Archivio tag: matt damon

Jason Bourne: poster e trailer italiano con il ritorno di Matt Damon

E’ avvolta nel mistero la trama di Jason Bourne, quinto capitolo della saga sull’agente della CIA interpretato da Matt Damon, che torna a rivestire il ruolo dopo la pausa dal quarto capitolo, The Bourne Lagacy, dove il protagonista era interpretato da Jeremy Renner. Il film, distribuito da Universal Pictures, arriverà nei cinema italiani il 1° settembre di quest’anno e possiamo avere un primissimo assaggio grazie allo spot mostrato al Super Bowl e al teaser poster italiano.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Sopravvissuto – The Martian, la recensione

Mentre arriva la notizia che su Marte ci sarebbero tracce di acqua salata, quindi la vita, nelle sale fa capolino Sopravvissuto – The Martian, il nuovo film di Ridley Scott, che parla proprio del Pianeta Rosso e di come un astronauta, interpretato da un convincente Matt Damon, vi rimanga naufrago nel tentativo di sopravvivere al nulla marziano.

Per la precisione è l’equipaggio della missione Ares III ad abbandonare il botanico Mark Watney su Marte, credendolo morto in seguito a una violenta tempesta marziana. Ma l’astronauta è vivo, anche se malconcio, si rimette in fretta e riesce a comunicare con la Terra, dove, dalla Nasa, cercano la soluzione più veloce per organizzare una missione di recupero… che però potrebbe impiegare anni! Nel frattempo Mark riesce a organizzarsi al meglio, creando una piccola serra con coltura di patate all’interno dell’Hub che lo aiuta a sopravvivere nella sua lunga permanenza sul Pianeta Rosso.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Martian – Sopravvissuto: il trailer del nuovo film di Ridely Scott con Matt Damon

Jessica Chastain, Matt Damon, odissee interstellari mozzafiato… non vi ricorda qualcosa tutto questo? L’impressione del già visto è piuttosto forte. Detto questo, che nessuno si azzardi a parlare di Interstellar parte seconda; a giudicare dal teaser poster e dal trailer italiano, l’impressione è quella di trovarsi di fronte ad un’opera certo più accessibile sul piano dei contenuti, ma non per questo meno spettacolare.        

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Interstellar, la recensione

Immaginavi tu forse che il mondo fosse fatto per causa vostra? Ora sappi che nelle fatture, negli ordini e nelle operazioni mie, trattone pochissime, sempre ebbi ed ho l’intenzione a tutt’altro che alla felicità degli uomini o all’infelicità. Quando io vi offendo in qualunque modo e con qual si sia mezzo, io non me n’avveggo, se non rarissime volte: come, ordinariamente, se io vi diletto o vi benefico, io non lo so; e non ho fatto, come credete voi, quelle tali cose, o non fo quelle tali azioni, per dilettarvi o giovarvi. E finalmente, se anche mi avvenisse di estinguere tutta la vostra specie, io non me ne avvedrei.

(Giacomo Leopardi, Dialogo della Natura e di un Islandese)

Le premesse di Interstellar, concettualmente, sono diffusamente intessute di poetica Leopardiana e ci pongono di fronte al più spaventoso dei quesiti: cosa accadrebbe se la Terra ci voltasse le spalle e il mondo, così come lo conosciamo, andasse inesorabilmente incontro alla fine?

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +9 (da 9 voti)

#IceBucketChallenge, le migliori secchiate di Hollywood

C’è un fenomeno, l’ennesimo, che sta spopolando nel web e nelle tv di tutto il mondo: si chiama #IceBucketChallenge. Impossibile che non ne abbiate sentito parlare e che non sappiate di cosa si tratta, soprattutto se siete degli accaniti internauti, ma nel caso ve lo spieghiamo noi! L’#IceBucketChallenge è un fenomeno talmente virale che ha raggiunto in sole due settimane 24 milioni di video e, si spera anche altrettante donazioni, coinvolgendo davvero tutti, dalla gente comune, agli attori, ai personaggi della televisione, fino ad arrivare addirittura ai politici. La tendenza consiste nel filmarsi mentre ci si getta, o ci si fa gettare, in testa un secchio pieno di acqua e ghiaccio, dopodiché, si nominano altre persone sfidandole a fare la stessa cosa.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Monuments Men, la recensione

Il Premio Oscar George Clooney porta sul grande schermo la sua quinta fatica da regista, Monuments Men, tratto dal best seller Monuments Men. Eroi alleati, ladri nazisti e la più grande caccia al tesoro della storia di Robert M. Edsel, e interpretato, oltre che dallo stesso Clooney, da un cast stellare: i Premi Oscar Cate Blanchette, Jean Dujardin e Matt Damon e i mitici Bob Balaban, John Goodman e Bill Murray.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)

The Zero Theorem : primo spot tv del film di Terry Gilliam

Manca meno di un mese al debutto nel Regno Unito dell’ultima fatica dell’ex Monty Python Terry Gilliam: The Zero Theorem. Oggi, vi presentiamo in coda all’articolo il primo spot televisivo del film, seguito dal trailer ufficiale e da una serie di immagini dal film.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: -1 (da 1 voto)

Dietro i candelabri, la recensione

Già il titolo del film, Dietro i Candelabri (Behind the Candelabra) ci dice tutto. La pellicola non si limita a raccontare la storia del grande pianista Władziu Valentino Liberace, e le magie che poteva fare con il suo magnifico pianoforte, corredato sempre da un ingombrante e lussuoso candelabro decorativo poggiato su di lui, ma fa luce, è il caso di dirlo, su quello che c’è dietro il candelabro, su quello che il suo affezionato pubblico non poteva vedere.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Captain Phillips – Attacco in mare aperto, la recensione

La nave-cargo Maersk Alabama, capitanata da Richard Phillips, è diretta verso la Somalia per consegnare un carico di prodotti alimentari. Mentre la nave si trova ancora al largo della costa somala, una barca con a bordo tre pirati somali attacca la Maersk Alabama e riesce a salire a bordo. I pirati prima tengono sotto scacco l’equipaggio e poi decidono di andar via sequestrando il capitano per chiedere un lauto riscatto. Ma l’avventura di Richard Phillips e dei suoi rapitori sarà piena di ostacoli.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Elysium, la recensione

Periodicamente il cinema di fantascienza torna a mostrarci uno scenario distopico con cui condannare una società gretta e classista, solitamente atta a limitare la libertà dell’individuo o lasciarlo in balia della degenerata umanità. Titoli come Fahrenheit 451, L’uomo che fuggì dal futuro, 2022: I sopravvissuti, La fuga di Logan … o ancora 1997: Fuga da New York, Atto di forza, 2013: La fortezza, Matrix, Equilibrium e, perché no, Hunger Games. Si tratta di film molto diversi tra loro ma con forti legami tematici, un filone che si rinnova di continuo cercando spesso contaminazioni e linguaggi differenti.

Oggi ad unirsi alla lunga lista arriva Elysium, promozione ad una grossa produzione hollywoodiana di uno dei più talentuosi registi emersi negli ultimi anni, il sudafricano Neill Blomkamp. Ma Blomkamp non è nuovo al distopico fantascientifico, visto che nel 2009 aveva esordito alla regia di un lungometraggio con il bellissimo District 9, storia di gamberoni alieni intrappolati sulla Terra e reclusi in un ghetto nella periferia di Johannesburg. Da allora Blomkamp è stato corteggiato dagli Studios arrivando perfino a un passo da realizzare il film su Halo che poi nessuno ha più fatto, fino a giungere ad Elysium, ambizioso progetto caldeggiato dal 2011 e prodotto da Sony Pictures.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)