Archivio tag: stanley kubrick

Project Pop Art: Il Dottor Stranamore torna in Blu-ray in edizione steelbook da collezione

Proseguono le uscite di Sony Home Entertainment inerenti l’accattivante e prestigioso Project Pop Art, ovvero il rilancio in Blu-ray disc di sedici film cult in edizioni steelbook limitate – per veri collezionisti – impreziosite da inedite cover psichedeliche realizzate dagli artisti di Gallery 1988, una delle arthouse più celebri nel mondo dell’arte contemporanea.
Easy Rider, Karate Kid, Desperando e The Snatch sono solo alcuni dei cult scelti dal Project Pop Art già messi sul mercato nei mesi passati. Adesso, alla lista dei film rivisitati da Gallery 1988, si aggiunge un nuovo e immancabile film di culto, Il Dottor Stranamore ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

SPECIALE STEPHEN KING: ASPETTANDO “DOCTOR SLEEP”

1977. Il giovane Stephen King, dopo aver soggiornato con la moglie Tabitha in un albergo del Colorado prossimo alla chiusura invernale, ebbe un’idea. Tutti noi sappiamo che quando quell’uomo ha avuto un’idea, abbiamo letto un capolavoro.

Il mastodontico hotel che si stava lentamente spegnendo davanti ai suoi occhi, i dipendenti che si affrettavano a chiudere tutto, a preparare le valige, a finire le ultime faccende prima dell’arrivo della neve.  Un’ambientazione claustrofobica e al tempo stesso imponente, piena di camere vuote ma che potrebbero avere un passato nascosto.

Quindi ecco la mente del Re del Brivido che inizia a macinare la trama: Jack Torrance uno scrittore in crisi creativa, con al seguito la moglie Wendy e il figlioletto Danny accettano il lavoro di custodi invernali di un albergo sperduto sulle montagne del Colorado, l’Overlook Hotel. Saranno soli, per mesi e mesi.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Alex DeLarge (Arancia Meccanica)

ALEX DeLARGE

Alex è il capo dei Drughi, una “simpatica” combriccola di amici dediti allo stupro e all’ultra-violenza. Trascorre il suo tempo picchiando chiunque gli capiti a tiro, con la sua inseparabile divisa bianca e il suo bastone. Appassionato di musica classica, Alex ha un’insana attrazione per la Nona sinfonia di Beethoven; frequenta il Korowa Milk Bar e la sua bevanda preferita è il Latte più.

Durante una delle sue tante visite a sorpresa, dove sfoga la sua cattiveria in un’abitazione scelta a caso, i suoi “amici” gli tendono una trappola facendolo arrestare. Condannato a quattordici anni di carcere viene sottoposto alla cura Ludovico: la somministrazione di farmaci combinata con la visione forzata e ripetuta di immagini violente gli causerà un malessere fisico ogni volta che l’istinto lo conduce ad agire secondo la sua natura depravata, sopprimendo di fatto la libertà di arbitrio. Ottenuta la libertà e incapace di accettare questa sua nuova condizione, tenta il suicidio proprio nella casa di uno scrittore che aveva gambizzato in passato: il gesto fa riemergere la sua indole bestiale annullando tutti gli effetti della terapia. Per evitare che il governo venga screditato a causa dell’insuccesso della cura, un esponente politico gli assicura una vita agiata e confortevole in cambio del suo silenzio. Alex, “guarito” e appagato accetta.

JACK TORRANCE (SHINING)

JACK TORRANCE

Jack Torrance è uno scrittore ed un ex-insegnante con grossi problemi di alcolismo e con una desiderio represso di violenza, caratteristiche che gli sono costati il posto di lavoro. Per redimersi e recuperare il delicato rapporto con la propria famiglia, Jack decide di accettare un lavoro come custode invernale dell’Overlook Hotel in Colorado; è proprio nell’hotel che la sua follia omicida prende il largo, grazie anche ad una sorta di “maledizione” che aveva portato il precedente custode mr. Grady a massacrare la sua famiglia. L’odio represso nei confronti della sua famiglia esplode trasformando questo uomo apparentemente normale in uno psicopatico killer che ha come unico scopo quello di uccidere ad asciate tutte le persone che si trovano attorno a lui. Aiutato dalla sua capacità di parlare con le persone morte cerca di giungere alla fine della sua “missione” mentre la sua vera indole diventa sempre più prorompente facendolo così vivere in un limbo tra incubo e realtà in cui sembra proprio che Jack abbia trovato la sua dimensione.