I peggiori: tutto il cast presenta il film al Napoli Comicon

Il Napoli Comicon è stato teatro di un gustoso evento cinematografico per il panorama italiano di genere, l’anteprima nazionale di I peggiori, la commedia d’azione diretta e interpretata da Vincenzo Alfieri che esordirà nei cinema il 18 maggio, distribuita da Warner Bros.

La proiezione in anteprima, che si è svolta il 29 aprile nell’auditorium della Mostra d’Oltremare di Napoli, è stata accompagnata da una conferenza a cui hanno preso parte il regista, gli attori Lino Guanciale, Miriam Candurro, Antonella Attili, la piccola Sara Tancredi, Biagio Izzo e Francesco Paolantoni. Con loro anche i produttori Fulvio e Federica Lucisano e la distribuzione.“Ho iniziato a scrivere il film quando avevo 16 anni, spiega Vincenzo Alfieri, trentunenne con passato da attore a all’esordio dietro la macchina da presa. Poi, tre anni fa, ho incontrato i Lucisano, avevo già recitato in loro produzioni e la nostra collaborazione ha portato a fare il film giusto.

Ringrazio Lo chiamavano Jeeg Robot, Smetto quando voglio e Veloce come il vento perchè hanno aperto un varco. Oggi parliamo di novità, ma questi film in Italia si facevano già in passato, Lucisano stesso ha prodotto Terrore nello spazio di Mario Bava!”

La parola passa a Federica Lucisano.

Quando tempo fa è venuto a bussare alla mia porta, avevo detto a Vincenzo di cambiare mestiere, vai a studiare. Ha studiato, prendendo addirittura due lauree, è tornato da me e mi ha convinto molto la sua passione cinematografica. Insieme abbiamo percorso questa strada, insieme abbiamo costruito il cast e abbiamo prodotto il film.

Dopo di ché è Fulvio Lucisiano a dire la sua: “io ero contrario a questo film, mi ha convinto Federica e la scelta del cast, perchè è fenomenale. Spero di fare il seguito e sono entusiasta di questo film“.

Poi, uno alla volta, gli attori raccontano la loro esperienza sul set de I peggiori e come si sono convinti a partecipare a questo bizzarro film.

Lino Guanciale, che nel film interpreta il coprotagonista, spiega:

Ho letto la sceneggiatura di Vincenzo e ho riconosciuto che avevo tra le mani un copione che mi dava opportunità diverse da quello che avevo fatto fino ad ora. Qui ci sono molti generi che si toccano e vedevo margini per fare mio il personaggio. Poi è un film originale, uno dei pochi esempi di cinema italiano che ha voglia di fare la parodia ai blockbuster americani.

Sara Tancredi, la sorella tredicenne dei personaggi interpretati da Vincenzo e Lino, dice:

Chiara è l’opposto di me, sia nel vestire che nel linguaggio, ma Vincenzo e Lino mi hanno aiutato a essere Chiara.

Miriam Candurro, che interpreta l’assistente sociale che segue il caso dei fratelli Mieli, aggiunge:

la cosa che più mi ha convinto del personaggio è stato il non essere romantica ed essere l’antieroina per eccellenza. Una moderna eroina dei film Warner Bros, un’occasione unica per me!

Antonella Attili ha invece il ruolo della “cattiva”…

Adoro fare opere prime perchè si ritrova un’energia straordinaria. Quando ho letto la sceneggiatura pensavo che fosse un film da leccarsi i baffi, mi hanno dato carta bianca per apportare modifiche al personaggio e questa cosa non sempre accade nel cinema italiano, mi ritengo molto fortunata.

Biagio Izzo è il commissario di polizia che si trova a indagare sulle strambe gesta dei “Demolitori”:

Venendo da un tipo di cinema differente mi sono un po’ preoccupato quando mi hanno proposto I peggiori; mi sto facendo troppo serio negli ultimi tempi e questo è un personaggio che non mi apparteneva del tutto, l’ho dovuto cercare. Però sono stato tranquillo perchè Vincenzo è bravo e ha saputo indirizzarmi. Mia madre, che ora non c’è più, diceva che dovevo fare film seri… se avesse visto questo si sarebbe messa a piangere.

Francesco Paolantoni, collega di lavoro di Fabrizio Mieli, personaggio interpretato da Alfieri, conclude:

Un applauso alla produzione e alla distribuzione perchè hanno creduto in Vincenzo. In merito al film vi parlo da pubblico e vi posso dire che ho trovato in I peggiori quello che mi piace del cinema americano, mi sono divertito, c’è azione ed è credibile… da spettatore ho gradito molto.

Poi l’attore e regista riprende la parola e spiega la sua scelta di ambientare il film a Napoli:

Spesso al cinema ti fanno vedere solo una parte di Napoli, invece volevamo far vedere tanti luoghi diversi, tipo il Centro Direzionale, che è un posto incredibile. Poi vi devo dire che mi sta sulle palle il fatto che spesso Napoli esce descritta come un posto pieno di problemi e da qui nasce la frase “il problema di Napoli NON sono i napoletani…”.

Conclude confessando che ha un’idea ben precisa del cinema e il sogno è fare film d’azione, infatti è proprio con le scene d’azione che si è voluto confrontare ne I peggiori.

Sono contrario ai sequel – aggiunge – se un film è bello lo è dalle fondamenta non ha bisogno di appendici. Ma se trovassi una sceneggiatura tanto convincente da convincere anche i produttori, allora se ne potrebbe anche parlare. La scena dopo i titoli di coda serve ad essere cinici fino all’ultimo, non è essenzialmente un legame per un sequel.

Due fratelli squattrinati e senza prospettive (Lino Guanciale e Vincenzo Alfieri), nella speranza di garantire alla sorella tredicenne un futuro migliore (Sara Tancredi), si inventano un’insolita attività: armati di maschere e micro-camere demoliranno pubblicamente l’identità dei vari “furbetti del quartierino” che infestano il Bel Paese, trasformandosi così in due improbabili “eroi a pagamento”.

Roberto Giacomelli

(foto di Rita Guitto)

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *