Archivio tag: recensione

Seven Sisters: il film con Noomi Rapace in Blu-ray Special Edition 2 dischi

Rimproveriamo spesso al cinema italiano la tendenza di molti “autori impegnati” a voler far politica attraverso la Settima Arte. Il risultato sono film tutti uguali, prolissi e fini a se stessi, che sguazzano nel dramma soporifero di denuncia sociale destinato ad essere dimenticato in meno di una settimana. Ma utilizzare il cinema come veicolo politico non è certo una nostra invenzione (basta pensare agli albori del cinema) ed anche all’estero, questa, è una tendenza molto in voga. La “sola” differenza tra noi e il resto del Mondo è che altrove esiste la capacità coniugare contenuti all’intrattenimento così da inserire mirati messaggi politici anche all’interno di grandi blockbuster di genere capaci di abbracciare pubblici vasti e diversificati. In fin dei conti non c’è nulla di strano in questo, anzi, se si vuole davvero divulgare un “messaggio” lo si fa con un prodotto “popolare” e non con uno di nicchia.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

I Nuovi Vicini e Bastardi Insensibili in Blu-Ray Disc

Se siete in cerca di film utili a fornire “forti emozioni”, allora Koch Media potrebbe fare al caso vostro grazie a due tra le sue recenti uscite in home video. Tra queste, infatti, troviamo l’interessante I nuovi vicini (The Ones Below) e l’antologico Bastardi insensibili (Heyday of the Insensitive Bastards). Due mosse dedite al “recupero” dal momento che entrambi i film arrivano sul nostro mercato con tre anni di ritardo (entrambi prodotti nel 2015). Di seguito vi parliamo delle edizioni ad alta definizione, sicuramente apprezzabili sotto il profilo tecnico ma con notevoli carenze per ciò che riguarda i contributi speciali.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Molly’s Game, la recensione

Oggi a Hollywood il potere e l’influenza di uno sceneggiatore può essere pari o superiore a quello di un regista o un attore. Ce lo insegna Aaron Sorkin, che negli anni è diventato una vera istituzione per il cinema e la televisione made in USA, fino al suo esordio alla regia nel 2017 con Molly’s Game.

Il primo script importante firmato da Sorkin risale al 1992, Codice d’onore, il che lo porta a lavorare come script doctor per film del calibro di Shindler’s List, The Rock e Nemico pubblico. Una carriera tutta in ascesa che arriva alla serie tv West Wing – Tutti gli uomini del presidente, a cui segue un periodo buio fatto di droga, alcool e prigione.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Parlami di Lucy, la recensione

La tendenza degli ultimi anni da parte di molti registi di ogni nazionalità è quella di rendere complesso e pieno di sfaccettature psicologiche e morbose un genere molto semplice e lineare come l’horror. Tale strada viene portata agli estremi da Giuseppe Petitto il quale, dopo una carriera caratterizzata da documentari e film di impegno politico e sociale, bagna il suo esordio alla regia con un horror soprannaturale e dalle forti tinte drammatiche, dal titolo Parlami di Lucy.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Escobar – Il fascino del Male, la recensione

«Non mi interessava come si procurava i soldi, ma come li spendeva!»

(Virginia Vallejo)

Pablo Escobar Gaviria, conosciuto anche come Il Re della cocaina, è stato uno dei criminali più carismatici e di spicco nella seconda metà del ‘900. Implicato, per breve tempo, anche nella sfera politica, Escobar è considerato – ancora oggi – il criminale più ricco della Storia, con un patrimonio stimato di oltre trenta miliardi nei primissimi anni novanta.

In un periodo storico come questo, in cui il cinema e la televisione sembrano essere sempre più ammaliati dalla criminalità, era inevitabile che i riflettori si accendessero su una figura così “importante” come quella di Escobar.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Ghost Stories, la recensione

Esiste una tradizione tutta britannica di film horror a episodi che, all’epoca dell’uscita, ha fatto tendenza e ha fondato un canone produttivo ben preciso. Parliamo soprattutto della Amicus Productions, casa di produzione che si specializzò proprio in film a episodi dopo l’immediato successo de Le cinque chiavi del terrore (1965), a cui seguirono Il giardino delle torture (1967), La casa che grondava sangue (1971), Racconti dalla tomba (1972), La morte dietro il cancello (1972) e La bottega che vendeva la morte (1974), solo per citare i più celebri. Tutti figli del seminale Incubi notturni, che nel 1945 aveva gettato le basi per tanto horror a venire. Oggi, che l’horror a episodi non è più troppo in voga al cinema e appannaggio della serialità televisiva antologica, arriva sul grande schermo Ghost Stories, che si riallaccia proprio a quella tradizione tutta inglese del racconto d’atmosfera suddiviso in più storie raccolte da un unico filo conduttore e una cornice propedeutica al racconto.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Doppio amore, la recensione

Era il 1886 quando lo scrittore scozzese Robert Louis Stevenson pubblicava la sua opera più importante dal titolo Lo strano caso del Dott. Jekyll e Mr. Hyde, romanzo nel quale veniva trattata per la prima volta una storia incentrata sul concetto del doppio e di due personalità diverse all’interno della stessa persona. Un’idea, che in psicologia si traduce nel contrasto tra Es e Super-Io, che nel cinema ha avuto tantissime rivisitazioni e che può essere trasposta anche nel rapporto tra gemelli, persone dall’aspetto identico ma dai caratteri diversi. È ciò che è accaduto nel cult Inseparabili di Cronenberg ed ora in Doppio Amore del regista francese François Ozon, il quale porta sullo schermo il romanzo Lives of the Twins di Joyce Carol Oates per raccontare una storia torbida nella quale a farla da padrona sono le passioni amorose, pulsioni sessuali e il disagio di una protagonista tramortita e divisa a metà tra due gemelli che aprono in lei una ferita mai sopita.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Vengeance: A Love Story e Taking Earth disponibili in Blu-ray Disc

 Come spesso accade, dal binomio CG Entertainment e Minerva Pictures scaturiscono prodotti semi-sconosciuti che approdano sul nostro mercato destinati direttamente alla fruizione casalinga. Queste proposte possono essere equiparate alle famose “buste sorpresa” che si trovavano nelle edicole (almeno) fino alla metà degli anni novanta: enormi buste, acquistabili a prezzo davvero irrisorio, e contenenti tante piccole sorprese. Un regalo perfetto per i bambini? Direi di no, perché dietro il prezzo contenuto e questo nome appetitoso si nascondeva un’insidia bella e buona: le “buste sorpresa” erano delle spaventose opzioni svuota-magazzino che contenevano tutto il peggio della merce invenduta. Per lo più le sorprese andavano dal piccolo timbro colorato (quasi sempre inutilizzabile poiché secco) al giornaletto sconosciuto da colorare con la penna magica (e anche questa, aveva quasi sempre la punta secca). Qualche volta, solo per i più fortunati, tra tanti gingilli inutili c’era la possibilità di trovare il “giocattolino” interessante che non credevi nemmeno di poter vedere più sul mercato. Ecco, i prodotti proposti da CG e Minerva hanno più o meno lo stesso sapore: tra tanti “fondi di magazzino” c’è la possibilità di trovare anche qualche sana leccornia.

Tra le ultime proposte del doppio marchio, troviamo il thriller-drammatico Vengeance: A Love Story e il fantascientifico Taking Earth.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Oscure visioni in DVD: La notte che mia madre ammazzò mio padre, Alcolista, Dove cadono le ombre

Vi parliamo oggi di tre titoli, tutti racchiusi sotto il marchio CG Entertainment, che sono da poco disponibili sul mercato dell’home video in edizione DVD. Tre film molto diversi fra loro che spaziano dal grottesco al dramma psicologico ma tutti capaci di riflettere sull’oscuro tema della “morte”. C’è chi la butta sulla risata, chi rincorre uno stile ossessivo e chi, invece, necessita il rifugio in fatti e misfatti di una Storia più o meno recente. Linguaggi diversi per pubblici altrettanto differenti. Vi parliamo dello spagnolo La notte che mia madre ammazzò mio padre e dei nostrani Alcolista e Dove cadono le ombre.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

IT: il successo horror dello scorso anno in blu-ray disc

In questi giorni si susseguono notizie sul casting di IT – Parte 2, attesissima continuazione del grande successo horror dello scorso autunno, che vedrà il gruppo dei “Perdenti” ormai adulto e ancora alle prese con il malefico demone pagliaccio Pennywise. Mentre i nomi di Jessica Chastain, James McAvoy e Bill Hader sono ormai certi per i ruoli di Beverly, Bill e Ritchie, Warner Bros Home Entertainment porta nelle nostre case la prima parte del dittico firmato da Andy Muschietti. IT arriva in home video in DVD, Blu-ray Disc, 4k Ultra HD, una speciale edizione Blu-ray lenticolare da collezione e la versione steelbook esclusiva Amazon.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)