Archivio tag: blue swan entertainment

Relic, la recensione

Relic

Il cinema horror sta attraversando un momento particolarmente roseo, innalzato e celebrato come forma d’arte al pari di altre opere considerate meritevoli di attenzioni da parte di blasonati festival. Oggi, grazie ad autori dalla personalità forte e originale come Ari Aster e Robert Eggers, possiamo notare un occhio di riguardo da parte delle “élite” anche per il cinema del brivido con il proliferare di opere che guardano al genere raccontando però le idiosincrasie della società o particolari stati d’animo che caratterizzano la contemporaneità. Ad unirsi al coro della new wave horror internazionale troviamo l’australiana Natalie Erika James, che dopo essersi fatta notare con il cortometraggio Creswick, ha esordito nel lungometraggio nel 2020 scrivendo (insieme a Christian White) e dirigendo Relic.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Dark Red, la recensione

Arriva in home video il 24 marzo 2021, solamente in DVD, distribuito da Blue Swan Entertainment il thriller The Dark Red, misteriosa storia di una donna creduta pazza e rinchiusa in un ospedale psichiatrico che sta covando una cruenta vendetta. Il film è disponibile anche a noleggio su Chili, Infinity, Google Play.

Quando il cinema vuole raccontarci una storia che ha a che fare con persone schizofreniche, spesso sceglie la strada del dubbio sulla reale condizione mentale del personaggio. Un topos ormai consolidato della narrazione fictional, infatti, è mostrare un personaggio clinicamente ritenuto instabile in un contesto complottistico in cui si insinua nello spettatore il tarlo del dubbio: ma quel personaggio è davvero pazzo oppure le sue deliranti storie hanno una base di verità? Solitamente, la seconda risposta – per il bene dell’entertainment – è quella esatta ma il buon thriller The Dark Red, scritto e diretto da Dan Bush, già autore del fantascientifico Signal (2007) e dell’heist-movie in chiave horror The Vault (2017), incentra una buona prima metà del suo film proprio sull’ambiguità della situazione, giocando con la mente poco lucida della protagonista.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Come ti realizzo un horror d’autore. Intervista a Natalie Erika James, regista di Relic

Il 24 marzo uscirà in DVD e Blu-ray distribuito da Blue Swan Entertainment, anticipato dalla messa a noleggio sulle maggiori piattaforme TVOD, il potentissimo horror/drama di Natalie Erika James Relic, presentato con successo al Sundance Film Festival 2020 e, in Italia, alla 20ª edizione del Trieste Science+Fiction Festival. Proprio in occasione della release home video italiana, abbiamo incontrato la regista e sceneggiatrice di Relic.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Spare Parts, la recensione

Dopo essere stato presentato lo scorso autunno in prestigiosi festival di cinema di genere, come Sitges, il London FrightFest e il nostrano Oltre lo specchio, l’action/splatter Spare Parts arriva anche in Italia, distribuito in DVD da Blue Swan Entertainment a partire dal 18 marzo 2021 e a noleggio sulle principali piattaforme TVOD come Chili e Rakuten Tv.

Le Ms.45 sono una band punk tutta al femminile e si esibiscono in fatiscenti locali frequentati da persone poco raccomandabili… come loro! In seguito a una cruenta rissa, Emy, Emma, Cassie e Jill vengono drogate e rapite ma quando si risvegliano scoprono che a ciascuna di loro manca un arto, amputato e sostituito con una letale arma. Le quattro sono finite nelle grinfie di una comunità che adora dèi pagani e inneggia all’ultra-violenza come valvola di sfogo organizzando tornei mortali in una discarica, in cui si esibiscono (spesso contro il proprio volere) gladiatori trasformati in letali macchine da combattimento con parti anatomiche intercambiabili.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Intervista a Mitzi Peirone, la regista di Chimera (Braid)

Ha lavorato come modella a New York prima di esordire, all’età di 26 anni, alla regia di un lungometraggio, Chimera (Braid). È Mitzi Peirone, nata a Torino e ora lanciatissima regista negli Stati Uniti, dove ha visto avverare il suo sogno di lavorare nel mondo del cinema grazie a una forma sperimentale di crowdfunding con i bitcoins, che le hanno consentito di dar vita a un thriller psicologico che ha debuttato con successo al Tribeca Film Festival 2018. Ora Chimera (Braid) è disponibile anche in Italia grazie a Blue Swan Entertainment (qui la nostra recensione del film) e noi abbiamo scambiato due chiacchiere con Mitzi Peirone per scoprire i retroscena di un esordio cinematografico molto particolare.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Chimera (Braid), la recensione

Braid

Due ragazze in fuga dalla legge, un luogo misterioso in cui sono custoditi terrificanti segreti, la follia come chiave di volta di tutta la storia.

Potrebbero essere gli elementi perfetti per un thriller di M. Night Shyamalan o, se utilizzati in maniera scellerata, gli ingredienti di un b-movie straight-to-video. Invece sono alcune delle suggestioni da cui si snoda il complesso e affascinante thriller psicologico di Mitzi Peirone Braid, disponibile in Italia con il titolo Chimera distribuito da Blue Swan Entertainment in TVOD e in home video.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Un crepuscolare Keanu Reeves protagonista del thriller Siberia, in blu-ray

Keanu Reeves è la conferma che a Hollywood l’action-man “attempato” ha un fascino particolare. In fin dei conti è nota a tutti la travolgente “seconda giovinezza” di Liam Neeson, strada che sembra aver intrapreso anche il bel tenebroso protagonista di Matrix che dopo l’enorme successo della trilogia fanta-action delle sorelle Wachowski – prestissimo tetralogia – non è riuscito a restare sulla cresta dell’onda dello star system finché, nel 2014, Chad Stahelski l’ha diretto nel ruolo di protagonista in John Wick. Campione d’incassi e nuovo punto fermo all’interno del panorama cinematografico action, il revenge movie con Reeves è diventato presto primo capitolo di una saga che ha riabilitato l’attore originario del Libano all’attenzione delle majors. Anche se Reeves ha continuato ad alternare film dall’incasso sicuro a piccole produzioni, come Siberia che condivide con John Wick l’abbigliamento formale e il produttore Stephen Hamel. E nient’altro!

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)