Archivio tag: blue swan entertainment

Old Henry, in blu-ray il western con Tim Blake Nelson

Il genere western, fra tutti, è forse quello che nella storia del cinema è riuscito ad oscillare più di tutti da un estremo all’altro. Sia che parliamo del cinema hollywoodiano, sia di quello italiano. In America si sa, indiani e cowboy hanno vissuto il loro periodo d’oro tra la seconda metà degli anni Trenta fino alla prima metà degli anni Sessanta (con John Ford e Howard Hawks pronti a scrivere le regole del genere); mentre in Italia, quel periodo d’oro, lo abbiamo vissuto tra gli anni Sessanta e Settanta grazie al fenomeno degli spaghetti-western che hanno eletto a loro beniamino l’inimitabile Sergio Leone.

Il genere western ha generato un immaginario, ha contribuito alla creazione di miti e leggende, ha dettato le regole per una giusta messa in scena cinematografica (non solo all’interno del genere stesso) eppure oggi è un genere morto. Un genere che sembra aver perso ogni forma d’appeal. Un genere che in alcuni casi è stato rispolverato con fare autoreferenziale, tanto nerd quando nostalgico (si pensi al cinema di Tarantino o a quello dei Fratelli Coen), ma che il più delle volte è confinato a piccole produzioni per lo più destinate al solo circuito home video. Qualche settimana fa vi abbiamo parlato del bel The Last Son di Tim Sutton, atipico western con Sam Worthington arrivato da noi direttamente in home video grazie a Blue Swan Entertainment; adesso la stessa Blue Swan, affidandosi ai sempre validi canali distributivi di Eagle Pictures, rilancia con un nuovo western altrettanto atipico e distribuisce in blu-ray Old Henry, film esistenzialista con Tim Blake Nelson, attore feticcio proprio dei fratelli Coen.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Protégé e Tides: l’eroismo al femminile nelle recenti proposte blu-ray Blue Swan

Nel corso del mese di giugno, l’etichetta di distribuzione Blue Swan Entertainment, attraverso i canali distributivi di Eagle Pictures, ha portato in DVD e Blu-ray due pregevoli e recenti film che affrontano generi molto diversi mettendo al centro del racconto l’eroismo femminile. Parliamo del thriller/action con Maggie Q The Protégé e il dramma ecologico fantascientifico con Nora Arnezeder Tides.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Come ti ammazzo il bodyguard 2 – La moglie del sicario. L’esplosivo action “threesome” in blu-ray

Dopo un travagliato iter distributivo, arriva da noi anche in home video Come ti ammazzo il bodyguard 2 – La moglie del sicario, scatenato sequel della divertente action/comedy del 2017 Come ti ammazzo il bodyguard. Dicevamo del percorso distributivo tribolato perché questo sequel, che porta ancora una volta la firma in regia di Patrick Hughes, è pronto da ben due anni, pending a causa della pandemia che ne ha causato il posticipo, come molti altri film su cui le majors puntavano particolarmente. Nel nostro caso, un posticipo di circa un anno che per la distribuzione italiana, invece, è diventato ben più problematico: se negli USA Come ti ammazzo il bodyguard 2 è arrivato al cinema nel giugno 2021, noi abbiamo dovuto aspettare addirittura fino a febbraio 2022 per poterlo vedere in italiano, lanciato in esclusiva su Prime Video prima di arrivare anche in blu-ray e DVD questo maggio distribuito da Blue Swan Entertainment in collaborazione con Eagle Pictures.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Reckoning, la recensione

Negli ultimi anni il cinema si è riavvicinato molto al tema stregonesco, il cinema di genere in particolare, con audaci e interessanti sperimentazioni che uniscono visioni e atmosfere tipicamente horror con il linguaggio più vicino a quello del cinema indie d’autore. Probabilmente è stato il bellissimo The VVitch di Robert Eggers ad aver spianato la strada a questo mini-filone, a cui ha chiaramente guardato calcando ancora più il pedale dell’autorialità Lukas Feigelfeld con Hagazussa; film che cercano un certo realismo di base nel racconto di un’epoca oscura e spaventosa in cui le donne venivano prese di mira, perseguitate e spesso uccise con accusa di stregoneria per i più futili motivi. Una ramificazione folk-horror a cui si può annettere anche l’ultimo lavoro dello stimato Neil Marshall, The Reckoning, che nonostante dichiari fin dall’incipit di essere ispirato a fatti realmente accaduti, fa suo il modus narrandi del cinema di genere più pulp, allontanandosi da quella ricercatezza stilistica di cui sopra.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Sweat, la recensione

Una delle figure professionali oggigiorno più discusse e ambite è quella dell’influencer, che davanti alla fotocamera del proprio smartphone appaiono sempre bellissimi, sorridenti, forti e pieni di energia. Ma nella quotidianità, lontano dal web, come si svolge la vita di questi personaggi? Fondamentalmente, ad accompagnare cifre da capogiro e i milioni di follower ci sono persone schiave degli sponsor, fragili come ogni altro e a volte molto sole.

Sweat, secondo lungometraggio dello svedese naturalizzato polacco Magnus von Horn, riflette proprio sul lato “umano” degli influencer raccontando la vita quotidiana di Sylwia Zajac, immaginaria guru social nel settore del fitness.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Boss Level e Honest Thief: scoppia l’azione in alta definizione

L’home video targato Eagle Pictures pronto ad allietare le calde giornate di fine agosto è all’insegna dell’adrenalina con due titoli immancabili nelle videoteche di ogni patito del moderno action movie. Arrivano in alta definizione blu-ray Boss Level dello specialista Joe Carnahan e Honest Thief, ultima fatica action-thriller interpretata da Liam Neeson.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Unhealer: incontro con il regista, lo sceneggiatore e il direttore della fotografia del revenge-horror

The Unhealer

Il 14 luglio è arrivato in Italia The Unhealer – Il potere del Male, un curioso mix tra revenge-horror e superhero movie che Blue Swan Entertainment ha distribuito in DVD e, contemporaneamente, a noleggio e vendita sulle piattaforme TVOD Chili, Timvision e Prime Video Store. In occasione dell’uscita italiana del film abbiamo incontrato il regista Martin Guigui, il co-sceneggiatore e produttore Shaw Harris e il direttore della fotografia, l’italiano Massimo Zeri, che ci hanno raccontato davvero molte curiosità sul film.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Shorta, la recensione

Un anno fa, nel maggio del 2020, le cronache di tutto il mondo riportavano la notizia della morte di George Floyd, deceduto a Minneapolis in seguito al violento fermo della polizia. Un episodio terribile e sconvolgente che ha (ri)sollevato la questione razziale nella società americana lanciando il movimento Black Lives Matter. Un evento che di certo non è nuovo alla comunità afroamericana, tanto che il cinema molte volte ha denunciato questi accadimenti con film di impegno civile o di intrattenimento che sono aumentati esponenzialmente negli ultimi anni. È curioso notare che una situazione molto simile a quella realmente accaduta a Minneapolis è il motore propulsivo anche di Shorta, un film indipendente di nazionalità danese che è stato girato prima della tragica storia di Floyd ed è arrivato sugli schermi internazionali poco dopo l’evento.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Shorta: abbiamo incontrato Simon Sears e Jacob Lohmann, protagonisti del crime danese

Dal 3 di maggio è disponibile su Amazon Prime Video Shorta, il fenomenale film poliziesco diretto dagli esordienti registi danesi Frederik Louis Hviid e Anders Ølholm, lo stesso film sarà distribuito da Blue Swan Entertainment in home video DVD e Blu-ray Disc dal 27 maggio. Grazie a Blue Swan, abbiamo avuto modo di fare una chiacchierata con gli attori protagonisti Simon Sears e Jacob Lohmann che hanno discusso sulle tematiche che il film affronta e sul training che hanno affrontato per vestire i panni di due poliziotti immersi in una situazione di guerriglia urbana.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Relic, la recensione

Relic

Il cinema horror sta attraversando un momento particolarmente roseo, innalzato e celebrato come forma d’arte al pari di altre opere considerate meritevoli di attenzioni da parte di blasonati festival. Oggi, grazie ad autori dalla personalità forte e originale come Ari Aster e Robert Eggers, possiamo notare un occhio di riguardo da parte delle “élite” anche per il cinema del brivido con il proliferare di opere che guardano al genere raccontando però le idiosincrasie della società o particolari stati d’animo che caratterizzano la contemporaneità. Ad unirsi al coro della new wave horror internazionale troviamo l’australiana Natalie Erika James, che dopo essersi fatta notare con il cortometraggio Creswick, ha esordito nel lungometraggio nel 2020 scrivendo (insieme a Christian White) e dirigendo Relic.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)