Nexŭs: il nuovo corto emozionale per il regista Michele Pastrello

Dopo la parentesi di #Virus, un monologo febbricitante e beffardamente “happy new year” sulla condizione umana, interpretato da Andrea Pergolesi (che potete vedere qui), il regista veneto Michele Pastrello torna dietro la macchina da presa con Nexŭs, un nuovo capitolo delle sue produzioni a carattere emotivo-evocativo.

Dopo la trilogia, iniziata nel 2014 e conclusasi nel 2016, Piano-Forte-Fortissimo, che comprende DekstopAwakenings Sensorium Dei (tutti e tre visibili sul canale Youtube del regista), con il nuovo progetto Nexŭs Pastrello si cimenterà con un one man show (tranne per le musiche ed il cast) per l’intero micro-film.
Un progetto molto personale e molto delicato” dice il regista veneto “che potevo realizzare solo da solo e con molta calma. E non potrebbe essere altrimenti, dato che il protagonista è un non-attore di 82 anni che porta il mio stesso cognome. Anzi io l’ho preso da lui.” Continua Pastrello: “E’ un progetto molto intimo, quindi, lavorando con mio padre, il quale in principio non sapeva neanche che fosse il protagonista di un video. Comunque non un qualcosa di (auto)biografico, assolutamente, ma la tematica ‘universale’ affrontata intercetterà le frequenze emotive di molte persone, credo.
Attualmente in fase di lavorazione, Nexŭs dovrebbe essere pubblicato online (come ci ha abituato il regista, poco interessato, lui stesso afferma, al circuito dei Festival) entro luglio 2017. Inoltre il regista ci ha confidato che ha iniziato anche un altro microfilm parallelo, protagonista Eleonora Bolla – nota per il ruolo di Anna Damiani in Romanzo Siciliano, andato in onda di recente sui canali Mediaset.
Un progetto più piccolo, siamo solo ai primissimi ciak, nato un po’ per caso, un po’ per bisogno, che parlerà di come solo noi possiamo curare noi stessi dai nostri mali. E ciò costa fatica e costanza, non è uno scherzo.

Michele Pastrello sul set di Awakenings

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *