Archivio tag: bill murray

I morti non muoiono, la recensione

Lo zombi è uno dei “mostri” postmoderni più affascinanti e complessi perché è riuscito con efficacia a raccontare la società, a farsi metafora del malessere, dell’omologazione, del capitalismo imperante che porta al consumismo, della futilità della vita e dei beni attorno a cui tutto ruota. Inoltre, lo zombi è riuscito a svecchiarsi, rinnovarsi, contaminarsi, celebrarsi rimanendo costantemente sulla cresta dell’onda del panorama horror internazionale e facendosi protagonista di successo al cinema, sui fumetti, nei videogiochi e in televisione.

Anche i sassi sanno che il papà putativo dello zombi come lo conosciamo oggi è George A. Romero, giustamente celebrato in ogni dove e dal quale siamo tristemente orfani, che ha saputo donare (a suo dire inconsapevolmente… all’inizio) nuovi significati e una mitologia originale all’immagine del morto vivente slegandolo dalla tradizione religiosa. Da allora – e parliamo del 1968, anno d’uscita del capolavoro La notte dei morti viventi – il nuovo archetipo dello zombi è stato utilizzato da altri, citato, smembrato, ricomposto e riciclato, rimanendo sempre vivo nell’immaginario popolare, grazie anche a prodotti di successo come il serial fumettistico-televisivo The Walking Dead.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Confermato il cast di Ghostbusters 3! Bill Murray ci sarà?

    È probabilmente il sequel/reboot più controverso degli ultimi dieci anni. Tutti ne parlano, ma nessuno sa effettivamente che pesci prendere. Alludiamo, naturalmente, al terzo capitolo della saga dei Ghostbusters che, contro ogni aspettativa, sta davvero prendendo forma, tra perplessità, polemiche e anche una buona dose di curiosità.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

St. Vincent, la recensione

A volte ci rendiamo conto come basti un attore per rendere un film diverso da quello che sarebbe potuto essere. Parafrasando un neanche troppo vecchio tormentone lanciato da Adriano Celentano, c’è chi è lento e chi è rock. St. Vincent è lento, Bill Murray è rock, il che trasforma, per estensione, St. Vincent in rock.

La deliziosa commedia agro-dolce di Theodore Melfi è fatta dagli attori e, in particolare, dall’Attore, quel Bill Murray qui protagonista che difficilmente non riesce ad elevare con la sua presenza un film.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

St. Vincent: Bill Murray cool e sportivo nei tre poster

Grazie a Impawards, sono disponibili per voi, in calce, ben tre nuove locandine di St. Vincent, commedia agrodolce, freschissima nei cinema statunitensi, con protagonista il mitico Bill Murray.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +3 (da 3 voti)

Ghostbusters festeggia 30 anni con due mesi di eventi italiani

Sono passati ormai trent’anni da quando Ghostbusters – Acchiappafantasmi è approdato nelle sale di tutto il mondo. Era il 7 giugno 1984, infatti, quando il capolavoro di Ivan Reitman aveva la sua prima ad Hollywood. Ora la magnifica fanta-comedy con Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson e il compianto Harold Ramis si prepara al suo tour per il trentennale anche in Italia, con due mesi si eventi legati a uno dei franchise cinematografici più amati di sempre.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Bill Murray sarà l’orso Baloo… ma solo con la voce!

Il Libro della Giungla torna al cinema in un adattamento live action firmato Disney. Tutti abbiamo nel cuore il cartoon del 1967, ispirato alla serie di racconti firmati da Rudyard Kipling; immaginare cosa aspettarsi in più da questo nuovo progetto è davvero difficile! La notizia del giorno, tuttavia, non potrà fare a meno di strappare qualche sorriso di approvazione: il mitico e inossidabile Bill Murray presterà la voce al personaggio, altrettanto amato dal pubblico internazionale, dell’orso Baloo.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 4 voti)

The Grand Budapest Hotel, la recensione

Il buon vecchio Wes è finalmente tornato sui nostri schermi con l’attesissimo The Grand Budapest Hotel, ricompensando la pazienza dei suoi numerosissimi estimatori italiani. La fortunata pellicola, prima di approdare nella Penisola, ha infatti viaggiato per tutta l’Europa (e non solo, riscuotendo critiche per lo più positive e portando a casa soddisfazioni di un certo livello, quali il Gran Premio della Giuria alla 64° edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Dopo visione del lungometraggio, non è affatto difficile comprendere la ragione di tanto entusiasmo. Wes Anderson, regista di gioielli quali I Tenenbaum e Moonrise Kingdom, cultore del dettaglio e artista dell’atmosfera, colpisce ancora una volta il bersaglio, portando sul grande schermo una vicenda squisitamente confezionata, dal sapore vintage e dal retrogusto noir, nella quale lo spettatore viene introdotto a poco a poco, con la meticolosa cautela dell’esploratore e l’eccitante curiosità del lettore, attraverso uno sfizioso gioco di scatole cinesi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +6 (da 6 voti)

Ghostbusters 3 si farà, anche senza Harold Ramis

The Hollywood Reporter ha riportato la notizia che il progetto di Ghostbusters 3, da anni nei cantieri della Sony ma continuamente rinviato, non è stato cancellato in seguito alla tragica scomparsa di Harold Ramis (che prestò il volto a Egon Spengler e la penna allo script dei primi due film).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

E’ morto Harold Ramis, l’indimenticabile Ghostbuster Egon Spengler

Un lutto ha afflitto il mondo del cinema americano.

Si è spento oggi, 24 febbraio 2014, a Chicago all’età di 69 anni Harold Ramis, indimenticabile attore, regista e sceneggiatore di alcune delle migliori commedie americane a cavallo tra gli anni ’80 e ’90.

Ricordiamo Ramis come sceneggiatore e attore in Ghostbusters – Acchiappafantasmi e Ghostbusters II, dove interpretava Egon Spengler, di recente, invece, lo abbiamo visto in Molto incinta di Judd Apatow e Anno Uno al fianco di Jack Black. Tra le sue regie più note ci sono National Lampoon’s Vacation (1983), Ricomincio da capo (1993), Terapia e pallottole (1999), Un boss sotto stress (2002) e Anno uno (2009).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Una data d’uscita per il nuovo film di Cameron Crowe

La Sony Pictures ha comunicato la data d’uscita del prossimo film scritto e diretto da Cameron Crowe, attualmente senza un titolo né una trama ben definita. Il film debutterà nelle sale americane il 25 dicembre 2014, affrontando, al box office, rivali di tutto rispetto quali il musical Into the Woods e l’esordio dietro la macchina da presa di Angelina Jolie: Unbroken.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)