Archivio tag: ana de armas

E l’assassino e’….Cena con delitto – Knives Out arriva in home video in edizione combo Blu-ray + DVD

Dopo la calorosa accoglienza ricevuta dal remake di Assassinio sull’Orient Express (K.Branagh, 2017) una nobile tradizione, ormai poco praticata sugli schermi cinematografici ma in passato molto in voga, ha voluto che il giallo deduttivo di matrice letteraria ritrovasse un contraltare di successo anche sul grande schermo. Proprio in quest’ottica è arrivato al cinema Cena con delitto – Knives Out, un prodotto del tutto originale (nel senso che non ha matrice letteraria ne è un remake) che si ancora prepotentemente ai dettami del giallo deduttivo omaggiandolo e decostruendone le regole. Con un cast stellare e la firma del talentuoso Rian Johnson (Star Wars: Gli ultimi Jedi), Cena con delitto – Knives Out arriva adesso in home video con Eagle Pictures in una completa edizione combo che contiene sia il blu-ray disc che il DVD.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Cena con delitto – Knives Out, la recensione

Una nobile tradizione, ormai poco praticata sugli schermi cinematografici ma in passato molto in voga, ha voluto che il giallo deduttivo di matrice letteraria trovasse un contraltare di successo anche sul grande schermo. Neanche a dirlo, apripista di questa tendenza è stato tutto quell’immaginario legato all’opera omnia di Agatha Christie e alle trasposizioni di successo dei suoi romanzi, che hanno sempre viaggiato a braccetto con un altro grande esponente del genere, Arthur Conan Doyle e alla sua creatura più fortunata, Sherlock Holmes. Ed è proprio da attribuire all’immortale creatrice di Poirot il rinnovato interesse di Hollywood per il filone “murder mistery”, vista la calorosa accoglienza ricevuta lo scorso anno dal remake di Assassinio sull’Orient Express. Proprio in quest’ottica – vista anche la coincidenza del periodo d’uscita – arriva al cinema Cena con delitto – Knives Out, un prodotto del tutto originale (nel senso che non ha matrice letteraria ne è un remake) che si ancora prepotentemente ai dettami del giallo deduttivo omaggiandolo e decostruendone le regole.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 4 voti)

The Informer – Tre secondi per sopravvivere, la recensione

La lunga e collaudata tradizione del crime movie a stelle e strisce che ci mette nei panni di un informatore della polizia o un polizotto sotto copertura in gang criminali ha avuto un picco nei primi anni del terzo millennio grazie all’apporto al genere fornito da David Ayer, sia come sceneggiatore che regista, che ha aperto la strada a tutto un filone crime urbano che affonda le mani nella corruzione delle forze dell’ordine. L’italiano Andrea Di Stefano, che nel 2014 aveva diretto il solido Escobar – Paradise Lost con Benicio Del Toro, torna a raccontare vicende di criminalità e violenza percorrendo proprio la strada tipicamente ayeriana con The Informer – Tre secondi per sopravvivere.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Accendete i motori, Overdive arriva in Blu-ray Disc!

Che il cinema d’azione, soprattutto quello statunitense, sia al centro di una vera e propria rivoluzione ce lo stiamo dicendo da tempo. Indubbiamente una delle saghe che più di tutte ha contribuito a “svecchiare” questo genere è stata Fast & Furious, grazie al mix di azione spettacolare totalmente fuori da ogni realismo e una particolare umanità nella delineazione dei personaggi positivi. E il resto del mondo non è stato certo a guardare, soprattutto la Francia che negli ultimi anni ha dato vita a successi di tutto rispetto. Overdrive, co-prodotto da Francia e Stati Uniti, si inserisce di contropiede in questo settore: cinema americano applicato al contesto europeo. Ed è proprio a quella saga sopraccitata che Overdrive guarda perché il film del colombiano Antonio Negret è un Fast & Furious in miniatura che sicuramente farà felici i patiti dei motori e dell’azione on the road. Grazie a Koch Media, il film di Negret è adesso disponibile in alta definizione Blu-ray disc.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Blade Runner 2049, la recensione

Il cinema di fantascienza postmoderno si fonda su quattro grandi film che hanno dettato le regole per una nuova concezione visiva e contenutistica del genere: 2001: Odissea nello spazio, Star Wars, Alien e Blade Runner. Un dato di fatto, né più, né meno.

Ora c’è da notare che tutti i film suddetti, oltre ad aver influenzato in maniera indelebile il modo di fare fantascienza e creato cloni più o meno spudorati, hanno dato vita a veri e propri franchise; chi in maniera più fortunata (Star Wars e Alien) chi perdendosi subito per strada anche per ovvie difficoltà d’approccio che il prototipo poneva (il film di Kubrick). Tutti tranne Blade Runner, però, che malgrado abbia proseguito la sua vita tra romanzi, fumetti e videogames, ha sempre evaso il cinema. Ma quella continuazione che i fan aspettavano da tanto tempo arriva finalmente proprio allo scoccare dei 35 anni, si intitola Blade Runner 2049 e porta la firma di uno dei più talentuosi registi emersi in questi ultimi anni, Denis Villeneuve.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Overdrive, la recensione

In questi mesi il cinema d’azione, soprattutto di matrice statunitense, è al centro di una vera rivoluzione che ha ridefinito ritmi, spettacolarità e coreografie. Una delle saghe più influenti – perché ormai si ragiona per saghe anche in questo genere – è stata senz’altro Fast & Furious, che grazie a un mix di azione spettacolare e completamente al di fuori di ogni realismo e una particolare umanità nella delineazione dei personaggi positivi, è riuscita a decretare un nuovo canone di blockbuster action.

E il resto del mondo non sta di certo a guardare! Soprattutto la Francia, che da quando ha trovato nella EuropaCorp di Luc Besson una piccola Hollywood transalpina, ha dato al grande pubblico successi di tutto rispetto.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Trafficanti, la recensione

Avete presente Todd Phillips? Si, il regista di Road Trip, Parto col folle e la trilogia di Una notte da leoni. Da lui ci si aspetta un determinato tipo di film, ormai, che puntino alla risata di pancia, quella generata dalla gag greve. Eppure, a guardare Trafficanti (War Dogs, in originale), quasi non si riconosce la mano di Phillips perché qui il regista statunitense mira decisamente più in alto e con un mix ben calibrato di divertimento e satira sociale, realizza un film molto intelligente, indubbiamente il migliore partorito fino ad oggi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Knock Knock e Regression: i Blu-ray Limited Edition di Midnight Factory

La prolifica Koch Media, tramite l’etichetta specializzata Midnight Factory, ha recentemente portato in home video due thriller d’autore molto attesi dagli appassionati del genere: l’home invasion al femminile Knock Knock, del regista cult Eli Roth, e l’indagine sulle sette sataniche Regression, con Emma Watson e Ethan Hawke del regista premio Oscar Alejandro Amenàbar.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Knock Knock, la recensione

Mai aprire la porta agli sconosciuti, nemmeno se si è adulti e a bussare sono due giovanissime ragazze, all’apparenza, indifese. Eli Roth, con il suo Knock Knock, ci mostra quali cose terribili ci possono succedere altrimenti.

Knock Knock è un film del 2015, remake di Death Game del 1977 di Peter S. Traynor, scritto, prodotto e diretto da Eli Roth che ritorna a collaborare, dopo The Green Inferno, con Nicolás López.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: -1 (da 1 voto)