Lasciati andare, la recensione

Il dottor Elia Venezia (Toni Servillo) è uno psicoterapeuta annoiato e consapevolmente imprigionato nel proprio limbo emotivo. Lui e sua moglie Giovanna (Carla Signoris) sono separati, eppure continuano ad abitare l’uno vicino all’altra, scambiandosi ripicche, conforto e condividendo momenti quotidiani. Questa stasi autoimposta verrà scossa quando, in seguito a un malore, Elia s’iscriverà in palestra e incontrerà la vivace personal trainer Claudia (Verónica Echegui), determinata a restituirgli l’entusiasmo per la vita.

Lasciati andare, terza regia di Francesco Amato, è dunque la storia di un incontro tra due opposti inspiegabilmente complementari proprio come la mente e il corpo, di cui i protagonisti sono evidente incarnazione. Il risultato è una commedia umana semplice, quasi esente da luoghi comuni, che adotta un originale punto di vista per raccontare la crisi di mezza età. Il merito va a una regia scrupolosa e a interpretazioni disinvolte e misurate. Buona la scrittura dei comprimari, che arricchiscono il grigio microcosmo di Elia di variopinte sfumature, mettendo in moto l’ingranaggio di nuovo vigore fisico e intellettuale.

Protagonista di questa pellicola letteralmente scatenata è un inedito Toni Servillo, che si cimenta con inaspettata leggerezza in un ruolo decisamente insolito nella sua filmografia. O meglio, Elia inizialmente farà pensare a tanti dei personaggi che hanno reso celebre l’attore campano per via della sua austera solitudine o dell’espressione disillusa. Tuttavia, nel corso della metamorfosi a ritmo di stretching, scopriremo un interprete in grado di spogliarsi delle movenze a lui familiari e padroneggiare il registro brillante divertendosi e divertendo. Accanto a lui, due certezze del cinema nostrano: l’inarrestabile Luca Marinelli e l’elegantissima Carla Signoris, che è sempre un piacere vedere sul grande schermo.

Lasciati andare è un inno alla spontaneità e al coraggio; un’apologia dell’imperfezione e del paradosso. Un film in grado di coinvolgere e spiazzare, indagando con garbo tra le complessità dell’animo umano e tentando, senza presunzione, di dar loro senso. Il suo miglior pregio è proprio non prendersi troppo sul serio senza però mai peccare di superficialità. Unico difetto è un evidente squilibrio tra la prima macro sequenza – decisamente più briosa e sagace – e la seconda, meno arguta e imprevista.

Chiara Carnà

PRO CONTRO
  • Un’idea originale per trattare una tematica potenzialmente banale come la crisi di mezza età.
  • Scrittura curata e brillante.
  • Cast in grande forma, che si mette alla prova con performance insolite e trasformismo.
  • Una seconda parte non all’altezza della prima.
VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)
Lasciati andare, la recensione, 7.0 out of 10 based on 1 rating
Condividi questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *