Archivio tag: eli roth

History of Horror: la storia del cinema horror secondo Eli Roth nella prima stagione della docu-serie

Per un appassionato di cinema horror manifestare, trasmettere e divulgare la propria passione è un modo per lasciare il segno, per dire al mondo che lo circonda quanto un genere spesso visto con sospetto sia invece un grande involucro di costume e conoscenza, una chiave fondamentale per decodificare la realtà sociale di una specifica epoca. Eli Roth, che tutti conosciamo come regista di gioiellini di genere come Cabin Fever e Hostel ma anche attore nel cultissimo Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino, è un appassionato di cultura horror d.o.c. e come ogni appassionato vuole esternare il suo sapere, il suo amore per il genere. Da qui nasce Eli Roth’s History of Horror una docu-serie targata AMC (l’emittente di The Walking Dead) che prova a mettere ordine nell’affollato universo dell’orrore cinematografico.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Haunt, la recensione

Controverso, discusso, eclettico, eccentrico e al tempo stesso amato da molti appassionati del genere horror, Eli Roth è un regista che ha segnato gli ultimi quindici anni della scena contemporanea con il suo stile a metà fra il serio e il faceto e intriso di tanta voglia di esprimere tutto il suo amore verso i filoni cinematografici che più ama (trai quali un posto di gran rilevo ha il cinema di genere made in Italy). Caratteristiche che l’autore statunitense ha messo in evidenza sia nei panni di regista che in quelli di produttore, attività fertile portata avanti negli ultimi anni con sempre maggior costanza e in cui si è cimentato nuovamente con Haunt, alla cui regia troviamo Scott Beck e Bryan Woods.

Questi ultimi, reduci dal successo di A Quiet Place, di cui hanno firmato la sceneggiatura, tornano dietro la macchina da presa dopo il thriller/horror Nightlight (2015) con uno slasher in piena regola che risente tantissimo delle loro esperienze artistiche passate e dell’ala protettrice di un Roth sicuramente entusiasta del risultato.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il mistero della casa del tempo, la recensione

C’era una volta Eli Roth, regista di proibitissimi film horror, uno dei pochi ad essersi beccato il VM18 per la distribuzione in sala in Italia per ben due volte (Hostel: Part II nel 2007, e The Green Inferno nel 2013), uno cresciuto a pane e splatter, pupillo di Quentin Tarantino e tra gli apripista dell’ormai tramontato filone del torture porn. C’era una volta e forse non c’è più perché il maggior successo economico mai realizzato da Roth è un film per bambini, Il mistero della casa del tempo (The House with a Clock in the Walls), prodotto dalla Amblin di Steven Spielberg e interpretato da re della risata Jack Black.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il giustiziere della notte, la recensione

Era il 1972 quando nelle librerie americane compariva Death Wish di Brian Garfield, sagace romanzo “thrilling” che portava avanti una neanche tanto velata critica alla società americana. Era un periodo di grande fermento sociale, la sicurezza del cittadino era costantemente messa in discussione dal crimine sempre più dilagante che aveva perso quel carattere di nobile esclusiva della criminalità organizzata ed era stato sporcato da “pesci piccoli” con rapine, stupri e omicidi di quartiere. Una situazione di fronte alla quale la polizia spesso non riusciva ad intervenire, impotente dinnanzi a un mondo in rivolta che identificava nelle stesse forze dell’ordine un nemico da cui diffidare.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Cell: trailer italiano e data d’uscita dell’horror tratto da Stephen King

Scritto da Stepehen King, pubblicato nel 2006 e subito opzionato per esserne tratto un film, Cell ha avuto un iter produttivo molto travagliato, che ha portato a posticipi e cambi di regia. Ma ora finalmente ci siamo e l’apocalittico horror d’azione arriverà nei cinema italiani il 14 luglio distribuito da Notorious Pictures. Oggi possiamo mostrarvi il primo trailer italiano e la locandina.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Knock Knock e Regression: i Blu-ray Limited Edition di Midnight Factory

La prolifica Koch Media, tramite l’etichetta specializzata Midnight Factory, ha recentemente portato in home video due thriller d’autore molto attesi dagli appassionati del genere: l’home invasion al femminile Knock Knock, del regista cult Eli Roth, e l’indagine sulle sette sataniche Regression, con Emma Watson e Ethan Hawke del regista premio Oscar Alejandro Amenàbar.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Knock Knock, la recensione

Mai aprire la porta agli sconosciuti, nemmeno se si è adulti e a bussare sono due giovanissime ragazze, all’apparenza, indifese. Eli Roth, con il suo Knock Knock, ci mostra quali cose terribili ci possono succedere altrimenti.

Knock Knock è un film del 2015, remake di Death Game del 1977 di Peter S. Traynor, scritto, prodotto e diretto da Eli Roth che ritorna a collaborare, dopo The Green Inferno, con Nicolás López.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: -1 (da 1 voto)

The Green Inferno e Tales of Halloween, i Blu-ray Limited Edition Midnight Factory

La Midnight Factory, collana distribuita da Koch Media e ormai sinonimo di garanzia (e qualità) nell’ambito dell’horror cinematografico, porta in home video due titoli attesissimi e diventati cult ancor prima di essere distribuiti. Parliamo di The Green Inferno, omaggio al cannibal movie italiano da parte del simpatico Eli Roth, e Tales of Halloween, horror antologico che porta la firma di 11 dei più talentuosi horror-maker internazionali.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

RZA torna in home video con L’uomo con i pugni di ferro 2

Tre anni fa arrivava nei cinema di tutto il mondo l’esordio cinematografico del musicista RZA, L’uomo con i pugni di ferro, un divertito e divertente omaggio al cinema settantiano di arti marziali asiatico con contaminazioni western e innesti fantasy.  Con il bene placido di Quentin Tarantino, che collaborò con RZA per le musiche di Kill Bill, e la collaborazione di Eli Roth, che ha co-firmato la sceneggiatura, L’uomo con i pugni di ferro guadagna oggi un sequel, prodotto direttamente per il mercato dell’home video, distribuito proprio in questi giorni da Universal Pictures

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Green Inferno, la recensione

Presentato al Festival di Roma nel 2013 e poi bloccato dalla produzione per due lunghi anni, The Green Inferno arriva finalmente nei cinema, in Italia come Paese d’esordio, grazie a Koch Media e Midnight Factory. Il quarto film da regista di Eli Roth vuole essere un omaggio al cinema cannibalico italiano e lo fa alla maniera dell’autore di Cabin Fever, che in Hostel: Part II aveva dichiaratamente espresso la sua ammirazione per il cinema italiano di genere includendo in cammei Edwige Fenech, Luc Merenda e Ruggero Deodato, quest’ultimo – Re del Cannibal Movie – proprio nel ruolo di un cannibale.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)