Alex DeLarge (Arancia Meccanica)

ALEX DeLARGE

Alex è il capo dei Drughi, una “simpatica” combriccola di amici dediti allo stupro e all’ultra-violenza. Trascorre il suo tempo picchiando chiunque gli capiti a tiro, con la sua inseparabile divisa bianca e il suo bastone. Appassionato di musica classica, Alex ha un’insana attrazione per la Nona sinfonia di Beethoven; frequenta il Korowa Milk Bar e la sua bevanda preferita è il Latte più.

Durante una delle sue tante visite a sorpresa, dove sfoga la sua cattiveria in un’abitazione scelta a caso, i suoi “amici” gli tendono una trappola facendolo arrestare. Condannato a quattordici anni di carcere viene sottoposto alla cura Ludovico: la somministrazione di farmaci combinata con la visione forzata e ripetuta di immagini violente gli causerà un malessere fisico ogni volta che l’istinto lo conduce ad agire secondo la sua natura depravata, sopprimendo di fatto la libertà di arbitrio. Ottenuta la libertà e incapace di accettare questa sua nuova condizione, tenta il suicidio proprio nella casa di uno scrittore che aveva gambizzato in passato: il gesto fa riemergere la sua indole bestiale annullando tutti gli effetti della terapia. Per evitare che il governo venga screditato a causa dell’insuccesso della cura, un esponente politico gli assicura una vita agiata e confortevole in cambio del suo silenzio. Alex, “guarito” e appagato accetta.

Film: Arancia Meccanica (S.Kubrick) 1971

Nome completo: Alexander DeLarge

Alias: nessuno

Età: 27 anni

Nazionalità: inglese

Occupazione: capo dei Drughi

Armi: bastone con coltello incorporato

Poteri: nessuno

Obiettivi: picchiare, violentare e uccidere per puro divertimento

Nemesi: tutte le sue vittime, compresi i suoi ex compari

Multimedia: Romanzo Arancia Meccanica di Anthony Burgess

Prima comparsa sullo schermo: 1971

Attore che lo interpreta: Malcolm McDowell

Frase: “E d’un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all’ispirazione.”

Scheda a cura di Cristina Russo

Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.