Archivio tag: èdgar ramìrez

Wasp Network, la recensione

Olivier Assayas torna in gara a Venezia con un film delicato: Wasp Network è il nome assunto dal sistema antiterroristico cubano sul finire della guerra fredda, giunto agli onori della cronaca nel 1998 all’arresto dei cosiddetti Cuban Five. Cinque agenti cubani (in realtà gli arresti furono una decina) operanti senza permesso su territorio statunitense. Eroi per qualcuno, terroristi per qualcun’altro. E per Assayas?

Il film non prende le mosse né da un eroe né da un terrorista, ma da un traditore. Il pilota René Gonzales (Édgar Ramírez) saluta moglie e figlia come tutte le mattine, sale sul suo aereo e vola in America. Non esattamente la mossa più apprezzata dal regime castrista. A motivare la sua fuga le ristrettezze dovute all’embargo statunitense. Olga Gonzales (Penélope Cruz) si troverà così a dover portare avanti la famiglia da sola, convivendo con lo stigma d’essere la moglie di un traditore.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +3 (da 7 voti)

Gold – La grande truffa, la recensione

Kenny Wells (Matthew McConaughey) ha visto fiorire e crollare sotto i suoi occhi l’impresa mineraria di famiglia. In cerca di un’occasione di riscatto, sembra trovarla nel geologo Michael Acosta (Édgar Ramírez), col quale scopre un giacimento d’oro nella giungla indonesiana. I soldi cominciano ad affluire, ma a quel punto i due si ritrovano in una giungla ben più infida: quella di Wall Street.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Joy, la recensione

Il bianco e nero di una vecchia quanto improbabile soap opera innesca la vicenda di Joy Mangano, una ragazza che si fa carico di talmente tante responsabilità da trovare il tempo anche di inventare il mocio. È una storia vera quella raccontata in Joy, e la Mangano è esistita sul serio: donna irreprensibile, di grande ingegno, pazienza, sensibilità e talento, che sul finire degli anni ’60 progettò quella che in seguitò le casalinghe d’America impararono a conoscere come Miracle Mop, la scopa assorbente che si strizza da sola.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Point Break, la recensione

Hollywood è disperatamente a corto di idee, e questa non è una novità.

Gli ultimi dieci, quindici anni di cinema americano – la mia attenzione si concentra in questo caso sul versante mainstream – lasceranno un’impronta nella storia, non fosse altro che per la torrenziale quantità di rifacimenti, sequels, prequels, reboots, quello vs quell’altro… ci siamo capiti.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Cattivi Vicini e Liberaci dal Male in Blu-ray Disc

Tra le più recenti uscite in alta definizione Blu-ray disc della Universal Pictures, troviamo due film estremamente differenti che incarnano un po’ la moda del momento tra le produzioni a budget moderato hollywoodiane, ovvero la commedia nata da una costola del team Judd Apatow  e l’horror demoniaco. I titoli in questione, distribuiti nel periodo natalizio, sono Cattivi vicini, commedia sguaiata con Seth Rogen e Zac Efron , e Liberaci dal Male, horror esorcistico con Eric Bana protagonista.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Liberaci dal Male, la recensione

Scott Derrickson ha una carriera votata al demoniaco.

Se escludiamo il non troppo fortunato remake di Ultimatum alla Terra, infatti, il futuro regista del marveliano Doctor Strange ha in curriculum un’invidiabile quantità di film horror che parlano di diavoli e demoni. Cominciamo con il riuscitissimo Hellraiser 5: Inferno (2000), ovvero uno dei migliori sequel del cult diretto da Clive Barker, si prosegue con The Exorcism of Emily Rose (2005), tratto dalla vera storia di Anneliese Michel e divenuto in breve tempo un punto di riferimento per il cinema esorcistico. Arriva poi, nel 2012, Sinister, prodotto dalla BlumHouse, che pur allontanandosi dall’impianto del film demoniaco per abbracciare quasi più quello del filone “case infestate”, porta in scena uno spaventoso demone che si lega alla sua immagine riprodotta. Ma ora arriva Liberaci dal Male, che sembra quasi essere un mix tra i primi due film di Derrickson, visto che unisce a un impianto da thriller poliziesco (come Hellraiser 5) con tematiche e immagini tipiche del cinema degli esorcismi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)