Archivio tag: death race

Death Race – Anarchia, il quarto capitolo della saga in blu-ray disc

All’inizio di tutto c’è un piccolo film del 1975 prodotto da Roger Corman e interpretato da David Carradine e Sylvester Stallone. Co-diretto da Paul Bartel e lo stesso Corman, anche se poi fu solo il primo a firmare la regia, Anno 2000: La corsa della morte è un piccolissimo action-fantascientifico che è stato capace di guadagnarsi l’appellativo di cult tanto da influenzare/anticipare molto altro cinema dal carattere distopico-sportivo (con film d’un certo valore come Rollerball o il più recente Hunger Games). Oltre a generare due sequel ufficiali, I gladiatori dell’anno 3000 (1978) e Death Race 2050 (2017), il film di Bartel è stato oggetto di un remake nel 2008 con Death Race, diretto da Paul W.S. Anderson e interpretato dall’action-man Jason Statham. Un film solo in parte riuscito, quello di Anderson, poiché ha trasformato la grottesca opera originale in un action bidimensionale e fin troppo omologato alla massa. Un’operazione che ha comunque spinto la Universal Pictures a trasformare Death Race in un franchise da serializzare e così la violenta “corsa della morte” è finita per diventare l’attrazione principale di una nuova saga destinata a vivere e sopravvivere solamente sui circuiti dell’home video. Dopo Death Race 2 e Death Race – Inferno, arriva anche il quarto capitolo: Death Race – Anarchia.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Death Race 2050: la corsa della morte torna in Blu-Ray

Era il 1975 quando nei cinema americani usciva un film destinato a diventare di culto tra gli amanti dei b-movie: Death Race 2000, che in Italia diventò Anno 2000 – La corsa della morte. La regia era stata affidata a Paul Bartel, all’epoca noto per l’horror Bambole e sangue, ma il vero marchio di fabbrica era il nome in produzione, Roger Corman, che in quegli anni aveva istituito una Factory inarrestabile e capace di sfornare film imperdibili per tutti gli appassionati.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Pompei, la recensione

Paul W.S. Anderson è un regista capace di mettere in difficoltà anche il critico cinematografico più votato all’intrattenimento di maniera. Gran guru dell’azione esasperata ed esagitata, sciamano del videogame su grande schermo, dal momento che ha iniziato la carriera con il film di Mortal Kombat e ha proseguito con Resident Evil e Alien vs. Predator, tra i primi ad essersi convertito convintamente al 3D, Anderson passa con estrema nonchalance da autentici gioielli come Punto di non ritorno e Death Race a imbarazzanti spottoni di nulla come i sequel di Resident Evil, fino a toccare vette di disorientamento filmico con la sua versione steampunk di I tre Moschettieri.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)