Archivio tag: Thomas Vinterberg

Un altro giro, la recensione

Un altro giro

Nel 1995 i due registi danesi Thomas Vinterberg e Lars von Trier codificarono le dieci regole d’oro per una cinematografia purista che si contrapponesse alla moda, tutta americana, di infarcire i film con effetti speciali, sparatorie ed esplosioni. Dopo un quarto di secolo il decalogo del cosiddetto DOGMA 95 è stato ammorbidito ma non cancellato del tutto. Anche nel suo ultimo film Un altro giro (Druk), Thomas Vinterberg ha continuato a rispettare scrupolosamente alcune di quelle disposizioni ‘talebane’ atte a mantenere il cinema sui binari di un rigido e crudo verismo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Via dalla pazza folla, la recensione

Il romanzo di Thomas Hardy, Via dalla Pazza Folla, torna al cinema in un nuovo adattamento cinematografico, in arrivo nelle sale italiane Giovedì 17 Settembre. Il regista Thomas Vinterberg ricostruisce quell’atmosfera dell’Inghilterra vittoriana in cui sono ambientate le vicende del libro, ponendo al centro della narrazione la versatile attrice Carey Mulligan (Il Grande Gatsby), che incarna alla perfezione Bathsheba Everdine, protagonista del romanzo.

Bathsheba è un’anticonformista per eccellenza, indipendente, dal carattere forte e fiero, una donna di ampie vedute, lavoratrice instancabile…insomma una femminista ante litteram.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Speciale: Lars von Trier – Ninfomane dello schermo

Capitolo 0. La Fine Del Mondo o; Vita e Morte di Lars Von Trier

Lars Trier nasce a Copenhagen il 30 aprile 1956, figlio di una Comunista e di un Social Democratico, entrambi nudisti. Trascorre la sua infanzia tra campeggi naturalisti, vittima di attacchi Ossessivo-Compulsivi che lo convincono di poter evitare la fine del mondo eseguendo azioni ritualistiche. Sviluppa la propria mente in una casa dove le regole non esistono e dove le infrastrutture sociali e religiose non hanno possibilità di entrare.
Nel 1989, la madre gli rivela, sul letto di morte, che suo padre non era un nudista, anzi, non era neanche suo padre.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)