Archivio tag: blumhouse

Noi: arriva in blu-ray il secondo horror-sociale di Jordan Peele

È una carriera strana quella che Jordan Peele si sta costruendo: da principe della commedia televisiva americana a re del nuovo horror sociale. Cavalcando per anni show brillanti di successo del piccolo schermo, come Love Bites o Modern Family, a volte come semplice guest star, Jordan Peele esordisce come regista per il cinema nel 2017 con un horror dai forti connotati sociologici, Scappa – Get Out, grazie al quale riesce anche a vincere un Oscar alla sceneggiatura originale. E da quel momento nasce un nuovo punto di riferimento per il cinema horror contemporaneo, un piccolo punto di partenza per dar vita a un florido percorso di ricostruzione (e decostruzione) del cinema di paura, tenendo presenti le contraddizioni dell’attuale società americana. Dietro Scappa – Get Out c’era il solito lungimirante supporto produttivo di Jason Blum, che rinnova la collaborazione con Peele anche per la sua seconda regia, Noi. Uscito nelle sale italiane ad aprile e trovata sin da subito una buona accoglienza da parte della critica, Noi arriva adesso in alta definizione blu-ray disc – ma anche in DVD – con Universal Pictures.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Disponibili in blu-ray La prima notte del giudizio e Obbligo o verita’

Il cinema horror, ormai, è in mano a quell’uomo che risponde al nome Jason Blum. Sia lui che la sua etichetta produttiva – la Blumhouse – non hanno certo bisogno di particolari presentazioni e se il loro passato (primi anni del duemila) era rappresentato quasi esclusivamente da piccolissimi film dell’orrore low budget, oggi ricordiamo la Blumhouse anche per aver dato vita all’intrigante Get out – Scappa di Jordan Peele, film che ha saputo fare incetta di nomination e premi agli ultimi Academy Awards. Ma il primo amore non si scorda mai, si sa, e la Blumhouse continua dritta per la sua strada a “sfornare” horror macina-botteghino. Così nelle scorse settimane, mentre Michael Myers tornava al cinema nell’ultimo bellissimo Halloween diretto da David Gordon Green e prodotto appunto da Blum, due recenti successi della Blumhose approdavano sul mercato home video sotto il marchio di Universal Pictures Home Entertainment. Vi parliamo de La prima notte del giudizio, quarto film della saga creata da James DeMonaco, e del pasticciato teen-horror Obbligo o verità.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Cam, la recensione

La giovane Alice, per fare soldi nel modo più semplice e rapido possibile, ha scelto di sfruttare il suo corpo sexy per diventare una cam-girl. La giovane è iscritta ad un sito nel quale i fruitori (tutti sotto le mentite spoglie di un nickname) possono comunicare con lei in diretta tramite una chat e, nel tentativo di scalare la classifica, inizia a realizzare dei mini snuff movie (ovviamente fittizi). Il repertorio comprende falsi suicidi e auto mutilazioni.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Obbligo o verità, la recensione

Avete presente quei film horror realizzati negli Stati Uniti nel pieno degli anni ’80 quando bastava una semplice scusa, un piccolo pretesto come una festività o una ricorrenza da calebdario per portare in scena uno spettacolo slasher? Per lo più si trattava di film colmi di déjà-vu, non sempre di qualità soddisfacente al palato dell’horrorofilo ingordo di facile emoglobina ed erano utili ai produttori per tirare su bei guadagni con il minimo sforzo, economico e creativo. È un po’ quello che accade oggi con l’impero Blumhouse, solo che lo slasher spesso e volentieri è sostituito da storie di possessione demoniaca e luoghi infestati e Obbligo o verità, ultimo improbabile horrorino che porta il marchio di Jason Blum, ne è la scadente apoteosi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 4.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Arriva in DVD The Darkness, l’horror con Kevin Bacon

La BlumHouse prosegue inarrestabile la sua avanzata nell’universo horror e, dopo l’interessante parentesi rappresentata dal thriller Get Out – Scappa, torna alle origini con un film a tema demoniaco e dall’ambientazione prevalentemente casalinga. Approda in Italia solamente per il mercato home video The Darkness, un horror poco convincente diretto dal talentuoso Greg McLean e interpretato da due attori navigati come Kevin Bacon e Radha Mitchell.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Scappa – Get Out, la recensione

Nell’anno degli Oscar “black”, con la vittoria di Moonlight come miglior film e una consistente quota di opere che parlano di questioni razziali, la vera rivelazione, sia in termini di qualità che di accoglienza al botteghino, arriva da un piccolo thriller/horror su cui in pochi forse avrebbero scommesso: Scappa – Get Out, esordio alla regia del comico Jordan Peele.

Dobbiamo ringraziare probabilmente il produttore Jason Blum, che ha creduto in Peele e ha (co)prodotto Scappa – Get Out con la sua Blumhouse, ormai prolificissima ma ancora in grado di scovare vere chicche capaci di dare un buon contributo alla crescita dei generi thriller e horror. In questo caso, Scappa – Get Out è un’opera che si inserisce in maniera tangente tra i due generi, riuscendo perfino a lasciare qualche suggestione leggera tipica della commedia, territorio sicuramente congeniale a Peele.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Jem e le Holograms, la recensione

Se siete stati bambini negli anni a cavallo tra gli Ottanta e i Novanta, molto probabilmente vi siete imbattuti in Jem, un cartoon americano che impazzava sulle allora reti Finivenst, ideato da Chirsty Marx e diviso in tre stagioni, per un totale di 65 episodi. Quel cartoon era ispirato a una linea di bambole della Hasbro e come parte dei giocattoli Hasbro, oggi si è trasformato in film! E così, dopo Transformers, G.I. Joe, Tartarughe Ninja e Battleship, ecco arrivare Jem e le Holograms, diretto da Jon M. Chu e prodotto dalla casa esperta in horror a basso costo BlumHouse.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Visit, la recensione

Quando nel 1999 Il Sesto Senso conquistò pubblico e critica di mezzo mondo, un nuovo talento registico si presentò come novello re del brivido, il regista di origini indiane M. Night Shyamalan. Un talento confermato – se non amplificato – con l’opera seguente, lo struggente apologo del supereroe Unbreakable – Il predestinato (2000), e ridimensionato ai territori del brivido d’autore con Signs (2002) e The Village (2004). Però il buon Shyamalan, costantemente in bilico tra Hitchcock (affettuosamente omaggiato con il sottovalutato E venne il giorno) e Spielberg, negli ultimi anni non ne ha azzeccata una e se il fondo è stato toccato dal mostruoso flop dell’inguardabile L’ultimo dominatore dell’aria (2010), anche lo spot di casa Smith After Earth (2013) non ha funzionato a dovere. Il 2015 sembra essere per Shyamalan l’anno del ritorno al genere che l’ha reso famoso: prima la miniserie per la tv Wayward Pines, da lui prodotta e in parte diretta, poi il lungometraggio The Visit.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Sinister 2, la recensione

Dopo i tragici fatti accaduti alla famiglia Oswalt, ritrovata massacrata dentro casa in circostanze misteriose, l’ex vice-sceriffo So & So non riesce a rassegnarsi ed è sempre più convinto che ci siano macabri legami tra lo sterminio della famiglia Oswalt e altri omicidi rimasti irrisolti. Abbandonato il corpo di polizia e divenuto un indagatore privato, So & So è determinato a fare luce su questi inquietanti omicidi e le sue indagini lo conducono ad una fatiscente dimora di campagna che in passato fu teatro di uno di questi spaventosi massacri. Qui si è rifugiata temporaneamente Courtney, donna in fuga da un marito violento, con i suoi due bambini Dylan e Zach. Il detective So & So prende subito a cuore il caso di Courtney ma, al tempo stesso, il demone Bughuul reclama nuove anime ed ha scelto proprio l’introverso Dylan come pedina del suo sanguinario rito.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Gallows – L’esecuzione: tante clip in italiano!

Torniamo a parlare di The Gallows – L’esecuzione, l’horror prodotto da Jason Blum e in uscita a breve, il 19 agosto, per farvi provare qualche brivido durante questa torrida estate. Dopo avervi mostrato trailer italiano ufficiale e una prima clip sottotitolata in italiano (qui il materiale), abbiamo nuovo materiale video, per l’esattezza cinque nuove clip in italiano, rilasciate ufficialmente dalla Warner Bros. Italia.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)