Archivio tag: roy andersson

Venezia 76. About Endlessness

Il piccione non è sceso dal ramo e non ha smesso di riflettere. Stavolta il suo pensiero si slancia oltre l’esistenza, cercando di cogliere qualcosa che superi la finitezza. Il piccione riflette sull’infinito.

Roy Andersson conquistò il Leone D’oro (a sorpresa e meritatissimamente) grazie al suo stile peculiare di camere fisse, colori slavati e malinconica ironia. Cinque anni dopo riprende il discorso in quello che già si sente definire come un B-side de Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza. Per certi versi l’accostamento è azzeccato: come molti lati B dei vinili o delle audiocassette di una volta, About Endlessness è più breve, ostico e introspettivo rispetto al lato A. Ma se guardiamo all’intera produzione del regista svedese, dovremmo definirlo almeno un lato D, dal momento che i precedenti Canzoni del secondo piano e You, the Living  formavano un continuum ideale col piccione. Quindi forse è meglio limitarsi a considerare il film di per se stesso. D’altronde parla dell’infinito: il materiale non manca.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)

Venezia 71. Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza, la recensione

Un film che ha vinto il tanto agognato Leone D’Oro alla 71esima edizione del Festival di Venezia, ma che l’ha anche, senza dubbio, diviso. C’è chi lo ha amato, chi l’ha odiato, chi non l’ha capito e chi l’ha capito, magari anche apprezzato, ma che è sicuro della sua vittoria immeritata. In effetti A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence è un film che non ha mezze misure, che si ama o si odia, capitolo conclusivo di una trilogia sull’esistenza (Songs from the Second Floor e You, the Living sono i due titoli precedenti) che forse in Italia non vedremo mai completa.

VN:R_U [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 4 voti)

Venezia 71. Tutti i vincitori

Si è svolta ieri sera, 6 settembre 2014, la cerimonia di premiazione della 71° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Nella ghermita (e blindatissima) cornice della Sala Grande del Lido di Venezia, alle ore 19, è cominciato l’evento che ha visto assegnare i premi per la sezione ufficiale dei film in concorso e per le sezioni “collaterali”, tra cui l’ormai celebre Orizzonti.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)