Archivio tag: robert zemeckis

Benvenuti a Marwen, la recensione

Se guardiamo alla carriera di Robert Zemeckis nel post 2000, notiamo un ardimento nella sperimentazione narrativa e tecnica che parlano chiaro sul suo ruolo all’interno del panorama cinematografico mondiale. Concettualmente vicino a Spielberg, di cui è stato ed è un fidato collega/collaboratore, Zemeckis ama le sfide, si mette continuamente alla prova nella sperimentazione di linguaggi, sempre aperto ad applicare alle storie che decide di raccontare le strade a cui la tecnologia ci apre. Perfino in film sulla carta insospettabili come Allied – Un’ombra nascosta, la tecnologia ha un ruolo decisivo che segue il percorso del perfezionamento e sostituzione dell’attore in carne ed ossa con un avatar fatto di 0 e 1, come già sperimentato nella trilogia in mo-cap (Polar Express, La leggenda di Beowulf, A Christmas Carol). Con Benvenuti a Marwen, il suo nuovo lungometraggio, Zemeckis prosegue proprio in questa personale direzione, continuando a riflettere sulle possibilità della tecnologia in campo di performance attoriale, dando vita a quello che fino a qualche tempo fa era peculiarità della sola fantasia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Back in Time: arriva in Blu-ray il documentario su Ritorno al futuro

«Ehi tu, porco, levale le mani di dosso!»

(George McFly)

Ritorno al futuro, primo capitolo della leggendaria trilogia diretta da Robert Zemeckis e iniziata nel 1985, non è solo un film. Negli anni è diventato un vero e proprio fenomeno di costume. A cavallo tra la commedia e la fantascienza, l’opera di Zemeckis rappresenta una tappa imprescindibile nella cinematografia internazionale degli anni ’80. Uno di quei film in grado di entrare nell’immaginario collettivo e di stravolgerlo completamente, diventando un autentico punto di riferimento per molte generazioni. Ancora oggi, infatti, la gente ama Marty McFly e lo scienziato Emmett “Doc” Brown ma ancor di più non si contano quanti, nei loro sogni più segreti, vorrebbero avere una vera DeLorean capace di viaggiare nel tempo. Per sapere tutto ciò che c’è da sapere su questo fenomenale viaggio nel tempo senza precedenti, arriva in home video con Koch Media il documentario Back in Time diretto da Jason Aron.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 2 voti)

Allied – Un’ombra nascosta, la recensione

Nel 1942 – in pieno secondo conflitto mondiale – la spia canadese Max Vatan (Brad Pitt) incontra a Casablanca la collega francese Marianne Beausejour (Marion Cotillard) per compiere una pericolosa missione: uccidere un ambasciatore tedesco. I due, che per copertura devono fingersi marito e moglie, si ritroveranno di lì a poco uniti da un reale sentimento d’amore, al punto da diventare davvero una famiglia.
Uno scomodo e gravissimo sospetto, le cui conseguenze sarebbero tragicamente irreversibili, turberà tuttavia l’armonia del loro rapporto…

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +6 (da 6 voti)

The Walk: una passeggiata nel vuoto con il Blu-Ray Sony Pictures

Presentato con successo all’ultimo Festival del Cinema di Roma, arriva adesso in home video grazie a Sony Pictures l’ultima fatica di Robert Zemeckis, l’incredibile storia di un funambolo: The Walk, disponibile in DVD, Blu-Ray Disc e Blu-Ray 3D.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Walk, la recensione

The Walk, l’ultimo film di Robert Zemeckis presentato al Festival del cinema di Roma, racconta la straordinaria impresa del funambolo Philippe Petit (interpretato da Joseph Gordon-Levitt), che nell’agosto del 1974 compì la traversata delle Torri Gemelle.

La narrazione ripercorre cronologicamente la crescente passione di Philippe Petit per l’arte circense ed in particolare per il funambolismo. Col passare degli anni egli diventa sempre più esperto e spericolato: va via di casa e diventa un’artista di strada, ideando esibizioni iconiche nel cuore della Parigi turistica. Sarà proprio durante questo periodo, tra un inseguimento e l’altro da parte della polizia, che Philippe incontrerà Annie, una giovane cantante che diventerà la sua fidanzata nonché la prima “complice” del suo grande progetto: infatti il protagonista coltiva da tempo il sogno di percorrere, sospeso su un filo, la distanza che divide le due Torri Gemelle.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

DARTH VADER (Star Wars)

DARTH VADER

Cosa si potrebbe aggiungere, che non sia già più che risaputo, sul Cattivo per antonomasia, il villain più amato, imitato e citato (ma mai eguagliato, aggiungerebbe il Genio di Aladdin) della storia del Cinema?
In principio, fu il biondo e affascinante Anakin Skywalker, figlio di Shmi Skywalker; destinato alla grandezza, ma corrotto dal Lato Oscuro. La sua trasformazione è tanto radicale quanto irreversibile: metà umano, metà cyborg; 2,02 metri di altezza (con l’armatura indosso!); respiro inconfondibile e look ‘total black’.
A ispirare le fattezze del malvagio Lord Vader a ‘papà’ George Lucas è stato il malvagio androide Hakaider dalla serie televisiva Nipponica degli anni Settanta Jinzō ningen Kikaider, scoperta dal boss della Lucasfilm durante una vacanza in Giappone. L’inconfondibile casco di Vader, invece, è modellato su un elmo Stahlhelm tedesco.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +3 (da 3 voti)