Archivio tag: Lorenzo Richelmy

Ride, il biker-action made in Italy, in Limited Edition blu-ray

Con Ride il duo Fabio Resinaro e Fabio Guaglione, entrambi registi del fortunato Mine e qui coinvolti in qualità di autori e promotori del progetto, portano in Italia in cinema 2.0. In un panorama cinematografico votato alla frammentazione dell’informazione e dell’immagine, in cui il cinema si diverte a cercare un dialogo con la video-arte, Ride affonda le proprie radici mostrando un uso intelligente e moderno delle nuove strumentazioni di ripresa (le GoPro e le varie action-cam molto utilizzate per i video sportivi) in unione a quella mentalità informatica secondo la quale “se non ti connetti non esisti”. Il film – o meglio ancora l’esperimento – diretto da Jacopo Rondinelli, che qui esordisce nel lungometraggio dopo una corposa formazione in spot e videoclip, arriva in home video con Koch Media e Lucky Red in una bellissima Limited Edition blu-ray ricca di contenuti extra.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

DolceRoma, la recensione

Di film che parlano del mondo del cinema ce ne sono a iosa, spesso sono stati grandi maestri a immergersi in tematiche metafilmiche, da Fellini a Tarantino, passando per De Palma, i Coen, Craven e Scorsese… solo per citare alcuni nomi molto noti. Un filone che risulta però sempre di difficile approccio, sia da parte di chi lo sceglie per raccontare una storia, sia di chi ne fruisce, perché si potrebbe inciampare nello spiacevole errore di far film che parlano principalmente agli “addetti ai lavori”. L’ultimo lavoro di Fabio Resinaro, DolceRoma, viaggia proprio su quel territorio di confine che divide l’opera metacinematografica auto-compiaciuta dal cinema di genere spendibile sulle grandi masse di spettatori.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Ride, la recensione

Kyle e Max sono migliori amici da sempre. Cresciuti praticamente insieme, i due condividono molte cose e, in modo particolare, la passione per le sfide estreme. Sono due riders acrobatici e l’unica cosa che riesce a scuoterli dalla monotonia quotidiana è l’adrenalina derivata da imprese folli e spericolate, spesso al limite della legalità, da poter poi condividere sul web. Un giorno ricevono l’invito per partecipare ad una misteriosa gara di downhill che sarà trasmessa solo su un’esclusiva piattaforma online a cui pochissimi hanno l’accesso. Chi vincerà la gara avrà una ricompensa in denaro di 250.000 euro. Una cifra importante che potrebbe garantire a Kyle la possibilità di ricominciare una vita più serena con la sua famiglia e a Max di pagare i molti debiti che gravano sulla sua testa. I due accettano senza esitazione ma, quando la gara ha inizio, scoprono che il “gioco” ha delle regole molto più pericolose di quanto potevano immaginare. Devono correre veloce, molto veloce, non più per la somma in palio ma per restare in vita.

Con Ride anche in Italia arriva il cinema 2.0.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Una vita spericolata, la recensione

Rossi è un trentenne che nella vita ha concluso ben poche cose. Gestisce un’officina che va a rotoli, non ha una famiglia su cui contare e nemmeno una fidanzata che possa supportarlo nelle scelte della vita. Ha solo BB, il suo migliore amico, ex campione di rally e adesso fancazzista. Sommerso dai debiti, Rossi si reca in banca per implorare un prestito e invece, a seguito di una sequela di bizzarri fraintendimenti, si ritroverà – senza volerlo – a rapinare la banca e fuggire a bordo di una macchina rubata con il suo amico e una ragazza (un’attricetta finita in disgrazia) presa in ostaggio durante la fuga. Diretti in Puglia, inseguiti da un improbabile commissario di polizia, i due fuggiaschi non sanno che il denaro “rubato per sbaglio” non apparteneva alla banca ma a un manipolo di brutti ceffi disposti a tutto pur di riappropriarsi della refurtiva.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 1.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

La ragazza nella nebbia, la recensione

Finalmente, verrebbe da dire. Finalmente anche in Italia si produce un thriller per cinema che è Cinema, appunto, e non una mera riproposizione di ritmi, volti ed estetica televisiva. La ragazza nella nebbia è quel film che mancava nella produzione nostrana odierna e che potrebbe rilanciare un intero filone, vista la validità complessiva dell’opera e quel sapore commerciale indispensabile per creare il giusto appeal con il pubblico.

Artefice di questo bel giallo dal sapore europeo è Donato Carrisi, anche autore dell’omonimo romanzo di cui La ragazza nella nebbia è trasposizione nonché della sceneggiatura, un esordiente dietro la macchina da presa che nel mondo dell’entertaiment italiano aveva prestato il suo talento per le sceneggiature dei televisivi Nassiryia e La narcotici – Caccia al Re.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Hybris, la recensione

Ci hanno provato. Hanno fallito ma ci hanno provato. Quello che sorprende è che dei ragazzi così giovani siano riusciti a realizzare un prodotto così vecchio. Hybris è il primo lungometraggio del giovanissimo regista ventunenne Giuseppe Francesco Maione, girato su un soggetto e una sceneggiatura dell’altrettanto giovane Tommaso Arnaldi. Hybris, termine che indica un topos della tragedia e della letteratura greca che letteralmente significa tracotanza, eccesso, superbia e prevaricazione, riassume più o meno tutta la sinossi del film che, però, fallisce nel suo intento. Buone le basi, catastrofico il risultato.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Sotto una buona stella: il nuovo Verdone in DVD

Dopo aver collezionato un buon numero di candidature agli ultimi Nastri d’argento e ai David di Donatello, aver vinto il premio del pubblico all’Italian Contemporary Film Festival di Toronto e, soprattutto, aver sbancato i botteghini invernali, l’ultimo film di Carlo Verdone, Sotto una buona stella, arriva in home video. La Filmauro distribuisce infatti il film in DVD e Blu-ray disc in Special Edition.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

“SOTTO UNA BUONA STELLA”, DI CARLO VERDONE, VINCE IL PREMIO DEL PUBBLICO ALL’ITALIAN CONTEMPORARY FILM FESTIVAL DI TORONTO

Il film Sotto una buona stella, scritto, diretto e interpretato da Carlo Verdone, ha conquistato il Premio del pubblico all’Italian Contemporary Film Festival di Toronto (12-20 giugno). Una giuria composta da circa 23.000 spettatori, disseminati in 5 città del Canada (Toronto, Vaughan, Montreal, Québec, Hamilton), ha decretato il vincitore del prestigioso riconoscimento, assegnato durante la serata conclusiva della kermesse (partner ufficiale del Toronto International Film Festival ed unico Festival del Cinema Italiano in Canada).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il Terzo Tempo di Enrico Maria Artale in DVD

È recentemente arrivato in home video, distribuito da Filmauro in DVD, Il terzo tempo, il lungometraggio d’esordio di Enrico Maria Artale, presentato con un buon successo di critica alla 70° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e uscito nelle sale lo scorso autunno.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Sotto una buona stella, la recensione

Sono poche, oggi, le icone della commedia italiana sopravvissute con successo al botteghino tanti anni da aver potuto attraversare più generazioni cinematografiche. Tra queste c’è senza dubbio Carlo Verdone, regista e attore che in più occasioni abbiamo sentito celebrare come tra i principali eredi della grande tradizione della commedia all’italiana. Con una carriera cominciata in tv tanto tempo fa in trasmissioni come Non Stop, Verdone è riuscito a rinnovarsi negli anni riuscendo a mantenere una forte personalità pur evitando di ripetersi (almeno in gran parte della carriera), cosa che probabilmente gli ha permesso di mantenere il suo appeal verso un pubblico che si compone di ferventi fan ma anche di spettatori occasionali, senza che ci sia necessariamente un gap di apprezzamento tra l’uno e l’altro.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)