Archivio tag: steven spielberg

West Side Story, la recensione

Sessant’anni esatti sono passati da quando esordiva sul grande schermo West Side Story di Robert Wise, primo adattamento cinematografico dell’omonimo musical di Leonard Bernstein, Stephen Sondheim ed Arthur Laurents, composto quasi dieci anni prima e liberamente ispirato a Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ben dieci Oscar vinti dal film, una marea di repliche in teatro, eppure West Side Story torna a nuova vita, sessant’anni dopo, grazie all’uomo che oggi meglio di chiunque altro è sinonimo di Cinema con “C” maiuscola, Steven Spielberg. Il regista di E.T. e Indiana Jones, infatti, ne realizza un remake filologicamente fedelissimo che rappresenta per lui l’ennesima sfida professionale: cimentarsi per la prima volta, all’età di 75 anni, con il genere musical.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Nuovo trailer e poster di West Side Story di Steven Spielberg

West Side Story, l’adattamento cinematografico del musical diretto dal vincitore dell’Academy Award Steven Spielberg, arriverà il 16 dicembre nelle sale italiane, distribuito da The Walt Disney Company Italia. Oggi possiamo mostrarvi il nuovo trailer (stavolta lungo) del film, in italiano e un primo poster ufficiale.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Lo squalo: analisi di un cult

Bene contro male, uomo contro natura, ingegno contro forza bruta, terra contro mare: Jaws – Lo squalo è il film che ha portato il nome di Steven Spielberg sulla bocca di tutti rendendolo protagonista, assieme ad altri “ragazzini” del calibro di Martin Scorsese, F. F. Coppola, Brian De Palma e George Lucas, della rinascita di Hollywood a cavallo tra anni ’70 e ’80.

Uscito nelle sale cinematografiche il 20 Gennaio 1975, Lo squalo diventa in breve tempo il film di maggior incasso commerciale dell’epoca (verrà superato due anni dopo dal suo amico George Lucas che dirigerà il primo capitolo della saga di Star Wars). Il successo al botteghino (e non solo) di questo film è infatti considerato un momento di svolta, e porta alla ribalta quello che diventerà indubbiamente il regista di più grande successo commerciale della storia del cinema.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +3 (da 3 voti)

Ready Player One, l’ultimo capolavoro di Steven Spielberg, arriva in Blu-ray disc.

Il Cinema come lo conosciamo oggi non sarebbe stato tale senza il fondamentale contributo di Steven Spielberg, il regista che più di qualsiasi altro, nell’arco di circa 45 anni di carriera, ha costruito un immaginario forte e definito, capace di contribuire alla stesura di storie multi-mediali, di influenzare celebrati artisti e far sognare almeno due generazioni di spettatori. Non ci stupisce, dunque, che per dirigere Ready Player One sia stato chiamato il regista di Incontri ravvicinati del terzo tipoIndiana Jones e Jurassic Park, proprio l’uomo che ha dato inconsapevolmente il là a Ernest Cline per la stesura del romanzo da cui il film è tratto. Grazie a Warner Bros Entertainment, l’ultimo capolavoro di Steven Spielberg può ora rivivere a casa nostra in una completa e soddisfacente edizione ad alta definizione Blu-ray disc.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Ready Player One, la recensione

Il Cinema come lo conosciamo oggi non sarebbe stato tale senza il fondamentale contributo di Steven Spielberg, il regista che più di qualsiasi altro, nell’arco di circa 45 anni di carriera, ha costruito un immaginario forte e definito, capace di contribuire alla stesura di storie multi-mediali, di influenzare celebrati artisti e far sognare almeno due generazioni di spettatori. Non ci stupisce, dunque, che per dirigere Ready Player One sia stato chiamato il regista di Incontri ravvicinati del terzo tipo, Indiana Jones e Jurassic Park, proprio l’uomo che ha dato inconsapevolmente il là a Ernest Cline per la stesura del romanzo da cui il film è tratto.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Post, la recensione

Con una delle carriere più longeve della storia del cinema, Steven Spielberg ritorna sui grandi schermi con la sua ultima fatica, The Post, accompagnato da due enormi attori come Meryl Streep e Tom Hanks che fanno a gara a chi è più bravo.

Una carriera infinita, dicevamo, ma anche assolutamente eterogenea che ha portato Spielberg a misurarsi con film di genere sempre diverso, senza fare quasi mai un passo falso. E un grande storyteller come lui non poteva che rendere The Post un film capace di piazzarsi tra i grandi classici del genere, affrontato con una modernità fuori misura.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 4 voti)

The Post: abbiamo incontrato Steven Spielberg, Tom Hanks e Meryl Streep

In occasione dell’uscita di The Post, che sarà nei cinema italiani dal 1° febbraio grazie a 01 Distribution, gli attori protagonisti Tom Hanks e Meryl Streep e il regista Steven Spielberg sono giunti in Italia per promuovere il film, per l’esattezza a Milano. Di seguito un resoconto dell’incontro stampa sul film che racconta l’incredibile storia che sta dietro la pubblicazione di alcuni documenti top secret sulle pagine del Washington Post nel 1971.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Lo Squalo 3 e Lo Squalo 4 in alta definizione Blu-ray Disc

« Ci serve una barca più grande! »

(Martin Brody – Lo Squalo)

Lo scorso anno la Pulp Video, etichetta distribuita da CG Entertainment e specializzata nel recupero di vecchi cult di genere, aveva distribuito per la prima volta in blu-ray disc Lo Squalo 2, primo sequel del capolavoro senza tempo firmato da Steven Spielberg. Adesso Pulp Video completa la sua missione distribuendo (anche in questo caso, per la prima volta) in alta definizione i restati due sequel della celebre saga iniziata nel 1975. Arrivano in Blu-ray Lo Squalo 3 e Lo Squalo 4, i due seguiti “poco amati” da pubblico e critica e che hanno definitivamente messo un punto alle (dis)avventure in mare della famiglia Brody.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il GGG – Il Grande Gigante Gentile, la recensione

Roald Dahl e il cinema, un’accoppiata vincente che a più riprese è riuscita a lasciare il segno. Pensiamo a Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato del 1971, romanzo e sceneggiatura di Dahl, a cui hanno fatto seguito diversi film per famiglie ispirati alle sue opere, da Matilda 6 mitica a Fantastic Mr. Fox, passando per James e la pesca gigante. Ma quella che forse è l’opera più nota e personale dello scrittore inglese, Il GGG, scritto nel 1982, arriva solo ora sul grande schermo in live action, grazie all’autorevole mano di Steven Spielberg e sotto l’egida produttiva della Disney.

Stando a queste premesse, Il GGG – Il Grande Gigante Gentile sarebbe dovuto essere il film dell’anno, una garanzia di qualità incredibilmente disattesa che si traduce, al contrario, in uno dei film più deludenti di questo scampolo di 2016.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Stranger Things, appunti su un successo Netflix

Anni ’80. In una piccola cittadina americana, di quelle sperdute fra campi coltivati e boschi misteriosi, Mike e i suoi tre amici Dustin, Lucas e Will, sognano mondi fantastici in un seminterrato e vanno in cerca di avventura in sella alla loro bicicletta. Sono i perdenti, quei bambini che vengono continuamente vessati dai bulli della scuola ma mantengono quella spensieratezza tipica dei bambini, grazie alla quale nessun ostacolo è insormontabile e tutto è possibile.

Tutto questo viene tragicamente cambiato quando Will, timido e taciturno, scompare sulla via di casa.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)