Archivio tag: Andy Serkis

Il ragazzo che diventerà Re, la recensione

Diviso fra Storia e folclore, il condottiero britannico Re Artù, il solo in grado di difendere la Gran Bretagna dagli invasori sassoni tra la fine del V secolo e l’inizio del VI, oltre a genere disappunto tra storici e demologi è ad oggi una delle figure leggendarie più influenti sulla Settima Arte. Non si contano, infatti, le numerose produzioni cinematografiche sorte attorno a questa figura e ci basta pensare che la prima produzione interessata a quest’eroe è un cortometraggio risalente al 1909 diretto da Charles Kent, Launcelot and Elaine. Oggi il mito di Re Artù e della straordinaria spada Excalibur rivive in Il ragazzo che diventerà Re, film per ragazzi scritto e diretto dal talentuoso Joe Cornish.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Mowgli – Il figlio della giungla, la recensione

Impossibile parlare di Mowgli – Il figlio della giungla ignorando l’iter produttivo e distributivo che l’hanno accompagnato.

Inizialmente pensato con il titolo apri-saga Jungle Book: Origins, Mowgli ha iniziato il suo viaggio pre-produttivo nel lontano 2014, quando la Warner Bros. si era dimostrata interessata a produrre una nuova versione del capolavoro immortale di Rudyard Kipling per le nuove generazioni e, dato il previsto utilizzo massiccio della performance capture, si era pensato di offrire all’attore Andy Serkis – vero simbolo della performance capture – la possibilità di esordire alla regia, dopo la prova già dimostrata nei tre film de Lo Hobbit come regista di seconda unità.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Black Panther, la recensione

Arrivati quasi alla soglia del ventesimo lungometraggio, deve esserci non poca difficoltà in casa Marvel Studios nel realizzare film che riescano ad accontentare sia un pubblico selezionato che uno più generalista. Infatti una delle “critiche” più frequenti da parte dei detrattori delle opere appartenenti al Marvel Cinematic Universe è che i film, in fin dei conti, si somiglino un po’ tutti. Ovviamente c’è un’intenzionalità da parte della Marvel/Disney nel creare una coerenza stilistica e narrativa nei loro vari prodotti, ma la reinvenzione (se così vogliamo chiamarla) del Dio del Tuono in Thor: Ragnarok ha preoccupantemente gettato un punto a favore di quei detrattori (per approfondimenti vi rimandiamo alla recensione di Thor: Ragnarok). Ma oggi arriva nei cinema Black Panther e coup de théâtre! Il tanto atteso (e un po’ gonfiato dalla stampa americana) esordio totally-black nell’MCU è una ventata d’aria fresca, un prodotto completo e complesso che rinvigorisce e conferma la grandissima qualità generale del lavoro svolto dai Marvel Studios.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 2 voti)

The War – Il Pianeta delle Scimmie, la recensione

Ora che è compiuta, possiamo tranquillamente affermarlo: la trilogia prequel de Il Pianeta delle Scimmie è una delle cose più belle, armoniose e genuinamente complesse apparse nel panorama del cinema di fantascienza di questo terzo millennio.

Iniziata nel 2011 da Rupert Wyatt con il bellissimo L’alba del Pianeta delle Scimmie, la saga prequel è proseguita nel 2014 con l’altrettanto ottimo Apes Revolution – Il Pianeta delle Scimmie, diretto dal talentuoso Matt Reeves. Ed è proprio guardando alla direzione intrapresa in questo capitolo due che Reeves prosegue il discorso di The War – Il Pianeta delle Scimmie, eccezionale episodio conclusivo di una trilogia perfetta.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 10.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)

Apes Revolution – Il Pianeta delle Scimmie, la recensione

A tre anni dal bellissimo prequel/reboot L’alba del pianeta delle scimmie, tornano i primati guidati dallo scimpanzé Cesare nel riuscitissimo Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie, che ci racconta l’inizio della guerra che metterà l’uomo e le scimmie uno contro l’altro, con la vittoria dei primati.

Era il 1968 quando Franklin J. Shaffner portava sul grande schermo Il pianeta delle scimmie, tratto dall’omonimo romanzo di Pierre Boulle. La storia del cinema di Fantascienza aveva un nuovo fondamentale tassello e le avventure dell’astronauta George Taylor, interpretato da un iconico Charlton Heston, erano destinate a fare scuola e ad entrare nell’immaginario collettivo per molte generazioni.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)

Apes Revolution – Il Pianeta delle Scimmie: la descrizione di 20 minuti in anteprima!

Pochi giorni fa, la 20th Century Fox ci ha invitati ad assistere in anteprima a un footage di 20 minuti dell’atteso Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie (Dawn of the Planet of the Apes), il sequel di L’alba del pianeta delle scimmie, che uscirà nei cinema il 30 luglio.

Accolti nella sala più grande della Casa del Cinema di Roma, abbiamo visionato un mix di scene tratte dal film diretto da Matt Reeves, alcune delle quali ancora da sottoporre a postproduzione e, pertanto, prive degli effetti visivi finali.   

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Annunciato il cast di Star Wars: Episodio VII

Il team di Star Wars ha finalmente annunciato il cast di Star Wars: Episodio VII.

Nel nuovo film entreranno a far parte come new entries John Boyega, Daisy Ridley, Adam Driver, Oscar Isaac, Andy Serkis, Domhnall GleesonMax von Sydow, che vanno ad unirsi alle star vecchie conoscenze della saga: Harrison Ford (Han Solo), Carrie Fisher (Leia), Mark Hamill (Luke Skywalker), Anthony Daniels (C-3PO), Peter Mayhew (Chewbacca) e Kenny Baker (R2-D2).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

“Lo Hobbit – la Desolazione di Smaug” : nuovi character poster italiani

Ecco a voi i nuovissimi character poster italiani dell’attesissimo secondo capitolo della trilogia cinematografica dedicata al libro The Hobbit, di J.R.R. Tolkien .

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)