Archivio tag: commedia francese

7 uomini a mollo, la recensione

Bertrand (Mathieu Almaric) è un padre di famiglia quarantenne, in crisi, disoccupato da due anni, che vive sul divano; Marcus (Benoît Poelvoorde) vende piscine in vetroresina in un posto dove le piscine proprio non le compra nessuno ed è sull’orlo del fallimento; Laurent (Guillaume Canet), nonostante sia il dirigente di un’azienda che funziona bene, è arrabbiato con l’umanità e sta affrontando grandi problemi familiari; Simon (Jean-Hugues Anglade) vorrebbe essere una rockstar, talento ne avrebbe anche ma vive solo in un camper; Thierry (Philippe Katerine) è un uomo rimasto bambino che lavora alla piscina municipale.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Tutti in piedi, la recensione

In attesa delle numerose commedie italiane pre e post-natalizie, i distributori ci stanno inondando con quelle di provenienza transalpina. Tutti in piedi (Tout le monde debout) diretto da Franck Dubosc, che esordisce come regista, ne è l’ennesima dimostrazione.

Nella commediografia francese torna periodicamente alla ribalta l’argomento handicap. Ci si può imbattere in false disabilità come nel divertente Giù Al Nord del 2008 oppure autentiche come quella del formidabile Quasi Amici del 2012 fino a quelle recentissime di Un Figlio All’Improvviso.  E abbiamo citato solo i casi più conosciuti. Ora ci risiamo. Un finto handicap fa da colonna portante al risibile Tutti in piedi. Una pretenziosa commedia romantica in uscita nelle sale da giovedì 27 settembre.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Benvenuti a casa mia, la recensione

L’ilarità c’è, la commedia pure: è tutto il resto che manca.

Mi imbarazza scrivere di Benvenuti a casa mia perché è difficile commentare la pellicola senza doversi contraddire su quasi ogni suo aspetto. Ad esempio, la sceneggiatura. Se da un lato abbiamo delle battute e un lavoro sui personaggi che rappresentano la minoranza Rom, dall’altra abbiamo personaggi che vengono presentati e poi lasciati in un angolo, come uno scatolone di Natale che aspetta un anno per venire rispolverato, o peggio ancora per venire dimenticato in cantina. Così anche l’elemento sociale, che contraddistingue le commedie francesi più brillanti, non viene per nulla preso in considerazione. O meglio viene solo sfruttato per fare della comicità. Il che non fa ridere.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

C’est la vie – Prendila come viene, la recensione

C’est la vie – Prendila come viene è il nuovo film della premiatissima ditta Nakache e Toledano, popolarissimi dopo Quasi Amici, e arriva nelle sale l’1 febbraio 2018 dopo un passaggio alla Festa del Cinema di Roma. Archiviata la parentesi più sociale con Samba, i due registi tornano ai sentimenti positivi e alla commedia pur se molto più sofisticata rispetto al loro famoso titolo del 2011.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 4 voti)

Tutti gli uomini di Victoria, la recensione

La regista Justine Triet firma una commedia fresca, che descrive con brio sfide e contraddizioni inevitabilmente appartenenti alla donna di oggi, incarnata della ‘Katherine Heigl d’oltralpe Virginie Efira.

Tutti gli uomini di Victoria è una pellicola classica eppure originale che, strizzando l’occhio al brillante spirito americano, ben sfrutta le potenzialità narrative offerte dal genere comico.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 2 voti)

Un profilo per due, la recensione

Alex (Yaniss Lespert), giovane scrittore senza arte né parte, vive una insoddisfacente relazione con (e a carico di) Juliette, ambiziosa ragazza in carriera.
Per scuotere il ragazzo dalla patetica abulia in cui si trastulla, Sylvie (la mamma di Juliette) gli propone di impartire lezioni di informatica al suo anziano papà Pierre (Pierre Richard), depresso e trascurato dopo la morte dell’adorata moglie. Sylvie promette ad Alex di non rivelare al padre che ad insegnargli a usare il computer sarà il fidanzato della nipote, e così il bizzarro corso ha inizio, non senza reticenze da parte di entrambi. La faccenda prenderà una piega inaspettata quando Pierre scoprirà il seducente e imprevedibile mondo degli incontri online…

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +8 (da 8 voti)

In viaggio con Jacqueline, la recensione

In viaggio con Jacqueline, in originale La Vache (La Vacca), è una commedia francese di grande successo. In patria ha abbattuto la barriera del milione di spettatori e arriva sui nostri schermi con l’auspicio di confermare il buon trend di pubblico che la commedia transalpina può vantare a queste latitudini da qualche anno a questa parte.

Una favola dolce, stralunata e buffa, animata dalle migliori intenzioni, realizzata dal team produttivo di Quasi Amici.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Un amore all’altezza, la recensione

Ricordate il classico Disney La spada nella roccia? C’è un momento in cui Mago Merlino confessa a Semola: “Questa faccenda dell’amore è una cosa potentissima”. Una citazione che sembra un buon punto di partenza per analizzare Un amore all’altezza, commedia firmata da Laurent Tirard da oggi nelle nostre sale.

Come il titolo non manca di suggerire, c’è proprio il sentimento più complesso e forte del mondo al centro dell’intreccio e le riflessioni che questo va a sollevare sono meno superficiali di quanto non si penserebbe.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +8 (da 8 voti)

Torno da mia madre, la recensione

Nel 2014 il regista Eric Lavaine raccontava sui nostri schermi, con la commedia corale Barbecue, le sfumature scomode e paradossali dei rapporti d’amicizia. Due anni dopo, il cineasta d’oltralpe non rinuncia a indagare la complessità delle dinamiche interpersonali, ma sposta la propria sfera d’interesse direttamente nel centro nevralgico del nucleo familiare: il confronto madre/figlia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +10 (da 10 voti)

Benvenuti… ma non troppo, la recensione

Il rigido inverno francese porta il governo a adottare originali misure di sicurezza per salvaguardare i senzatetto.
I cittadini che vivono in appartamenti con stanze libere, pertanto, dovranno ospitare persone disagiate e/o senza fissa dimora. Il provvedimento, naturalmente, non sarà privo di conseguenze. In particolare al civico 86 di Rue du Cherche Midi, dove abitano le famiglie protagoniste: i coniugi borghesi Dubreil (Karin Viard e Didier Bourdon) e i radical chic Bretzel (Valérie Bonneton e Michel Vuillermoz).
L’intrusione di perfetti estranei nelle loro dimore romperà vigorosamente i già precari equilibri domestici e condominiali, lasciando emergere contraddizioni e abiezioni a tutto spiano.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +7 (da 7 voti)