Archivio tag: park chan wook

Oldboy: perchè dopo 18 anni è ancora un grandissimo film

Il 2003 è un anno cruciale per il cinema sudcoreano, travolto da una vera e propria rinascita autoriale che lo ha portato all’attenzione internazionale.

Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera di Kim Ki-duk vince ben 4 premi al Festival di Locarno ed è il primo film dell’autore a ricevere una visibilità internazionale consistente con conseguente successo di pubblico. Sempre nel 2003 Im Sang-soo scandalizza il Lido di Venezia con La moglie dell’avvocato, un dramma erotico che raggiunge un successo incredibile fuori dai confini sudcoreani. Mentre Kim Ji-woon conquista il pubblico internazionale con lo struggente e spaventosissimo Two Sisters, vincendo al Fantasia, allo ScreamFest e a Gérardmer. Lo stesso anno Park Chan-wook presenta al pubblico Oldboy, vince il Gran Prix speciale della Giuria a Cannes, due premi principali a Sitges e la statuetta come miglior film straniero ai British Independent Film Awards del 2004.  

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Lee Woo-Jin (Old Boy)

LEE WOO-JIN

Lee Woo-jin è l’erede di un impero multimiliardario. Vive nell’attico di un grattacielo, in un loft all’ultimo grido tra armadi semoventi, grandi specchi e fontane interne. Nel tempo libero pratica yoga, colleziona cineprese, osserva la lenta discesa nella follia dell’uomo che ha rapito e terrà prigioniero per quindici anni.

Il nome del prigioniero è Oh Dae-su. Beone buffoncello e donnaiolo, colpevole di aver messo in giro il pettegolezzo che ha causato la morte di Soo-ah, sorella di Woo-jin.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Roma 2014. Le nostre interviste a Tomas Milian, Park Chan-Wook e Clive Owen [VIDEO e FOTO]

La nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma ci ha regalato, già a partire dalla seconda giornata, una consistente dose di emozioni e adrenalina. Abbiamo infatti avuto la straordinaria opportunità di interagire con personalità del calibro del leggendario Tomas Milian, del cineasta coreano Park Chan-Wook e della superstar Clive Owen. In calce, sono disponibili le nostre video interviste con annessa fotogallery.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +7 (da 7 voti)

Oldboy: la vendetta arriva in Blu-ray!

In seguito a qualche critica, nata soprattutto dal pregiudizio, e diverse lodi tessute da critica e pubblico, arriva anche in home video l’ultimo film di Spike Lee, ovvero Oldboy, che non è altro che il remake americano di quel piccolo e omonimo capolavoro coreano diretto nel 2003 da Park Chan-wook. Il film di Lee arriva in DVD e alta definizione Blu-ray disc grazie a Universal Pictures.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Old Boy, la recensione

Joe Doucett è un uomo gretto e dalla vita sregolata. Dirigente di un’agenzia pubblicitaria in declino, marito divorziato e padre assente, Joe affoga i suoi dispiaceri nell’alcool. Una notte, mentre è ubriaco, Joe viene attirato da una donna e quando si risveglia è nudo in una stanza d’albergo. Senza ricordare come ci è arrivato e chi ce l’ha portato, Joe si rende conto ben presto che è chiuso dentro e non c’è modo di evadere da quella prigione. Passano ben 20 anni, durante i quali Joe apprende dalla televisione che sua moglie è stata uccisa, dell’omicidio è stato incolpato lui e la sua bambina è stata data in affidamento a un’altra famiglia. Durante questo lungo periodo di prigionia, l’uomo si trasforma in una macchina da guerra, pieno di rancore e auto-addestrato al combattimento, finché un giorno viene liberato. Ora nella mente di Joe corrono solo due pensieri: riabbracciare sua figlia ormai ventitreenne e trovare la persona che l’ha tenuto rinchiuso tutti questi anni, così da vendicarsi nel più atroce dei modi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)