Archivio tag: Jon Favreau

Il Re Leone, la recensione

il re leone

Nel giugno del 1994 (nel periodo natalizio in Italia), usciva nei cinema Il Re Leone, 32° Classico Disney che segnava l’apice del successo della casa di produzione in quello che è stato definito il periodo del Rinascimento Disney. Il film d’animazione diretto da Roger Allers e Rob Minkoff, infatti, oltre a ricevere l’unanime plauso della critica, diventò in breve tempo il maggior incasso di tutti i tempi per un film d’animazione ed è tutt’oggi il film d’animazione tradizionale di maggior successo negli Stati Uniti. Inoltre, Il Re Leone portò a casa ben due Oscar, tre Golden Globe e ne è stato tratto un musical a Broadway che vinse ben sei Tony Awards. Insomma, un successo a tutto tondo.

Ma Il Re Leone è anche uno dei film d’animazione maggiormente rimasto nel cuore degli spettatori, grandi e piccoli, godendo ancora oggi, nel 2019, di una popolarità invidiabile. Eppure Disney ci riprova e nel turbine dei remake che sta investendo lo studio di Burbank, anche Il Re Leone è stato “rifatto”.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Il Libro della Giungla, la recensione

Il piccolo Mowgli, protagonista del romanzo del 1893 di Rudyard Kipling, ritorna al cinema dopo 50 anni in una veste tutta nuova. Dopo il cartone animato del 1967, il 19° classico Disney, l’ultimo dell’epoca di Walt, ecco arrivare nelle nostre sale Il Libro della Giungla in live-action e CGI, diretto dal regista di Iron Man Jon Favreau. Un CGI talmente perfetto, c’è da aggiungere, che dona alla pellicola un realismo tanto riuscito che ci si dimentica di ritrovarsi in una dimensione fittizia in cui anche gli animali, o almeno alcuni, hanno il dono della parola.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il trailer italiano di Il Libro della Giungla

La Disney sta tirando a nuovo i suoi classici d’animazione con una veste live action decisamente accattivante. Se quest’anno è toccato a Cenerentola con il film di grande successo diretto da Kenneth Branagh, l’imminente 2016 vedrà il ritorno della favola di Lewis Carroll con Alice attraverso lo specchio e soprattutto Il Libro della Giungla, di cui oggi possiamo mostrarvi il primo poster e il trailer italiano.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Bill Murray sarà l’orso Baloo… ma solo con la voce!

Il Libro della Giungla torna al cinema in un adattamento live action firmato Disney. Tutti abbiamo nel cuore il cartoon del 1967, ispirato alla serie di racconti firmati da Rudyard Kipling; immaginare cosa aspettarsi in più da questo nuovo progetto è davvero difficile! La notizia del giorno, tuttavia, non potrà fare a meno di strappare qualche sorriso di approvazione: il mitico e inossidabile Bill Murray presterà la voce al personaggio, altrettanto amato dal pubblico internazionale, dell’orso Baloo.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 4 voti)

Chef – La Ricetta Perfetta, la recensione

Il felice connubio tra cinema e cibo caratterizza la settima arte sin dai suoi primissimi vagiti. Nel 1895, la prima proiezione cinematografica della storia, al Grand Café del Boulevard des Capucins di Parigi, includeva, tra i dieci film realizzati dai fratelli Lumière, anche La Colazione del Bimbo. Senza timore di esagerare, si può affermare che, da allora, l’elemento culinario è connaturato al grande schermo, contribuendo non solo a sollecitare il piacere visivo nello spettatore, ma solleticandone tutti e cinque i sensi.
Chef si colloca in coda alla scia delle pellicole che hanno fatto del cibo e della buona cucina un vero e proprio mantra da celebrare e corteggiare con la macchina da presa, fin quasi ad innalzarlo a vero e proprio co protagonista. Largo, dunque, a piastre che sfrigolano, vivaci fornelli dalle fiamme danzanti e impeccabili lame che scorrono sul tagliere alla velocità della luce, mentre sofisticati manicaretti, dall’aspetto incredibilmente sensuale, sfilano davanti agli occhi affamati del pubblico…
Dimostrazione tangibile che il cinema è in grado di trasformare anche la gastronomia in un’arte pari alla pittura o alla scultura.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +5 (da 7 voti)

Jon Favreau su Iron Man 4: “Finché Robert entra nell’armatura, perché no?” [VIDEO]

Il regista Jon Favreau, intervistato nel corso della promozione di Chef, sua ultima fatica, ha ipotizzato il ritorno dell’amico Robert Downey Jr. nei panni del personaggio che lo ha trasformato in un’icona di Hollywood.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Il Libro della Giungla : Ron Howard dirigerà per la Warner Bros.

Non c’è riposo per Ron Howard che, dopo il meritato successo di Rush, è attualmente a lavoro sulla post-produzione di Heart of the Sea (nelle sale dal 13 marzo del 2015); inoltre, il 18 dicembre del 2015 porterà sugli schermi Inferno, tratto dal romanzo di Dan Brown, e, pochi giorni fa, è stato confermato regista di Mena, biopic su Barry Seal. Ma non è finita qui: Howard sarebbe infatti in trattative con la Warner anche per l’adattamento cinematografico de Il Libro della Giungla, dopo l’abbandono del progetto da parte di Alejandro Gonzàlez Inarritu.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Wolf of Wall Street : una colorita clip con Leonardo DiCaprio e Margot Robbie

The Wolf of Wall Street ha debuttato il 25 dicembre negli Stati Uniti – incassando, fino a oggi, quasi 50 milioni di dollari – ed è già al centro di accese polemiche anche a causa del singolare record battuto dal film di Martin Scorsese : quello del maggior numero di F-bombs (banalmente, la parolaccia fuck) nei dialoghi. Complessivamente, in tre ore di film, l’imprecazione incriminata viene ripetuta ben 506 volte, spodestando Summer of Sam di Spike Lee, in cui veniva pronunciata “solo” 435 volte.
La nuova clip di The Wolf of Wall Street, diffusa dalla Paramount e incentrata su un colorito diverbio tra Leonardo DiCaprio (Inception; Il Grande Gatsby) e Margot Robbie (Questione di Tempo), fornisce un efficace saggio del linguaggio tutt’altro che forbito che caratterizza la pellicola.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)