Archivio tag: Matteo Simoni

Marina, la recensione

Italia del sud, 1948. Il piccolo e vivace Rocco ha dieci anni quando suo padre, Salvatore, decide di partire in Belgio per lavorare in una maniera di carbone e fare fortuna, così da poter far vivere alla sua famiglia la vita che ha sempre immaginato per loro. Dopo un anno che è via da casa, per nostalgia, Salvatore decide di far trasferire in Belgio, a Waterschei, tutta la sua famiglia. Rocco è felice di andare in Belgio che, stando alle parole di suo padre, è una terra ricca e dalle mille opportunità. Arrivati a Waterschei, però, la delusione è tanta e le cose non sono come Rocco credeva. Salvatore, come tutti gli altri immigrati italiani, vive in una baracca e la gente del posto è diffidente verso gli italiani, gente inaffidabile, a parer loro. Pur se tra mille difficoltà, Rocco inizia ad adattarsi a quella terra per lui estranea e presto si innamora di una ragazza fiamminga, la figlia del droghiere del paese, che però non può frequentare a causa delle differenze culturali che intercorrono fra i due. Deciso a non voler proseguire le orme paterne come operaio in miniera, Rocco inizia a portare avanti la sua vera passione, la musica, che lo condurrà ad accesi scontri ideologici con il padre conservatore ma anche alla realizzazione inaspettata della celebre hit mondiale “Marina”.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)