Archivio tag: brad pitt

Oscar 2020: resoconto della cerimonia e tutti i premi

Los Angeles, notte tra il 9 e 10 febbraio 2020, ore 5:25 italiane, circa. Si è fatta la Storia del cinema internazionale grazie alle 92^ edizione degli Academy Awards con l’assegnazione al film sudcoreano Parasite della statuetta come Miglior Film, dopo la vittoria dell’Oscar come Miglior Film Internazionale. È la prima volta che un film non in lingua inglese vince l’ambita statuetta di miglior film, nonché prima volta che un film di nazionalità sudcoreana non solo vince un Oscar, ma viene addirittura nominato!

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

C’era una volta a Hollywood: il blu-ray del nono film di Quentin Tarantino

Forte di ben 10 candidature ai prossimi premi Oscar, torniamo a parlare di C’era una volta a… Hollywood, il nono film di Quentin Tarantino recentemente distribuito in home video da Sony Pictures Home Entertainment. Una moltitudine di edizioni per la magnifica “favola” sul mondo del cinema, che arriva in formato standard DVD, Blu-ray Disc, 4K Ultra HD Steelbook, edizione speciale Gallery Book blu-ray con booklet e Vinyl Edition 4k + blu-ray con vinile 45 giri.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Thriller 90’s: in blu-ray Seven e The Net – Intrappolata nella rete

Per più di qualcuno gli anni ’90 hanno rappresentato un periodo “buio” per la settima arte; un decennio di transizione necessario a “ripulirsi” da quell’esuberanza espressiva/visiva degli ’80 per abbracciare forme narrative/artistiche più sobrie e mature. Eppure, anche se molti faticano a mettere a fuoco questo decennio, c’è da riconoscere che il decennio ’90 è stato più che mai fondamentale per ciò che concerne il thriller. Negli anni ’90 abbiamo assistito ad una vera e propria rivoluzione, un’autentica ricodifica del genere, avviata nel 1991 con Il silenzio degli innocenti e destinata a generare quel “thriller” così come lo conosciamo oggi. Ad affiancare il film di Jonathan Demme in quanto ad importanza storica ci ha pensato senza ombra di dubbio Seven, capolavoro di David Fincher che ancora oggi continua ad esercitare inarrestabile una notevole influenza sul genere. Il film di Fincher arriva per la prima volta in alta definizione Blu-ray disc con CG Entertainment e a fargli compagnia c’è The Net – Intrappolata nella rete, altro thriller figlio del decennio e con l’intuizione di metterci in guardia sul pericolo scaturibile dal nascente “mondo dei computer”.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Ad Astra, una recensione positiva

“Per aspera ad astra”, recitava il De natura deorum di Cicerone. Allocuzione spesso utilizzata da altri autori del passato fino a diventare un vero e proprio modo di dire, nonché motto della Flotta Stellare in Star Trek. “Attraverso le asperità fino alle stelle”, per indicare le difficoltà nel raggiungere un obiettivo, un significato che viene preso alla lettera però da James Gray che al suo settimo lungometraggio da regista, Ad Astra, sceglie proprio parte di questa frase per titolare l’avventuroso viaggio nello spazio di un astronauta alla ricerca di un affetto perduto e una soluzione per salvare la Terra da un destino infausto.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Ad Astra, una recensione negativa

Un piccolo passo per Brad Pitt, un grande passo falso per gli spettatori di Ad Astra, lungometraggio diretto da James Gray in Concorso alla 76esima Mostra del Cinema di Venezia.

Ma andiamo con ordine: in un futuro prossimo una letale onda elettromagnetica colpisce la Terra causando il malfunzionamento e la distruzione dei congegni elettronici. All’ingegnere spaziale Roy McBride viene affidata una missione: andare su Marte, nell’ultimo avamposto umano, per inviare dall’unica antenna ancora funzionante un messaggio verso Nettuno. Infatti, il governo sospetta che il “picco” (così è chiamata l’onda) provenga da un’astronave scomparsa anni e anni prima e capitanata (guarda te il caso a volte!) dal padre di Roy, Clifford, divenuto leggenda grazie alle prodezze d’esplorazione compiute nella vita.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 6 voti)

C’era una volta a Hollywood, la recensione

c'era una volta a Hollywood

Giunto al suo nono film (e ¼ ), Quentin Tarantino realizza la sua opera più personale, introspettiva e, in un certo senso, malinconica. C’era una volta a… Hollywood è l’ideale testamento di un grandissimo artista, la raggiunta maturità di un autore che in neanche trent’anni di carriera è riuscito a cambiare radicalmente il modo di intendere il cinema, influenzando in maniera indelebile la Hollywood contemporanea e la visione di molti giovani filmaker.

Non avrebbe stupito, infatti, se Tarantino avesse scelto proprio C’era una volta a… Hollywood per dare l’addio alla sua carriera da regista, come da molto tempo ormai paventa con il raggiungimento del decimo film. Non avrebbe stupito perché C’era una volta a… Hollywood è la summa dell’immaginario tarantiniano, oltre che una dichiarazione d’amore sentitissima alla settima arte e, soprattutto, a quel Cinema con cui il regista di Pulp Fiction è cresciuto e si è formato.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Allied – Un’ombra nascosta, la recensione

Nel 1942 – in pieno secondo conflitto mondiale – la spia canadese Max Vatan (Brad Pitt) incontra a Casablanca la collega francese Marianne Beausejour (Marion Cotillard) per compiere una pericolosa missione: uccidere un ambasciatore tedesco. I due, che per copertura devono fingersi marito e moglie, si ritroveranno di lì a poco uniti da un reale sentimento d’amore, al punto da diventare davvero una famiglia.
Uno scomodo e gravissimo sospetto, le cui conseguenze sarebbero tragicamente irreversibili, turberà tuttavia l’armonia del loro rapporto…

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +10 (da 10 voti)

La grande scommessa, la recensione

Nulla, assolutamente nulla, di quello che ci viene mostrato ne La Grande Scommessa, dovrebbe farci ridere. Nemmeno un pochino. Proprio no. Voglio dire, stiamo parlando di una delle crisi finanziarie più catastrofiche della storia. La deflagrazione, nell’ormai lontano 2007, di una bolla speculativa nel settore immobiliare americano, la cosiddetta crisi dei mutui subprime, che conduce ad una recessione globale e persistente, accompagnata da aumenti del prezzo delle materie prime, crisi alimentari e disfunzioni nel sistema bancario e creditizio. E allora perché, nonostante tutto, malgrado tutto, La Grande Scommessa risulta tuttavia così maledettamente divertente? E allo stesso tempo così terribilmente inquietante?

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Fury in edizione speciale Blu-ray con Sony Pictures

La guerra crea gli eroi. La storia li trasforma in leggenda. Così recita la diretta e incisiva tagline di Fury, meraviglioso war movie acclamato da pubblico e critica e pronto a riportare alta la tradizione di un genere sempre meno esplorato, il cinema di guerra. Grazie a Sony Pictures, il film arriva in home video sia in edizione standard DVD che in un’eccezionale edizione Blu-ray doppio disco ricca di interessanti contenuti speciali.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Fury, la recensione

Fury è il nome del carro armato dal quale il sergente americano Don Collier (interpretato da un grande Brad Pitt) guida la sua unità di cinque uomini, nell’aprile del ‘45. Fury è il loro “locus amoenus”, una rappresentazione in scala della totalità della guerra. In questo carro armato dall’interno tappezzato di foto, mangiano, sparano ai nazisti, ridono, puliscono i resti umani di un compagno. Ma soprattutto, a bordo di esso, si getteranno in un’impresa suicida nel cuore della Germania nazista.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 2 voti)