Archivio tag: musical

Cats, la recensione

Popolarissimo musical composto da Adrew Lloyd Webber e scritto da Thomas Stearns Elliot nel 1981, Cats racconta le vicende di un gruppo di gatti, i “Jellicle Cats” di Londra. Ogni anno i gatti si ritrovano per festeggiare il vecchio gatto Old Deuteronomy (Judie Dench) con un ballo che culmina con l’ascesa di uno di loro al paradiso dei Jellicle, l’Heaviside Layer. Il raduno di quest’anno però viene turbato dall’arrivo di Macavity (Idris Elba) che rapisce Old Deuteronomy perché desidera poter ascendere al paradiso. Ma grazie all’aiuto di Mister Mistofelees (Laurie Davidson), il “gatto prestigiatore”, tutto si risolverà.

Cercare di recensire un film come Cats non è semplice, questo perché il rischio di avventurarsi nel terreno scivoloso della critica impietosa, al limite del crudele, è dietro l’angolo. Tom Hopper purtroppo non ha reso facile il compito di parlare della sua ultima opera, che sembra a tutti gli effetti il risultato di un’inspiegabile allucinazione collettiva.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Un’avventura, il musical che celebra le canzoni di Battisti e Mogol, disponibile in blu-ray

Visto con sospetto da molti spettatori per una spesso difficile immedesimazione, il musical è sicuramente uno fra i generi cinematografici più difficili, sia da realizzare che da guardare. Il musical, inoltre, è anche oggetto di tanti, troppi passi falsi da parte di grandi e medie produzioni che spesso e volentieri sacrificano il “concept” a dei cast all stars che diventano il vero criterio con cui vendere il film. In tempi relativamente recenti, tuttavia, abbiamo salutato alcuni “film musicali” particolarmente riusciti come Across the Universe, Rock of Age e il bellissimo La La Land, esempi a cui guarda giustamente Un’avventura, il film di Marco Danieli rilasciato lo scorso San Valentino da Lucky Red. Adesso, per mano della stessa e grazie ai canali distributivi di Koch Media, Un’avventura arriva in DVD e blu-ray disc.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Mamma mia – Ci risiamo!, la recensione

Bando ai preamboli, iniziamo col rispondere onestamente alle domande che la maggior parte degli spettatori, inevitabilmente, si pone sin da quando sente parlare per la prima volta del sequel di un film a lui caro. Sarà all’altezza del primo capitolo? Le mie aspettative (ammesso che debba riporne) verranno deluse? È il caso di investire (non) pochi euro per la proiezione in sala o meglio conservarli per un aperitivo con buffet? Offrire un feedback soddisfacente per tutti i gusti è un’impresa probabilmente impossibile, ma tenteremo di fornire qualche valida chiave di lettura.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +9 (da 9 voti)

The Greatest Showman, la recensione

Arriva nei nostri cinema il 25 dicembre 2017, proprio nel giorno di Natale, The Greatest Showman, il musical su P.T. Barnum, uno dei personaggi più poliedrici e controversi dell’Ottocento.

Dismessi gli artigli di adamantio, col bellissimo commiato Logan, Hugh Jackman torna a coreografie e canto dopo Les Misérables. È l’attore australiano infatti a incarnare la storia di Barnum: dall’infanzia in povertà, che sedimenta in lui la voglia di riscatto, fino all’età adulta dove diviene uno dei primi e più importanti impresari di Spettacolo, fondatore dello storico circo che porterà il suo nome.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Greatest Showman in conferenza stampa. Hugh Jackman: “Non conformatevi, puntate su voi stessi”

The Greatest Showman è il film di Natale 2017 con Hugh Jackman: il 25 dicembre prossimo nelle sale è in uscita il musical drammatico sulla vita di P.T. Barnum, celebre imprenditore dello spettacolo e del circo. A interpretarlo il volto di Wolverine che torna al musical dopo il successo di Les Miserables. Nuova tappa al musical anche per Zac Efron, coprotagonista del film assieme a Michelle Williams che interpreta il ruolo della moglie di Barnum, e Zendaya di recente sugli schermi con Spiderman: Homecoming.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 2 voti)

Ammore e Malavita, la recensione

Presentato in concorso alla 74esima Mostra dell’Arte Cinematografica di Venezia, Ammore e Malavita dei Manetti Bros. è un musical napoletano a metà tra il crime e la commedia.

Quando Don Vincenzo (Carlo Buccirosso) rimane ferito in una sparatoria, la moglie Donna Maria (Claudia Gerini) ha la rivelazione: “faremo come in James Bond!” e convince il marito a fingersi morto, con la collaborazione di alcuni fidati uomini, per poter scappare insieme all’estero e vivere per sempre in un’isola deserta.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

La Bella e la Bestia, la recensione

Qualcuno fermi la Disney, per carità!

Guardando La Bella e la Bestia di Bill Condon, si ha la sensazione che il gioco dei remake live-action dei classici d’animazione stia realmente sfuggendo di mano.

Tutto è iniziato, con ogni probabilità, nel 2010 con Alice in Wonderland e il grande successo di pubblico che si è trascinato dietro (inversamente proporzionale a quello di critica, ma questi sono dettagli). Quel film macina-botteghini ha seminato un’idea nei vertici dell’Azienda con sede a Burbank: perché non rifare con attori in carne e ossa le storie già affrontate con successo a cartoni animati? Non era un’idea nuova, visto che nel 1996 c’era stato il pregevole La carica dei 101 – Questa volta è magia vera, ma c’è voluto un nuovo successo massiccio e la complicità delle più moderne tecnologie affinché si arrivasse gradualmente a Maleficent (2014) e, soprattutto, a Cenerentola (2015). Se nel film con Angelina Jolie La bella addormentata era tangente alla storia inedita di Malefica, il film di Kenneth Branagh abbracciava in toto il classico d’animazione del 1950. E la stessa cosa è accaduta con Il libro della giungla lo scorso anno, dove il modello di riferimento era in maniera sempre più prepotente il cartoon di Wolfang Reitherman del 1967.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

La La Land, la recensione

Essere un film d’apertura non è un compito affatto facile. È necessario riprodurre l’anima di un festival e portare l’attenzione del pubblico verso qualcosa di completamente innovativo; bisogna costruire un ponte cinematografico fra vecchio e nuovo.

Tra cinefilia e intrattenimento, musiche che hanno già un posto libero nell’Ipod e regia magistrale, Damian Chazelle dirige una vera e propria lezione di cinema con il suo La La Land, film d’apertura della 73esima Mostra del Cinema di Venezia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 2 voti)

TFF33: London Road

Nel 2006 London Road, una strada popolare di Ipswich, nel Regno Unito, viene sconvolta da terribili omicidi: cinque prostitute vengono trovate barbaramente uccise. Sul piccolo quartiere, abitato pressoché da famiglie che già si lamentavano della prostituzione, si abbatte dapprima lo sconcerto e il turbamento e poi un vero e proprio uragano mediatico che rende tristemente nota l’altrimenti anonima London Road. Tutti i suoi abitanti, che il film segue da vicino usando un finto stile documentaristico, reagiscono in modo diverso a quanto gli sta succedendo intorno. Proprio sotto Natale, la comunità è scossa e carica di sospetti poiché ognuno di loro potrebbe essere il fantomatico killer.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Annie – La felicità è contagiosa, la recensione

Annie Bennett (Quvenzhané Wallis), bimba di dieci anni sveglia ma sognatrice, vive ad Harlem con un gruppo di orfanelle, in affido alla ex popstar Colleen Hannigan (Cameron Diaz), dal pessimo carattere e col vizio dell’alchool. Annie vive la propria umile e movimentata routine con pazienza e coraggio, aspettando che i suoi genitori, dei quali non possiede altro che un biglietto e la metà di un ciondolo, tornino a prenderla come promesso. La grande opportunità arriva quando s’imbatte nel futuro sindaco e magnate delle telecomunicazioni Will Stacks (Jamie Foxx), che la salva per un pelo da un incidente stradale. Il video della sventata tragedia, in un attimo, diventa virale, suggerendo a Stacks e al suo entourage (Rose Byrne e Bobby Cannavale) che Annie potrebbe rappresentare la chiave per accrescere la sua popolarità gli occhi degli elettori…

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +8 (da 8 voti)