Archivio tag: steven soderbergh

Contagion, la recensione

Beth Emhoff torna a Minneapolis dopo un viaggio d’affari a Hong Kong, ma gli strani sintomi che presenta e che lei attribuisce a un semplice jet lag sono invece il preludio alla contrazione di un virus che, dopo due giorni di sofferenze, la uccide. Questo è solo il primo caso di un contagio che pian piano si sviluppa su scala mondiale: nessuno conosce l’origine del virus ne un modo per combatterlo. Mitch, marito di Beth, dopo la morte improvvisa anche del figlio acquisito, si ritrova a lottare insieme alla figlia adolescente contro un mondo che sembra andare in pezzi. Cheever, il vicedirettore del Centro USA per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, cerca di tenere la situazione sotto controllo per far si che non si scateni il panico e nel frattempo la dottoressa Mears e la dottoressa Orantes si mobilitano per cercare l’origine e la cura al virus. Ma nel frattempo il blogger Alan Krumwiede si scaglia contro le alte sfere del potere sostenendo che i cittadini non sono informati su ciò che sta accadendo, gettando così in paranoia la popolazione.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Venezia 76. The Laundromat – Panama Papers

The Laundromat

Chi pensa che i Panama Papers siano cappellini di carta particolarmente ben fatti è caldamente invitato a guardare questo film. Chi sa cosa sono, lo guardi comunque.

Considerato “il più grande leak di informazioni della storia”, quella dei Panama Papers è una vicenda di frodi fiscali, società offshore, crediti, debiti, trust e un sacco di altra roba che chi non ha studiato economia ha tutto il diritto di non capire affatto. O forse no. Forse Soderbergh con questo film vuole convincerci che se tutti capissimo un po’ meglio questa “roba”, il mondo sarebbe un posto più sicuro.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +8 (da 8 voti)

High Flying Bird, la recensione

Nonostante l’ottima accoglienza allo Slamdance Film Festival, lo scorso 8 Febbraio è uscito praticamente in incognito il nuovo esperimento audiovisivo di Steven Soderbergh. Durante un immaginario lockout (termine tecnico per indicare una situazione di stallo durante il campionato NBA), un manager in crisi (André Holland) cerca di salvare il proprio lavoro e la carriera dei propri giocatori con una serie infinita di raggiri e sotterfugi che porteranno tutte le parti (manageriali e non) ad accordarsi e a permettere la ripresa del torneo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: -10 (da 10 voti)

Ocean’s 8, la recensione

Debbie Ocean è pronta ad uscire dal carcere per buona condotta dopo cinque anni, otto mesi e dodici giorni. Un periodo relativamente lungo per Debbie, durante il quale ha escogitato al dettaglio il colpo più grande della sua vita. Una truffa assolutamente perfetta. Una volta fuori di prigione, senza perder tempo, la donna inizia a mettere in piedi una squadra infallibile, tutta al femminile, composta solo dalle migliori nei rispettivi campi. La prima della lista, ovviamente, non può che essere Lou, complice storica di Debbie, a cui si aggiunge l’esperta in gioielli Amita, la truffatrice Costance, la ricettatrice Tammy, l’hacker Palla Nove e la stilista Rose. Il colpo? Semplice! Rubare 150 milioni di dollari in diamanti dal collo della famosa attrice Daphne Kluger durante la prestigiosa – e sorvegliatissima – cerimonia al Met Gala di New York.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Unsane, la recensione

A partire da giovedì 5 luglio, 20th Century Fox distribuirà nelle sale cinematografiche italiane il thriller Unsane firmato da Steven Soderbergh.

Sawyer Valentini, interpretata da Claire Foy, già nota al pubblico per il suo ruolo di protagonista nella serie The Crown, ha cambiato abitudini quotidiane, lavoro, città per sfuggire all’uomo che la perseguita da due anni.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

La truffa dei Logan, la recensione

Jimmy Logan è appena stato licenziato dal cantiere in cui lavorava a causa di un leggero handicap alla gamba non dichiarato mesi e mesi prima quando è stato assunto, ora l’uomo, ex quarterback della squadra della scuola, separato dalla moglie e con figlioletta a carico, se la passa decisamente male, alimentando la cosiddetta diceria che sulla famiglia Logan grava un’annosa maledizione. Visto che in città stanno per organizzare una importante gara automobilistica NASCAR, Jimmy vuole tentare il colpaccio e utilizzare l’accesso a un cantiere adiacente, a cui stava lavorando fino al giorno prima, per rubare l’incasso delle scommesse sulla gara prima che questo venga assegnato. Per far ciò coinvolge suo fratello Clyde, che gestisce un pub e ha perso un braccio in Iraq, e sua sorella MIllie, che lavora come parrucchiera in paese. Ma manca ancora un membro nella squadra, qualcuno che sappia come evadere i sistemi di sicurezza che portano al caveau dove sono custoditi i soldi, e la scelta ricade sullo scassinatore professionista Joe Bang, ma c’è un dettaglio: Joe è detenuto nel carcere di massima sicurezza della contea!

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Roma 2014. Le nostre interviste a Tomas Milian, Park Chan-Wook e Clive Owen [VIDEO e FOTO]

La nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma ci ha regalato, già a partire dalla seconda giornata, una consistente dose di emozioni e adrenalina. Abbiamo infatti avuto la straordinaria opportunità di interagire con personalità del calibro del leggendario Tomas Milian, del cineasta coreano Park Chan-Wook e della superstar Clive Owen. In calce, sono disponibili le nostre video interviste con annessa fotogallery.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +7 (da 7 voti)

Magic Mike XXL: new entry e addii nel cast

Come è noto prevalentemente al pubblico femminile, Magic Mike è stato uno dei maggiori successi 2012. La pellicola, diretta da Steven Soderbergh e incentrata sul mondo dello spogliarello maschile, ha incassato ben 113.665.031 dollari e oltre 41.000.000 dollari fuori dall’America del Nord, con un totale di 154.665.031 dollari in tutto il mondo. Niente male, calcolando il modesto budget iniziale, di ‘appena’ 7 milioni di dollari. Non era difficile immaginare che un sequel non avrebbe tardato ad andare in porto, e infatti il cast di Magic Mike XXL, questo il titolo del secondo capitolo, continua ad arricchirsi di new entries.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +5 (da 5 voti)

Magic Mike 2 : Channing Tatum a lavoro sulla sceneggiatura

Quante di voi non hanno affatto disdegnato il tripudio di pettorali e testosterone che hanno fatto la fortuna dell’insolito Magic Mike (2012) di Steven Soderbergh? Sarete felici di sapere che il bel protagonista Channing Tatum è al lavoro su un sequel! È stato l’attore in persona ad annunciare sul suo profilo Twitter di aver cominciato a lavorare alla sceneggiatura di Magic Mike 2, attraverso una foto accompagnata dal tweet: “Cosa c’è di meglio che iniziare a scrivere Magic Mike 2 con il mio vecchio amico Dallas?”.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Dallas Buyers Club : la conferenza stampa a Roma

Partenza ingiustamente fiacca, al box office italiano, per il primo weekend di programmazione di Dallas Buyers Club, che guadagna il nono posto incassando 417 mila euro con una media di circa 2.800 euro in 147 sale. L’intenso film drammatico, diretto da Jean-Marc Vallée e interpretato da uno smunto ma formidabile Matthew McConaughey, è stato candidato a 6 Premi Oscar (tra cui Miglior Film e Miglior Attore Protagonista) e racconta la storia vera di Ron Woodroof, rude e omofobo texano che, nel 1985, contrae il virus dell’HIV. Allora, la malattia rappresentava un misterioso spauracchio, tanto che i medici gli danno non più di un mese di vita; lui, però, non si arrenderà e cercherà con ogni mezzo di procurare per sé e per chi, come lui, ne ha bisogno le doverose e appropriate cure mediche.
Dallas Buyers Club è stato presentato a Roma in conferenza stampa da Matthew McConaughey in carne e ossa. L’attore – spiritoso, loquace e carismatico – di nuovo in forma smagliante dopo lo stress a cui il suo fisico è stato sottoposto prima delle riprese del film; McConaughey, infatti, per entrare nei panni di Ron Woodroof , ha dovuto perdere ben 23 kili.
In coda all’articolo, potrete guardare in esclusiva il video integrale e una fotogallery dell’evento.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)