The Equalizer 2 – Senza perdono e Slender Man in alta definizione blu-ray

Con Sony Pictures Home Entertainment lo spettacolo è sempre variegato ed adatto a tutti i tipi di palato. Sono disponibili da qualche settimana, infatti, The Equalizer 2 – Senza perdono e Slender Man. Il primo si rivolge agli amanti del cinema “maschio” e vede il ritorno della coppia vincente Antoine Fuqua (alla regia) e Denzel Washington (attore protagonista), mentre il secondo parla chiaramente ad un pubblico di giovani appassionati del genere horror. Entrambi i film arrivano sul mercato home video sia in DVD che in alta definizione Blu-ray disc.

Nel 2014 raccoglieva consensi nei cinema The Equalizer – Il vendicatore, coriaceo action-thriller riportava in auge Robert McCall, giustiziere con passato nei servizi segreti nato a metà anni ’80 sugli schermi della CBS con la serie tv Un giustiziere a New York. Lì a dar volto a McCall c’era il britannico Edward Woodward, qui l’americano Denzel Washington, vero valore aggiunto di un’operazione che sulla carta sembrava uguale a troppe altre. Infatti The Equalizer – Il vendicatore funzionava dannatamente bene proprio per l’interpretazione di Washington, che aveva dato al “suo” McCall caratteristiche del tutto personali tanto da farne un personaggio originale al 100%.

A distanza di quattro anni, mentre The Equalizer si è ormai imposto a status di cult, la coppia Fuqua/Washington torna sul luogo del delitto per un sequel chiesto a gran voce dai fan e dalla Sony Pictures, che con il primo film aveva incassato il triplo di quello che aveva speso. Arriva così The Equalizer 2 – Senza perdono che, nonostante alcune trovate notevoli che sicuramente si faranno ricordare, non riesce a bissare il mix qualitativo del primo film.

Robert McCall si è trasferito a Boston, dove lavora come tassista e allo stesso tempo porta avanti la sua crociata contro i piccoli criminali che infestano la città. Nella sua quotidianità, Robert prende a cuore il giovane Miles, un adolescente con la passione per l’arte che vive nella sua stessa palazzina e che sembra intenzionato a prendere la strada della criminalità, ma il giustiziere viene richiamato in azione nel momento in cui un ex agente segreto viene assassinato in Francia. Pare che qualcuno stia decimando proprio alcuni ex colleghi di McCall e lui potrebbe far parte della lista.

In questo secondo capitolo, lo sceneggiatore Richard Wenk decide giustamente di esplorare alcuni aspetti del passato del protagonista, solo accennati velocemente nel primo film e qui fulcro della missione principale dell’eroe. Saggiamente, però, anche The Equalizer 2 non fornisce un quadro chiarissimo del  passato di Robert McCall, lasciando nell’ombra alcune questioni importanti, forse da sviluppare in un terzo capitolo. Ma non è solo il passato dell’uomo a occupare le intense due ore e passa di film, anzi, possiamo dire che il vero grande difetto di The Equalizer 2 risiede nella tendenza alla divagazione gratuita, che porta a un’entrata eccessivamente tardiva nel cuore della storia.

Con una drastica asciugata, dunque, The Equalizer 2 – Senza perdono avrebbe potuto tranquillamente replicare la formula perfetta del primo film, l’eccesso di back-stories votate al moralismo affossano invece quel meccanismo ad orologeria che avevamo amato.

L’edizione Blu-ray di The Equalizer 2 – Senza perdono messa sul mercato da Sony Pictures appare di pregevolissima fattura, eccellendo nella sfera tecnica ed offrendo una quantità di materiale extra (oltre un’ora) tanto abbondante quanto interessante.

Per ciò che concerne l’aspetto tecnico non c’è davvero nulla da lamentare. Il quadro video offre un’immagine molto nitida, contrastata in modo perfetto, così da rendere i colori particolarmente vivi e le immagini profonde. Ottimo anche il reparto sonoro, potente e squillante, che restituisce un ascolto originale in 7.1 DTS-HD Master Audio mentre quello italiano è affidato ad un altrettanto soddisfacente 5.1 DTS-HD Master Audio.

Tra i contenuti extra, invece, troviamo 11 scene eliminate ed estese ed un corposo making of ricco di interviste al cast artistico e tecnico (Costruire il mondo di Equalizer 2 – Senza perdono, 23’). A questi si aggiungono una serie di featurette piuttosto esaustive: Denzel nei panni di McCall: secondo round (7’) utile a conoscere l’approccio dell’attore a questo secondo capitolo; in Attraverso l’obiettivo di Antoine: il cast (7’) capiamo come sono state mosse le scelte di casting per poter avere un sequel all’altezza del precedente mentre in A pochi secondi dalla fine: Analisi di un’azione (5’) possiamo dare un’occhiata alla realizzazione di alcune delle sequenze più adrenaliniche. Proseguiamo con l’opzione Curiosità che ci permette di visionare l’intero film con l’ausilio di una finestrella pop-up utile a rivelare aneddoti e “curiosità”, appunto. L’offerta si esaurisce con la possibilità di vedere il film anche con l’opzione Modalità punizione, ovvero con il commento audio di Washington e Fuqua.

Proseguiamo questo viaggio nelle recenti offerte Sony Pictures con Slender Man, ovvero un modaiolo horror per tutti quei teenagers rimbambiti di tecnologia e desiderosi di muovere i primissimi passi in questo genere. A loro parla Slender Man, a nessun altro. Se solo si è un po’ più “avanti” con l’età e si ha una discreta cultura di cinema horror, infatti, si corre di sicuro il rischio di sprofondare in un fastidioso senso di deja-vu dall’inizio alla fine.

Diretto da Sylvain White, regista con all’attivo una carriera prevalentemente televisiva, Slender Man si prefigge l’obiettivo di lanciare una nuova “icona” nel cinema dell’orrore e per far ciò si ricorre alla leggenda metropolitana dello Slender Man, ovvero l’Uomo Snello, inquietante figura eletta a protagonista da quei “raccontini spaventosi” diffusi sul web e capaci di far tendenza fra i più giovani (conosciuti con il termine specifico creepypasta).

Creato solo nel 2009 da Erik Knudsen e con un look tanto semplice quanto efficace, lo Slender Man si è fatto protagonista in pochissimi anni di una serie inquantificabile di cortometraggi così come di diversi lunghi ma, senza ombra di dubbio, quello di White è il primo film che cerca di sottoporre questa malefica creatura all’attenzione della massa (visto il coinvolgimento della Sony, se non altro).

La storia è la più tipica di un qualunque teen horror. In una cittadina del Massachusetts, un gruppo di adolescenti in cerca di brividi facili decide di sfatare la leggenda dello Slender Man. Navigando sul web si imbattono in un rituale che consente di invocare il sinistro essere e pensano bene di metterlo in pratica. Pochi giorni dopo, quando una di loro scompare misteriosamente, le giovani ragazze capiscono a loro spese che hanno giocato con la leggenda sbagliata.

Derivativo in tutto, ma proprio in tutto, Slender Man utilizza un’estetica accattivante per nascondere la totale mancanza di idee. Ogni cosa che viene portata in scena sa di già visto, tutto è ampiamente prevedibile e nulla, a fine visione, risulta minimamente incisivo. Persino lo Slander Man, malgrado il notevole appeal visivo, rimane intrappolato in una sorta di anonimato a causa di una scrittura un po’ caotica e un po’ farraginosa più interessata a “rubacchiare” a destra e a manca piuttosto che a conferire una vera identità al suo boogeyman.

Anche nel caso di Slender Man, il blu-ray distribuito da Sony Pictures riesce a difendersi molto bene offrendo il suo meglio soprattutto sotto il profilo squisitamente tecnico.

Un quadro video di qualità, dunque, come nel caso precedente molto nitido e in grado di tenere alta la valorizzazione del dettaglio sia nelle sequenze più luminose che in quelle più buie. Nulla da lamentare sotto il profilo sonoro grazie ad uno squillante 5.1 DTS-HD Master Audio sia per la versione originale (inglese) che per quella italiana.

I contenti extra, invece, non sono particolarmente abbondanti e tra questi troviamo solamente la featurette di 9 minuti Incontra il cast, utile ad approfondire aspetti legati alla storia e alla realizzazione delle riprese attraverso la testimonianza delle giovani attrici protagoniste.

Roberto e Giuliano Giacomelli

THE EQUALIZER 2 – SENZA PERDONO di Antoine Fuqua

Label: Sony Pictures Home Entertainment

Formato: Blu-ray disc (disponibile anche in DVD e 4K UHD)

Video: Formato Panoramico alta definizione 2.40:1 – 1920 x 1080p

Audio: Italiano, Giapponese 5.1 DTS-HD MA; Inglese 7.1 DTS-HD MA

Sottotitoli: Italiano, Inglese, Giapponese

Extra: Scene eliminate ed estese, Denzel nei panni di McCall: secondo round, A pochi secondi dalla morte: analisi di un’azione, Attraverso l’obiettivo di Antoine: il cast, Curiosità, Costruire il mondo di Equalizer 2 – Senza perdono, Modalità punizione

 

SLENDER MAN di Sylvain White

Label: Sony Pictures Home Entertainment

Formato: Blu-ray disc (disponibile anche in DVD)

Video: Formato Panoramico alta definizione 2.39:1 – 1920 x 1080p

Audio: Italiano, Inglese 5.1 DTS-HD MA; Russo 5.1 Dolby Digital

Sottotitoli: Italiano, Inglese, Danese, Estone, Finlandese, Lettone, Lituano, Norvegese, Russo, Svedese, Ucraino

Extra: Incontra il cast

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.