Archivio tag: Laura Dern

Oscar 2020: resoconto della cerimonia e tutti i premi

Los Angeles, notte tra il 9 e 10 febbraio 2020, ore 5:25 italiane, circa. Si è fatta la Storia del cinema internazionale grazie alle 92^ edizione degli Academy Awards con l’assegnazione al film sudcoreano Parasite della statuetta come Miglior Film, dopo la vittoria dell’Oscar come Miglior Film Internazionale. È la prima volta che un film non in lingua inglese vince l’ambita statuetta di miglior film, nonché prima volta che un film di nazionalità sudcoreana non solo vince un Oscar, ma viene addirittura nominato!

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Venezia 76. Marriage Story – Storia di un matrimonio

La fine di un matrimonio. Uno fra gli argomenti più affrontati sul grande schermo.

Quindi declinarlo in modo originale, senza ricorrere ai soliti cliché, sarebbe difficile, se non impossibile, no?

Non per Noah Baumbach, regista e sceneggiatore di Marriage Story – Storia di un matrimonio, opera in Concorso alla 76esima Mostra del Cinema di Venezia e da dicembre su Netflix.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)

Wild, la recensione

Gran ritorno di Jean-Marc Vallée con Wild, dopo il successo ottenuto da Dallas Buyers Club. Anche stavolta un film americano per il regista canadese che, sebbene si sia parecchio allontanato dalle sue prime opere, continua a destare interesse.

Dopo Into the Wild, 127 ore e Tracks – Attraverso il deserto, ancora un altro adventure movie sulla scia di Robinson Crousoe, ma dal contenuto più drammatico. Ispirato da un’autobiografia e sceneggiato dallo scrittore Nick Hornby, Wild è un film semplice ed efficace, come il titolo scelto per questa storia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Colpa delle Stelle, la recensione

“Sono innamorato di te Hazel Grace

e so che l’amore è soltanto un grido nel vuoto e che l’oblio è inevitabile

e che siamo tuti dannati

e che verrà un giorno in cui tutti i nostri sforzi saranno ridotti in polvere

e so che il sole inghiottirà l’unica terra che avremo mai

eppure io ti amo”

Questa frase, tratta dal best seller Colpa delle stelle di John Green, edito da Rizzoli, racchiude l’anima della storia, di cui il 4 Settembre 2014 uscirà nelle sale cinematografiche italiane l’adattamento di Josh Boone, distribuito dalla 20th Century Fox, con protagonisti i due attori emergenti Shailene Woodley (Divergent e White Bird in a Blizzard) e Ansel Elgort (Lo sguardo di satana-Carrie e Divergent).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)