Archivio tag: film d’animazione

The LEGO Movie 2 – Una nuova avventura in blu-ray disc

Cinque anni fa, nel 2014, abbiamo salutato The LEGO Movie con un certo entusiasmo perché rappresentava nel mondo del cinema d’animazione una sostanziale novità. Quei due geniacci di Phil Lord e Christopher Miller erano riusciti a trasformare i celebri mattoncini colorati in un vero universo filmico, ultra-pop, divertente, citazionista e completamente fuori di testa. Al film di Lord e Miller erano seguiti LEGO Batma – Il film (2017) di Chris McKey e LEGO Ninjago – Il film (2017) di Charlie Bean. Visto il clamore di pubblico e critica, nonché l’infinito merchandising generato con introiti di vendite milionari, era lecito aspettarsi un sequel al mattoncino che ha dato origine al tutto ed ecco arrivare The LEGO Movie 2 – Una nuova avventura. Uscito in sala a febbraio, portandosi dietro ancora una volta un buon successo di pubblico e critica, questa seconda avventura diretta dal professionista di cinema d’animazione Mike Mitchell (Lord e Miller configurano come co-sceneggiatori e produttori esecutivi), arriva finalmente in home video con Warner Bros Entertainment.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Hotel Transylvania 3 – Una vacanza mostruosa, la recensione

Dopo tanti anni di vedovanza, il Conte Drac inizia ad accusare uno spiacevole vuoto nella sua vita. Il suo magnifico hotel popolato da mostri lo riempie di gioia ma, ovviamente, nulla può competere con quella felicità che solo una “compagna” può offrire. Vedendolo sempre più stressato e triste ma senza comprendere il reale motivo, Mavis capisce che suo padre ha bisogno di una distrazione e di passare qualche giorno lontano dall’hotel. Così la ragazza organizza una divertentissima vacanza di famiglia a bordo di una nave da crociera. Tutto è perfetto e organizzato nei minimi dettagli eppure Drac non sembra essere felice, almeno fino a quando incontrerà il capitano della nave, la bella umana Ericka. Possibile che qualcun’altra – un’umana, per giunta – sia riuscita a far fare “zing” al Conte Drac una seconda volta?

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Vampiretto, la recensione

Mancano pochi giorni alla festa di Ognissanti o meglio alla festa di Halloween, come detta la tradizione anglosassone importata da qualche decennio anche in Italia, e le sale cinematografiche si trasformano in buie caverne adornate da ragnatele e motoseghe, attrezzandosi con una programmazione da brividi. Tra i macabri scherzetti del pagliaccio dagli incassi milionari, Pennywise, o quelli più che truculenti di Jigsaw, l’enigmista protagonista della saga di Saw (il nuovo episodio è Saw – Legacy, di Michael e Peter Spierig), dal 26 ottobre i più giovani potranno trovare in sala anche un dolcetto. Parliamo di Vampiretto, che assieme a Monster Family, già in sala da qualche giorno, rappresenta l’alternativa per bambini ai film horror per adulti che, come le castagne in mezzo al bosco, si trovano in autunno nella programmazione cinematografica e nei palinsesti televisivi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Monster Family, la recensione

Speriamo almeno in un passato migliore per il povero conte Dracula. Perché quando facciamo la sua conoscenza, in Monster Family, questo rottame di una leggenda canta Tom Jones, predilige un’alimentazione asettica ed è drogato di narcisismo. Solo come un cane, tra le altre cose. Emma invece è una madre di famiglia newyorchese soffocata dai problemi. Il marito devastato dal lavoro è un’autorità mondiale in materia di flatulenze, non parla mai e quando lo fa dice, ovviamente, la cosa sbagliata. Il figlio più piccolo è probabilmente la più grande mente del XXI secolo, con gran soddisfazione dei bulli della scuola. La figlia più grande è adolescente.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Sing, la recensione

Attenuata l’ondata Disney che ha portato in vetta alle classifiche d’incasso italiane Oceania, il cinema d’animazione riapre le porte alla Illumination Entertainment e al suo nuovo lungometraggio, Sing.

Curioso constatare come lo studio statunitense fondato da Chris Meledandri sia ormai diventato il vero terzo polo dell’animazione internazionale, insieme alla Disney e alla Dreamworks, imponendosi, con una manciata di titoli, come campione al box office di tutto il mondo. Così, dopo il grande successo di Pets – Vita da animali e in attesa di Cattivissimo Me 3, che sicuramente avrà un’ottima accoglienza come i precedenti, eccoci immersi nel mondo di Sing, una commedia musicale popolata da animali antropomorfi vogliosi di esprimere se stessi e il loro talento canoro.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Le stagioni di Louise, la recensione

Louise passa ogni estate nella sua casa di vacanza, presso Biligen, ridente località balneare francese. La stagione passa, ma l’ultimo treno che dovrebbe riportarla nella propria città parte prima che la signora possa prenderlo. E le comunicazioni con “il resto del mondo” sono interrotte. Louise dovrà sopravvivere per chissà quanto tempo nella cittadina. Mai sfortuna si rivelerà più fortunata per la signora sulla settantina che avrà così occasione per riconciliarsi con sé stessa e rivivere, per l’appunto, le proprie stagioni.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

L’era glaciale – In rotta di collisione, la recensione

L’avventura di Sid, Manny e Diego è cominciata nell’ormai lontano 2002, quando i Blu Sky Studios inaugurarono la loro attività produttiva nel lungometraggio d’animazione con il riuscitissimo L’era glaciale. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti e malgrado diversi altri tentativi – il più remunerativo è stato Rio – i Blu Sky sono rimasti ancorati al franchise sull’età preistorica, che ha fruttato allo loro casse milioni e milioni di dollari in tutto il mondo, tanto da spingerli ad arrivare fino al quinto episodio: L’era glaciale – In rotta di collisione.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Robinson Crusoe, la recensione

Molto controtendenza rispetto allo sviluppo dell’animazione contemporanea, il Robinson Crusoe di Vincent Kestellot e Ben Stassen si focalizza su uno stile coloratissimo per un target piuttosto limitato (ci aggiriamo intorno ad un pubblico under 12). Non dobbiamo per forza guardare alla blasonata Pixar, perché anche case di produzione più piccole come “Illumination Entertainment” (Cattivissimo me, I Minions) e “Laika Entertainment” (Coraline e la porta magica, ParaNorman) hanno puntato su un’animazione più “adulta” che facesse convergere pubblici diversi di tutte le età.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

In arrivo un altro Spider-Man… ma per un film d’animazione!

Girava voce già prima che il franchise cinematografico di Spider-Man finisse nelle mani della Marvel, che Phil Lord e Chris Miller stessero lavorando a un film sull’arrampicamuri per la Sony. Ora abbiamo la conferma e possiamo constatare come ci siano, in realtà, due progetti ben distinti sull’Uomo Ragno!

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Dragon Trainer 2, la recensione

Il panorama statunitense legato al cinema d’animazione, quello che al botteghino conta su grandi numeri, è terreno di sfida di poche realtà cinematografiche. La Disney Pixar, ovviamente, la Blue Sky di L’Era Glaciale e Rio e la DreamWorks. Tralasciando volutamente realtà minori e ancora emergenti, anche se di grande qualità, come la Laika di ParaNorman e Coraline, o più parche nell’offrici prodotti, ad esempio la Sony di Piovono Polpette e Hotel Transylvania, ci possiamo concentrare sulla DreamWorks che forse è quella che si è posta con più tenacia in un’ipotetica sfida contro il colosso Disney.

Nata sotto l’egida di Steven Spielberg negli anni ’90, la DreamWorks si è specializzata in cinema d’animazione inanellando una serie di film affascinanti e atipici come Galline in fuga e Z la formica, finché è arrivato il grande successo con Shrek. Da quel momento, la DreamWorks ha scoperto il potenziale di un cinema d’animazione alternativo ma con una formula di successo e ai seguiti del film con l’orco verde si sono aggiunti altri prodotti trita-botteghino: Madagascar, Kung Fu Panda, Mostri contro alieni e Dragon Trainer.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)