Archivio tag: willem dafoe

Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità, la recensione

Willem Dafoe interpreta Vincent Van Gogh nel nuovo film diretto da Julian Schnabel. Non è la prima volta che il regista statunitense si cimenta in un racconto di vita, ma Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità (At Eternity’s Gate in originale) non è affatto un biopic sull’artista olandese. A Schnabel non interessano particolarmente gli eventi biografici in sé, qui addirittura ridotti all’essenziale, ma piuttosto il suo tormento interiore. Il regista, a sua volta egli stesso pittore, si identifica in Van Gogh e tratta il film come se fosse la tela su cui sfogare liberamente la sua creatività. In effetti l’intero lungometraggio è costellato di soluzioni sperimentali e non c’è un solo momento che non tenti l’innovazione sul piano visivo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Un sogno chiamato Florida, la recensione

Uno degli aspetti più riusciti di Un sogno chiamato Florida di Sean Baker si ritrova nella manifestazione e nella celebrazione materiale di alcune sensazioni prettamente fanciullesche: per gran parte del film vediamo infatti i giovanissimi protagonisti Moonee, Jancey e Scooty galleggiare in quel mare di assoluta delizia altresì noto come “tre mesi di nullafacenza estiva”, che li fa scattare a correre come centometristi e arraffare con ingordigia ogni nuova attività, come fischiare attraverso un ventilatore o dare fastidio a Bobby (Willem Dafoe), l’infaticabile manager del loro motel. Perché nonostante abitino a un tiro di schioppo da Disneyland non hanno la possibilità di visitarlo, e dunque sfruttano tutte le potenzialità del motel in cui sono costretti ad abitare.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Cane mangia cane, la recensione

Il cinema è un’arte e in quanto tale è soggetta alle mode, ai gusti e alle tendenze del momento tra le quali la più frequente, allo stato attuale, è la nostalgia verso il passato e il conseguente revival di generi e immagini dei decenni passati, considerati, a torto o ragione, aurei e indimenticabili. Un sentimento che ha coinvolto anche il regista Paul Schrader che con il suo ultimo lavoro, dal titolo Cane mangia cane, realizza un pulp molto tardo che omaggia in particolare modo il cinema tarantiniano che tanto successo e influenza ebbe a metà anni Novanta.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Strade di fuoco e Fermati, o mamma spara: il cinema action di Pulp Video

Inseguimenti, esplosioni, sparatorie, scazzottate e un pizzico di humor che, se ben dosato, non guasta mai. Tutto questo, e molto altro, in due piccoli cult del cinema action che tornano a vivere in alta definizione grazie all’etichetta distributiva Pulp Video in associazione a CG Entertainment. Arriva in Blu-ray disc la favola Rock ‘n’ Roll Stade di fuoco e lo s-cult Fermati, o mamma spara.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il luogo delle ombre, la recensione

Odd Thomas ha vent’anni circa, vive a Pico Mundo in California, lavora come cuoco in un fast food e ha una bella ragazza, Stormy, con la quale è destinato a stare fin da bambino, come predetto dalla veggente di una fiera. Ah, Odd Thomas vede anche la gente morta e, quando è possibile, aiuta la polizia locale a risolvere casi di omicidio grazie al suo dono.

Questo è l’incipit di Il luogo delle ombre, sfortunato film di Stephen Sommers tratto dalla saga fanta-horror Odd Thomas del prolifico scrittore americano Dean R. Koontz. Sfortunato perché i problemi di distribuzione di Odd Thomas – Il luogo delle ombre non si augurerebbero neanche al peggior nemico!

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il luogo delle ombre, trailer del fantasy di Stephen Sommers

Dal 23 luglio arriverà nelle sale italiane Il luogo delle ombre – titolo originale Odd Thomas – il nuovo fantasy diretto dal regista Stephen Sommers, già artefice di La mummia, l’horror d’azione Van Helsing e G.I. Joe: La nascita dei Cobra. Possiamo mostravi il trailer italiano e il manifesto ufficiale del film distribuito da Eagle Pictures.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

John Wick, la recensione

Da oggi il cinema di vendetta ha un nuovo volto e, soprattutto, un nuovo nome: John Wick.

Non proviene da fumetti, graphic novels o videogames, ne tantomeno da una vecchia serie tv o film di culto anni ’80, malgrado il linguaggio sia quello della letteratura a fumetti hard boiled, la frenesia mutuata da uno sparatutto da console e le atmosfere simili a quelle del b-movie d’azione reaganiano.

Ad interpretare John Wick c’è Keanu Reeves, che si fa protagonista di una sanguinosissima vendetta che conta dozzine e dozzine di cadaveri. Mentre a porre la firma su questo frenetico action movie sono Chad Stahelski e David Leitch – quest’ultimo anche produttore – che il mondo dell’azione lo conoscono in prima persona… e si sente!

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

La Spia – A Most Wanted Man, la recensione

La spia – A Most Wanted Man è stato presentato durante l’ultimo giorno di proiezioni al Festival Internazionale del film di Roma, nella sezione Gala. Figlio di un certo cinema che predilige la struttura narrativa all’azione vera e propria, l’ultimo lavoro di Anton Corbijn si è da subito fatto notare per la grande produzione alle spalle e per il cast da capogiro che vi ha preso parte. Ma ciò che conta e, allo stesso tempo, rammarica di più, è che questo sia l’ultimo lavoro completato dal premio Oscar Philip Seymour Hoffman, prematuramente scomparso lo scorso febbraio.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Venezia 71. Pasolini, la recensione

Sono passati quasi quarant’anni dalla morte dell’indimenticabile Pier Paolo Pasolini, poliedrico e discusso artista che ha segnato il panorama culturale italiano. Forse per celebrare questo anniversario, o forse perché Pasolini è una figura troppo importante per passare ancora inosservata sul grande schermo, il cinema ha deciso di rendergli omaggio con ben due pellicole. La Macchinazione sarà pronto nel 2015, è una produzione italiana per la regia di David Grieco e con Massimo Ranieri nel ruolo del poeta, ma quello che qui ci interessa è il film di Abel Ferrara, che si chiama molto eloquentemente Pasolini ed è stato uno degli eventi in concorso della 71° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

John Wick: poster e trailer del film con Keanu Reeves

Dopo le epiche peripezie nipponiche di 47 Ronin, Keanu Reeves si prepara a tornare sul grande schermo nei panni di uno spietato killer. Sarà, infatti, protagonista di John Wick, action movie diretto da Chad Stahelski del quale, in calce, vi presentiamo il primo trailer e il poster del film, disponibili grazie alla Lionsgate.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +4 (da 4 voti)