Archivio tag: midnight factory

Gli ultimi Midnight Factory: Viral, Visions e The Bye Bye Man in Blu-ray

Midnight Factory, etichetta specializzata in cinema horror distribuita da Koch Media Italia, nella torrida estate che sembra non volerci abbandonare ha proposto due interessanti prodotti inediti direttamente per l’home video e portato in DVD e Blu-ray Disc uno dei film distribuiti in sala negli scorsi mesi. Parliamo di Viral del duo Henry Joost e Ariel Schulman, del thriller soprannaturale Visions e dell’horror The Bye Bye Man.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Jukai – La foresta dei suicidi, la recensione

Esistono luoghi capaci di emanare un tale fascino da riuscire ad ispirare film, romanzi e quant’altro con la sola forza delle suggestioni che vi aleggiano. Un caso emblematico è rappresentato da Aokigahara, una foresta situata ai piedi del monte Fuji in Giappone, conosciuta dai locali anche con il nome di Jukai (letteralmente mare di alberi) e a livello internazionale con l’appellativo “foresta dei suicidi”. Eh già, perché al di là della verdissima distesa di alberi, che vista dall’altro appare, appunto, come un mare, Jukai è un luogo di morte, scelto da centinaia di persone all’anno per togliersi la vita. Una tendenza che va ormai avanti da secoli e che ultimamente sta crescendo, tanto che si parla di ben 247 tentativi di suicidio nel solo 2010.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Devil’s Candy, la recensione

Che Sean Byrne fosse un regista da tenere d’occhio lo si era capito già dal suo fulminante esordio, il bellissimo e crudele The Loved Ones che purtroppo è rimasto inedito in Italia. Il regista australiano fa un secondo centro con The Devil’s Candy, che arriva nei nostri cinema il 7 settembre distribuito da Koch Media per Midnight Factory.

Qui si cambia completamente registro. Le atmosfere da torture porn con tinte adolescenziali cedono il passo a un sulfureo thriller dai connotati demoniaco-soprannaturali in cui la musica gioca un ruolo fondamentale. Il metal per la precisione, spesso delizia di tanto horror su celluloide e non raramente associato al Satanasso, che qui, con colpo di coda, diviene intelligentemente elemento diegetico al racconto.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Non bussate a quella porta e XX – Donne da morire in Blu-ray Midnight Factory

Grazie all’etichetta Midnight Factory, distribuita come sempre da Koch Media, il caldo torrido del mese di luglio è stato accompagnato dall’arrivo in Blu-ray disc (nella preziosa edizione Limited Edition) di due piccoli film dell’orrore capaci di rivelare delle piacevolissime e inaspettate sorprese. Una doppietta “da brivido” che vede arrivare sul mercato italiano l’inquietante Non bussate a quella porta e l’antologico XX – Donne da morire.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

February, Scare Campaign e Yakuza Apocalypse: una imperdibile tripletta Midnight Factory!

Le ultime uscite targate Koch Media e Midnight Factory portano in Italia tre imperdibili inediti che faranno la felicità tanto dei puristi dell’horror quanto di coloro che apprezzano le strambe contaminazioni orientali, oltre che da coloro che dal cinema di genere cercano delle suggestioni autoriali. Arrivano in limited edition DVD e Blu-ray Disc February – L’innocenza del Male di Oz Perkins, Scare Campaign dei fratelli Cairnes e Yakuza Apocalypse di Takashi Miike.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Da Rob Zombie a Renny Harlin: 31 e Il passo del Diavolo in Limited Edition Blu-Ray

Procede senza alcuna sosta l’avanzata di Midnight Factory, etichetta di Koch Media che continua a regalare sorprese e gioie a tutti gli amanti del cinema horror. Ad aprile, lo spettacolo che ci ha offerto in home video è stato particolarmente ghiotto grazie a due film, da attribuire a due grandi firme, che finalmente arrivano in Italia. Primo titolo della lista è 31, l’ultima e folle fatica del rocker-regista Rob Zombie; mentre a seguire troviamo Il passo del diavolo, il mokumentary che segna il ritorno all’horror di Renny Harlin.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Bye Bye Man, la recensione

Più o meno è dalla fine degni anni ’80 che la Hollywood del sottobosco cerca di creare dei boogeymen che possano avviare saghe horror capaci di portare sicuri incassi nelle tasche dei produttori. La tendenza è nata in seguito all’affermazione di figure iconiche come Jason Voohrees di Venerdì 13 e, soprattutto, Freddy Krueger di Nightmare che in quegli anni erano ormai tra il 4° e il 8° film di ciascuna saga all’apice della loro popolarità. In pochi sono riusciti nell’intento di serializzare realmente “nuovi mostri”, tra cui gli imprescindibili Pinhead di Hellraiser, Chucky di La bambola assassina, Leprechaun, Pumpkinhead e Candyman delle omonime saghe. Forse di più sono stati i tentativi abortiti, quei film neanche di cattiva fattura che però non hanno avuto la fortuna (o la lungimiranza) dei suddetti colleghi: l’Horance Pinker di Sotto Shock, Trickster di Brainscan, Sandman di L’uomo di sabbia, Rumpelstiltskin dell’omonimo film e via dicendo… Una carrellata di creature pittoresche a cui oggi aggiungiamo The Bye Bye Man, boogeyman nato solo nel 2017 ma che sembra uscito direttamente da uno di quei cloni di Nightmare on Elm Street che fioccavano nei primi anni ’90.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Vampire, Wyrmwood, The Last Showing: tutti i nuovi mosti di Midnight Factory

Il maltempo s’è guastato”, diceva Francesco Dellamorte nel cult Dellamorte Dellamore e malgrado la prepotente entrata della primavera che ci spinge ad abbandonare i nostri loculi per buie visioni underground, l’etichetta Midnight Factory non si lascia intimorire e porta nelle nostre case tre horror inediti distribuiti nella consueta e lussuosa Limited Edition: vi parliamo dello psicologico Vampire, lo zombie-movie australiano Wyrmwood – Road of the Dead e il thriller con un redivivo Robert Englund, The Last Showing.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Midnight Factory: il cofanetto Blu-Ray di Zombi e l’horror sul bullismo L’odio che uccide

Qui dalle parti di DarksideCinema abbiamo un debole per la Midnight Factory, dobbiamo ammetterlo. Si tratta di una delle poche etichette che oggi, al di là del valore intrinseco del film che viene distribuito, riservano una cura maniacale all’edizione home video, così da strizzare l’occhio ai collezionisti. Ed è giusto che sia così perché, diciamolo chiaramente, con la crisi sempre più nera del mercato home video a causa di copie digitali, streaming (legale o meno) e servizi televisivi on demand, sono giusto i collezionisti ad essere disposti a spendere cifre superiori per conservare il supporto. E dunque è giusto dare al collezionista ciò che il collezionista desidera, ovvero edizioni curate nei minimi dettagli, sia nel packaging che nella resa tecnica/contenutistica, nonché la possibilità di fruire dei film nei formati più attuali possibile.

Detto ciò, passiamo alle novità Midnight Factory di questo inverno, in particolare a due titoli: il capolavoro di George A. Romero Zombi – Dawn of the Dead, che arriva in una completissima edizione cofanetto, e l’inedito L’odio che uccide, un originale horror sul bullismo accolto con applausi al Sitges Film Festival e al Fantasia International Film Festival.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Viy – La maschera del demonio: il Blu-ray 3D del kolossal russo ispirato a Gogol

Ammettiamolo pure con oggettività e senza troppe remore. Per la prestigiosa Midnight Factory, marchio distributivo di Koch Media specializzato in film dell’orrore, l’annata 2016 non si è conclusa qualitativamente nel migliore dei modi. Dopo la chicca offerta con il cofanetto da collezione di Zombi, contenete quattro dischi, booklet e cartoline, Midnight Factory porta sul mercato italiano dell’home video Viy – La Maschera del demonio 3D, un pomposo fantasy-horror tutto effetti speciali prodotto – principalmente – dalla Russia e dall’Ucraina con il prezioso contributo del “geniale” Uwe Boll.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)