Archivio tag: mads mikkelsen

Polar, la recensione

Ormai giunto alla soglia dei cinquant’anni, il temibile killer su commissione Black Kaiser (Mads Mikkelsen) è in fase di pensionamento. Tuttavia il suo datore di lavoro, per risparmiare la sua buonuscita da otto milioni di dollari, decide di farlo eliminare cosicché i soldi potranno rimanere all’interno dell’agenzia. Ma, nonostante l’età avanzata, questo sicario di mezza età  si rivelerà essere un osso più duro del previsto…

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: -9 (da 9 voti)

Rogue One: A Star Wars Story, la recensione

Sapevamo tutti che sarebbe stato un rischio pompare la rinascita di Star Wars al punto tale da avere un film all’anno fino al 2020, con tanto di spin-off mirati ad espandere la saga oltre i confini dei sequel e, strada facendo, hanno cominciato a sospettarlo anche in casa Disney, quando la scorsa estate si sono trovati tra le mani il girato di Gareth Edwards che non soddisfaceva i canoni del rebranding operato da J.J. Abrams.

Sbagliavamo noi e sbagliava la Disney con lo scetticismo post reshooting, perché stando alla visione di Rogue One: A Star Wars Story, l’ampliamento di questo universo sta procedendo nel migliore dei modi e questo primo spin-off è un’opera visivamente ed emotivamente potentissima.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Doctor Strange, la recensione

Nel pieno della Fase 3 e giunti al 14° film ufficiale del Marvel Cinematic Universe, i Marvel Studios continuano nell’impresa di espansione verso nuovi mondi e nuovi personaggi. Così, dopo i Guardiani della Galassia e Ant-Man, un altro personaggio “minore” fa il suo esordio da protagonista in un film, il Doctor Strange, che ha il volto del talentuoso e lanciatissimo Benedict Cumberbatch.

Nato nel 1963 dalla penna di Steve Ditko come personaggio ricorrente all’interno della raccolta Strange Tales e poi promosso a protagonista l’anno seguente, Doctor Strange è diventato così popolare negli anni ’60 fino a dare il proprio nome alla testata a partire dal 1968. Si tratta di un personaggio singolare all’interno dell’ampio panorama Marvel perché legato alle arti magiche piuttosto che al classico ideale del supereroe che ha sviluppato i suoi poteri grazie alla scienza. E proprio questa consapevolezza dona un fascino particolare a Stephen Strange, che fonda la sua formazione da uomo ed eroe proprio sul paradosso scienza/magia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Salvation, la recensione

L’incipit non era proprio quello di un film “leggero”, ma per lo meno lo faceva sembrare un film interessante. E invece no!

The Salvation è una coproduzione di Danimarca, Regno Unito, Sudafrica, Svezia e Belgio, e chissà chi altro, e distribuito dalla maestosa Zentropa Entertainments (il distributore dei migliori film danesi, inclusi quelli di von Trier, per intenderci), che non si spiega perché abbia accettato di distribuire un film forse non mediocre, ma comunque insufficiente.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)