Archivio tag: tony todd

Frankenstein, la recensione

Nel 1818 vedeva per la prima volta pubblicazione il romanzo Frankenstein (o Prometeo Moderno), l’opera che avrebbe portato alla notorietà l’allora giovanissima Mary Shelley. Il romanzo era inizialmente anonimo, attribuito all’autrice inglese solo con la prima ristampa del 1823, in seguito al crescente interesse che quell’anomalo e macabro racconto di fantascienza ante litteram aveva suscitato negli ambienti letterari. Ma Frankenstein non è rimasto un caso “recluso” alla carta stampata, diventando subito di grande interesse per il cinema fin dagli albori. È del 1910, infatti, la prima trasposizione cinematografica del romanzo della Shelley, seguita dal celeberrimo lungometraggio diretto nel 1931 da James Whale per la Universal Pictures e interpretato Boris Karloff, che gli conferì l’iconico look. Da allora si sono susseguite centinaia di trasposizioni cinematografiche e televisive, dalla mitica saga della Hammer Film con Peter Cushing alla rilettura della serie tv Penny Dreadful, passando per il Frankenstein di Kenneth Branagh con Robert De Niro nei panni del Mostro.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

CANDYMAN (Candyman)

CANDYMAN

Negli anni in cui negli Stati Uniti vigeva ancora la schiavitù,  Daniel, viene ingaggiato da un facoltoso proprietario terriero per dipingere il ritratto della figlia. I due ragazzi si innamorano incontrando la ferma opposizione del padre della giovane e, quando lei rimase in cinta, scoppiò uno scandalo che vide Daniel come unico capro espiatorio. Al ragazzo venne amputata una mano e, dopo esser stato cosparso di miele venne fatto uccidere da uno sciame di api al grido di “Canyman, candyman“. Poco prima di morire però il ragazzo venne portato davanti ad uno specchio che catturò la sua anima. Nasce così Candyman, un’anima tormentata che vorrebbe solo trovare la pace. Candyman può uscire dal suo bolio solo quando qualcuno pronuncia per cinque volte il suo nome davanti ad uno specchio; l’essere si materializza e trucida la persona che l’ha evocato, senza alcuna pietà. Il mito di Candyman continua attraverso i decenni, periodo in cui, la curiosità umana gli ha permesso di disseminare sempre più vittime.