Archivio tag: jason blum

La notte del giudizio, la recensione

2022. Da alcuni anni l’America è diventato uno dei luoghi più sicuri del mondo e tutto questo grazie all’iniziativa intrapresa da i Nuovi Padri Fondatori d’America, un organismo governativo che ha sancito ed imposto la ratifica del 28° emendamento per codificare il diritto di ogni cittadino americano alla libertà di commettere qualsiasi tipo di crimine, compreso l’omicidio, per una sola notte all’anno, senza subire conseguenze penali, precisamente la notte tra il 21 e il 22 marzo, tra le 7 della sera e le 7 del mattino. Lo chiamano lo “Sfogo annuale” e James Sandin, che di mestiere vende allarmi e sistemi di sicurezza, ha fondato la propria fortuna proprio sulla necessità delle persone di proteggersi quella notte all’anno dalla violenza che scoppia tra le strade.

A poche ore dallo Sfogo annuale, James, sua moglie e i suoi due figli si chiudono in casa aspettando che faccia mattina, ma un uomo di colore comincia a chiedere insistentemente aiuto in strada. Il figlio minore dei Sandin decide di far entrare l’uomo in casa, ma un gruppo di teppisti mascherati e armati fino ai denti assedia la casa dei Sandin intenzionati a farsi consegnare la loro preda.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

L’uomo invisibile, la recensione

The Invisible Man

Tre le tante paure presenti nell’animo umano, una delle più comuni e ataviche è quella dell’ignoto, il terrore della minaccia invisibile che può colpirci da un momento all’altro senza poter essere evitata, un po’ come sta accadendo in questo nefasto periodo segnato dal subdolo pericolo del “coronavirus” che sta sconvolgendo le nostre vite. Una sensazione di impotenza che non poteva lasciare indifferenti il mondo della letteratura e del cinema horror che fin dalle origini, assieme alle figure iconiche e folkloristiche di vampiri, fantasmi, streghe e lupi mannari, ha dato vita a tutta una serie di prodotti incentrati sul tema dell’invisibilità. Prendendo come canovaccio il romanzo di fine Ottocento L’uomo invisibile di H.G. Wells, sono state molte le versioni cinematografiche che raccontano di smanie di potere e orrore legati al tema dell’invisibilità, tra cui citiamo il classico della Universal Pictures diretto da James Whale nel 1933 e quella datata 2000 di Paul Verhoeven, che hanno giocato anche sul tema ricorrente dello scienziato pazzo che sfida Dio per sovvertire le leggi della natura e della vita.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Bay, la recensione

Nella ridente cittadina costiera di Claridge, nel Maryland, due biologi marini durante una loro ricerca rilevano un alto livello di tossicità nell’acqua, forse causata dagli escrementi di pollo riversati nella baia da una fabbrica locale. A questo si unisce una inquietante moria di pesci, che fa allarmare le autorità. Il sindaco di Claridge però minimizza il pericolo e chiede di non creare allarmismo, soprattutto perché sta per svolgersi l’annuale Festival del granchio che è il momento clou per il turismo e l’economia cittadina. Ma la situazione si complica e quando agli abitanti di Claridge cominciano a spuntare vesciche e pustole su tutto il corpo, ci si rende conto che l’acqua è infestata da un pericoloso parassita mutato dall’inquinamento.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Noi: arriva in blu-ray il secondo horror-sociale di Jordan Peele

È una carriera strana quella che Jordan Peele si sta costruendo: da principe della commedia televisiva americana a re del nuovo horror sociale. Cavalcando per anni show brillanti di successo del piccolo schermo, come Love Bites o Modern Family, a volte come semplice guest star, Jordan Peele esordisce come regista per il cinema nel 2017 con un horror dai forti connotati sociologici, Scappa – Get Out, grazie al quale riesce anche a vincere un Oscar alla sceneggiatura originale. E da quel momento nasce un nuovo punto di riferimento per il cinema horror contemporaneo, un piccolo punto di partenza per dar vita a un florido percorso di ricostruzione (e decostruzione) del cinema di paura, tenendo presenti le contraddizioni dell’attuale società americana. Dietro Scappa – Get Out c’era il solito lungimirante supporto produttivo di Jason Blum, che rinnova la collaborazione con Peele anche per la sua seconda regia, Noi. Uscito nelle sale italiane ad aprile e trovata sin da subito una buona accoglienza da parte della critica, Noi arriva adesso in alta definizione blu-ray disc – ma anche in DVD – con Universal Pictures.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Ancora auguri per la tua morte, la recensione

Nel 2017 il regista Christopher Landon ha diretto per Blumhouse uno dei teen-horror più freschi, “originali” e divertenti degli ultimi anni, Auguri per la tua morte (Happy Death Day) e il successo di pubblico e critica è stato tale da spingere la casa di produzione fondata da Jason Blum a mettere immediatamente in cantiere un sequel. Oggi, a distanza di due anni esatti, salutiamo quel sequel, Ancora auguri per la tua morte (Happy Death Day 2U) che non ripete la magia del predecessore ma riesce a mutare quella “freschezza” con una formula fedele ma incentrata su idee completamente diverse.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Halloween di David Gordon Green finalmente in home video

Era il 1978 quando nei cinema americani usciva Halloween – La notte delle streghe, un capolavoro assoluto che avrebbe rivoluzionato completamente il modo di fare e concepire il cinema horror. Diretto da John Carpenter, che proveniva dal successo indie Distretto 13: Le brigate della morte, Halloween ha avuto il grande merito di lanciare nell’olimpo del cinema dell’orrore una nuova e terrificante icona, Michael Myers, lo spaventoso “Uomo Nero” posto al centro di una saga tenuta in vita per quarant’anni grazie a sei seguiti ufficiali più due remake/reboot a firma Rob Zombie. Una saga amatissima dai fan ma anche altalenante che ha spinto Jason Blum ad acquistare il franchise per ripartire da dove tutto è cominciato, azzerando la continuity e tenendo come punto di riferimento solamente il film di John Carpenter. Il risultato si intitola semplicemente Halloween, senza numeri o sottotitoli, proprio come il film del 1978, pur essendone un sequel diretto. Inaspettatamente acclamato da tutti, pubblico e critica, questo nuovo Halloween – portato in scena con uno sguardo molto autoriale da David Gordon Green – arriva finalmente in home video grazie a Universal Pictures Home Entertainment.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Disponibili in blu-ray La prima notte del giudizio e Obbligo o verita’

Il cinema horror, ormai, è in mano a quell’uomo che risponde al nome Jason Blum. Sia lui che la sua etichetta produttiva – la Blumhouse – non hanno certo bisogno di particolari presentazioni e se il loro passato (primi anni del duemila) era rappresentato quasi esclusivamente da piccolissimi film dell’orrore low budget, oggi ricordiamo la Blumhouse anche per aver dato vita all’intrigante Get out – Scappa di Jordan Peele, film che ha saputo fare incetta di nomination e premi agli ultimi Academy Awards. Ma il primo amore non si scorda mai, si sa, e la Blumhouse continua dritta per la sua strada a “sfornare” horror macina-botteghino. Così nelle scorse settimane, mentre Michael Myers tornava al cinema nell’ultimo bellissimo Halloween diretto da David Gordon Green e prodotto appunto da Blum, due recenti successi della Blumhose approdavano sul mercato home video sotto il marchio di Universal Pictures Home Entertainment. Vi parliamo de La prima notte del giudizio, quarto film della saga creata da James DeMonaco, e del pasticciato teen-horror Obbligo o verità.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Obbligo o verità, la recensione

Avete presente quei film horror realizzati negli Stati Uniti nel pieno degli anni ’80 quando bastava una semplice scusa, un piccolo pretesto come una festività o una ricorrenza da calebdario per portare in scena uno spettacolo slasher? Per lo più si trattava di film colmi di déjà-vu, non sempre di qualità soddisfacente al palato dell’horrorofilo ingordo di facile emoglobina ed erano utili ai produttori per tirare su bei guadagni con il minimo sforzo, economico e creativo. È un po’ quello che accade oggi con l’impero Blumhouse, solo che lo slasher spesso e volentieri è sostituito da storie di possessione demoniaca e luoghi infestati e Obbligo o verità, ultimo improbabile horrorino che porta il marchio di Jason Blum, ne è la scadente apoteosi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Arriva in DVD The Darkness, l’horror con Kevin Bacon

La BlumHouse prosegue inarrestabile la sua avanzata nell’universo horror e, dopo l’interessante parentesi rappresentata dal thriller Get Out – Scappa, torna alle origini con un film a tema demoniaco e dall’ambientazione prevalentemente casalinga. Approda in Italia solamente per il mercato home video The Darkness, un horror poco convincente diretto dal talentuoso Greg McLean e interpretato da due attori navigati come Kevin Bacon e Radha Mitchell.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Scappa – Get Out, la recensione

Nell’anno degli Oscar “black”, con la vittoria di Moonlight come miglior film e una consistente quota di opere che parlano di questioni razziali, la vera rivelazione, sia in termini di qualità che di accoglienza al botteghino, arriva da un piccolo thriller/horror su cui in pochi forse avrebbero scommesso: Scappa – Get Out, esordio alla regia del comico Jordan Peele.

Dobbiamo ringraziare probabilmente il produttore Jason Blum, che ha creduto in Peele e ha (co)prodotto Scappa – Get Out con la sua Blumhouse, ormai prolificissima ma ancora in grado di scovare vere chicche capaci di dare un buon contributo alla crescita dei generi thriller e horror. In questo caso, Scappa – Get Out è un’opera che si inserisce in maniera tangente tra i due generi, riuscendo perfino a lasciare qualche suggestione leggera tipica della commedia, territorio sicuramente congeniale a Peele.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)