Archivio tag: ryan reynolds

Pokémon: Detective Pikachu, la recensione

Ad oggi, quello di Pokémon è il franchise video ludico più remunerativo al mondo, secondo solo a Super Mario. Cifre astronomiche che hanno fatto si che la proprietà intellettuale creata nel 1996 da Satoshi Tajiri si sia diffusa a macchia d’olio su praticamente ogni medium: dai manga agli anime passando irrimediabilmente per un celeberrimo gioco di carte e un merchandising sterminato. Era inevitabile che, prima o poi, Pikachu & co. finissero anche sul grande schermo in versione live action seguendo il trend dei numerosi personaggi dell’immaginario d’animazione protagonisti negli ultimi anni di film a tecnica mista.

In realtà, ai Pokémon sono stati dedicati una lunghissima sequela di lungometraggi, alcuni arrivati nei cinema, iniziata nel 1997 e con all’attivo ben 21 film (un 22° è atteso per quest’anno in Giappone), ma Pokémon: Detective Pikachu è il primo a vantare una collaborazione distributiva con una major americana e il primo a coinvolgere attori in carne ed ossa, quindi destinato ad essere fruito da un pubblico molto più ampio dei già numerosi irriducibili fan del franchise.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +2 (da 2 voti)

Deadpool 2, la recensione

Creato nei primi anni ’90 da Fabian Nicieza e Rob Liefeld, Wade Wilson aka Deadpool ha conquistato il cuore di una moltitudine di spettatori grazie alla trasposizione cinematografica curata da Tim Miller 2016 che ne ha fatto uno dei più remunerativi cinecomix degli ultimi anni. Considerando, infatti, il budget inferiore alla media di questo tipo di film e il fatto che fosse vietato ai minori (negli Stati Uniti), Deadpool è riuscito a incassare uno sproposito, battendo anche qualche record, come ormai sta diventando prassi nel mondo dei cine-fumetti. Il sequel è stato messo immediatamente in cantiere, anche se Tim Miller si è tirato fuori (poi ingaggiato da James Cameron per il sesto Terminator) ed è stato sostituito da “uno di quelli che hanno ucciso il cane di John Wick”, ovvero David Leitch, autore anche di Atomica Bionda. Il risultato, a conti fatti, convince su tutta la linea e Deadpool 2 non si discosta molto dal suo predecessore.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Come ti ammazzo il bodyguard, la recensione

Michael Bryce fa il bodyguard di professione e le sue prestazioni sono tra le più apprezzate e prestigiose che il mercato possa offrire… finché un terribile “incidente” spappola il cervello al suo cliente e Michael cade in profonda depressione, evitando di prendere incarichi ad alto rischio e riducendosi a vivere al pari di un senzatetto. L’occasione per un riscatto giunge quando la sua ex fiamma Amelia Roussel, che lavora per i servizi segreti inglesi, gli chiede aiuto per proteggere Darius Kincaid, sicario di professione scelto per testimoniare nel tribunale dell’Aja contro l’ex presidente bielorusso Vladislav Dukhovich, accusato di genocidio. Ma Bryce conosce molto bene Kincaid, suo acerrimo nemico in diverse occasioni di lavoro, e suo malgrado si troverà costretto a proteggerlo dagli attacchi degli uomini di Dukhovich che lo vogliono far fuori prima che arrivi davanti al giudice.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Life – Non oltrepassare il limite e Underworld: Blood Wars in Blu-ray

Terminato il periodo vacanziero e lasciati alle spalle il mare e la montagna, riapriamo la rubrica dedicata alle recenti uscite home video per parlarvi di due titoli recentemente editati da Sony Pictures Home Entertainment e Universal Pictures Home Entertainment. I film in questione sono l’horror fantascientifico Life – Non oltrepassare il limite e il quinto (forse ultimo) capitolo della fortunata saga cinematografica che pone al centro della scena una sanguinaria faida tra vampiri e lupi mannari. No, non parliamo di Twilight bensì di Underworld: Blood Wars.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Life – Non oltrepassare il limite, la recensione

La fantascienza e l’horror sono un connubio perfetto, due generi che si sposano con naturalezza e non raramente hanno dato vita a vere chicche capaci di trascendere entrambi i generi. Un esempio lampante? Alien e la sua portata ansiogena che ha ridefinito i dettami della paura. Non è strano, dunque, che ancora oggi alcuni ottimi film si inseriscano contemporaneamente in entrambi i generi, un po’ come accade per Life – Non oltrepassare il limite, il film di Daniel Espinosa in uscita il 23 marzo distribuito da Sony Pictures.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Criminal, la recensione

Alcuni film diventano d’interesse comune per l’utilizzo che si fa degli attori e questo, spesso, accade quando troviamo un attore solitamente legato a ruoli positivi improvvisamente trasformato in un mostro. Succedeva, per esempio, al compianto Robin Williams quando interpretò il cattivo in Insomnia di Christopher Nolan (e ancora prima nel sottovalutato One Hour Photo), o di recente a Steve Carrel per il personaggio negativo di Foxcatcher. Ma ora la stessa cosa accade anche a Kevin Costner, che era già stato psicopatico nel thriller Mr. Brooks e ora si trasforma in un inedito antieroe in Criminal.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Deadpool, la recensione

Che il cinema di supereroi sia ormai giunto a saturazione è un dato di fatto e parla chiaro il pesantissimo flop riscosso dal reboot dei Fantastici Quattro, ma anche i risultati altamente modesti che raggiunse The Amazing Spider-Man 2, tanto da contribuire alla fine prematura del franchise. È ormai una consuetudine notare, infatti, che quando si esce fuori dagli schemi precostruiti, come il Marvel Cinematic Universe, che ha uno zoccolo duro di spettatori ampissimo, il rischio di fallire sia molto probabile, a meno che non si riesca a imboccare un percorso più autoriale, come ha fatto Christopher Nolan con i suoi Batman.

Proprio con la consapevolezza del raggiungimento di questo punto di non ritorno, le menti dietro Deadpool hanno intrapreso una strada particolare, rischiosa per certi versi, ma che alla fine li ha ripagati con successo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Woman in Gold, la recensione

Tempo. Memoria. Famiglia. Olocausto.

La storia individuale, intima e personale, che si mescola alla Storia, impersonale, dolorosa e collettiva.

Vienna, ieri; l’Austria, oggi. E poi l’America, e le sue promesse di libertà e riscatto. La sottrazione illecita di opere d’arte, con risvolti che muovono tanto sul piano emotivo, quanto su quello politico – giudiziario. In definitiva, il senso dell’identità e la lotta per l’identità.

Questa, in estrema sintesi, una ricognizione il più possibile esaustiva della caterva di idee, buone intenzioni e nobili intenti disorganicamente e superficialmente gettati in pasto al pubblico nel nuovo e abbastanza deludente film di Simon Curtis, Woman in Gold.  

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Self/Less, la recensione

Dio è morto”, enunciava Friedrich Nietzsche, cantava Guccini e puntualizzava, ironicamente, Woody Allen. Ed è proprio partendo dalla decadenza dell’occidente e dalla presunzione umana che si muove Self/Less del regista indiano Tarsem Singh che torna alla fantascienza dopo la parentesi fiabesca di Biancaneve.

Tarsem si è sempre contraddistinto per un tocco iper-grafico, spesso surreale, ben riconoscibile fin dai suoi lavori in campo musicale (il videoclip di Losing My Religion per i R.E.M.) e commerciale (lo spot Levi’s anche premiato a Cannes), fino all’esordio cinematografico avvenuto con il thriller fantascientifico con Jennifer Lopez The Cell e proseguito con maggiore personalità nel fanta-avventuroso The Fall. Perfino i lavori più mainstream come Immortals e il su citato Biancaneve hanno potenti stralci della sua mano, che però va completamente perduta in Self/Less. Questo non vuol dire automaticamente che siamo di fronte a un lavoro scadente, anzi, Self/Less è un solidissimo sci-fi d’azione che sa intrattenere. Ma se siete fan del regista indiano, siete avvertiti.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il trailer italiano di Deadpool

Uscirà nei cinema statunitensi il 12 febbraio 2016, in Italia non c’è ancora una data precisa ma sicuramente non troppo più tardi… parliamo di Deadpool, l’attesissimo cinecomic su uno dei supereroi Marvel più originali e irriverenti. Dopo averlo mostrato al Comic-Con di San Diego con un certo entusiasmo da parte degli spettatori, ecco arrivare anche in via ufficiale e in italiano il primo trailer del film.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)