Quest’ultimo, da quel momento, farà di riconquistarla lo scopo della propria vita.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +3 (da 3 voti)

Captain Fantastic, la recensione

Essere genitore vuol dire inevitabilmente fare delle scelte. Porsi delle domande e cercare la risposta che si ritiene la migliore per il bene dei propri figli. Captain Fantastic, ultimo film diretto da Matt Ross, presentato a RomaFF11, ha come protagonista un padre sicuro di sé, certo del modo in cui sta crescendo i suoi bambini. Ma questo padre è veramente fantastico come crede?

Nella foresta del Nord America, Ben cresce i sei figli lontano dalla società consumistica moderna in pieno contatto con la natura. Tra una scalata sulle montagne e letture impegnate intorno al fuoco, le giornate trascorrono felicemente.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

3 Generations – Una famiglia quasi perfetta, la recensione

Possiamo cambiare chi ci circonda mentre cerchiamo di cambiare noi stessi?
Ramona, spegnendo le candeline nel giorno del suo compleanno, esprime ogni anno lo stesso desiderio: diventare uomo, diventare Ray. Nel percorso di terapia ormonale sostitutiva, Ray sarà accompagnato da sua madre, Maggie, donna single di mezza età strettamente legata a sua madre, Dolly, e alla sua compagna (non solo metaforicamente, dato che vive ancora insieme a loro).
3 Generations-Una famiglia quasi perfetta, film in concorso nella sezione Alice nella città all’undicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, rappresenta uno di quei rari e paradossali casi in cui l’adattamento del titolo non tradisce il film ma anzi, lo favorisce.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Kubo e la spada magica, la recensione

Parlando di film d’animazione si è soliti pensare al loro incipit con lo schema del “c’era una volta …”. Queste sono le quattro parole che aprono le porte a mondi fantastici popolati di protagonisti coraggiosi e creature misteriose; nonostante questo, ormai molti titoli hanno rinunciato a tale schema proveniente dalla fiaba. Lo stesso Kubo e la Spada Magica, film presentato nella sezione Alice nella città dell’undicesima Festa del Cinema di Roma, non utilizza questa espressione rituale ma il “c’era una volta” è il cuore della storia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

RomaFF11: Swiss Army Man

Se pensiamo a film che hanno come protagonista un cadavere, la mente dei più subito va al fortunatissimo Weekend con il morto che tanto ci ha fatto ridere durante l’infanzia davanti alla tv, oppure al primo capitolo della saga di Saw nel quale, come molti sanno, il fulcro della storia era rappresentato da un corpo senza vita piazzato al centro della stanza in cui erano prigionieri i due protagonisti. Se questi titoli però sono appartenenti alla grande famiglia del cinema di genere, con Swiss Army Man, presentato in Alice nella Città all’undicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, ci troviamo difronte ad un netto ed anche rischioso cambio di direzione.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

RomaFF11: Max Steel

Nato da una linea di giocattoli della Mattel sul finire degli anni ’90, Max Steel è il tentativo da parte della casa produttrice della bambola Barbie di seguire l’orma della rivale Hasbro e portare al cinema le sue proprietà intellettuali. Se Hasbro ha attaccato con successo con Transformers e G.I. Joe, la Mattel risponde con Max Steel, che, nelle intenzioni, ha uno spirito molto affine ai cinecomix targati Marvel Studios.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Dio esiste e vive a Bruxelles e Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet in Blu-ray

A dimostrare che la cinematografia d’oltralpe è tra le più vitali e originali del panorama internazionale ci pensa la Koch Media, che ha distribuito in home video due opere provenienti, rispettivamente da Belgio e Francia, si tratta di Dio esiste e vive a Bruxelles e Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet, che abbiamo visionato in Blu-ray Disc.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Black or White, la recensione

La delicata questione del problema razziale negli USA è, da sempre, tema conduttore di importanti film che hanno segnato la cinematografia mondiale, dai toni freddi e severi delle aule giudiziarie del magnifico Il buio oltre la siepe, a quelli, più leggeri e scanzonati, del classico Indovina chi viene a cena?. Persino oggi, la diatriba tra bianchi e neri appare come il perpetuo fardello culturale per il quale un paese come L’America sta ancora pagando caro il prezzo di pregiudizi e ipocrisia. In occasione della nona edizione del Festival Internazionale del film di Roma, l’argomento interrazziale è stato riportato in auge dall’ultimo film prodotto e interpretato da Kevin Costner, Black or White, presentato nella sezione Alice nella Città. La regia affidata a Mike Binder, già autore di film, più o meno riusciti, tesi ad analizzare i fragili rapporti interpersonali, qui confeziona una storia che attinge a piene mani dalle commediole hollywoodiane più zuccherine e dai buoni sentimenti, con un pizzico di drama qua e là, e un contorno giudiziario traballante.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)