Archivio categorie: Notizie

L’uomo invisibile, la recensione

The Invisible Man

Tre le tante paure presenti nell’animo umano, una delle più comuni e ataviche è quella dell’ignoto, il terrore della minaccia invisibile che può colpirci da un momento all’altro senza poter essere evitata, un po’ come sta accadendo in questo nefasto periodo segnato dal subdolo pericolo del “coronavirus” che sta sconvolgendo le nostre vite. Una sensazione di impotenza che non poteva lasciare indifferenti il mondo della letteratura e del cinema horror che fin dalle origini, assieme alle figure iconiche e folkloristiche di vampiri, fantasmi, streghe e lupi mannari, ha dato vita a tutta una serie di prodotti incentrati sul tema dell’invisibilità. Prendendo come canovaccio il romanzo di fine Ottocento L’uomo invisibile di H.G. Wells, sono state molte le versioni cinematografiche che raccontano di smanie di potere e orrore legati al tema dell’invisibilità, tra cui citiamo il classico della Universal Pictures diretto da James Whale nel 1933 e quella datata 2000 di Paul Verhoeven, che hanno giocato anche sul tema ricorrente dello scienziato pazzo che sfida Dio per sovvertire le leggi della natura e della vita.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Bloodshot, la recensione

Come vi abbiamo raccontato in altre circostanze, anche il mondo del Cinema sta facendo i conti con l’emergenza coronavirus. Si allunga la lista di quei film che hanno visto mutare in corso d’opera il proprio percorso distributivo. È il caso di Bloodshot, cinecomic con Vin Diesel, che aveva fatto in tempo ad esordire nelle sale di svariati paesi del mondo tra la fine di febbraio e la prima metà di marzo, salvo poi dover interrompere presto la sua marcia ed iniziare ad essere dirottato in VOD in diversi mercati, tra cui il nostro. In Italia, infatti, il film è disponibile da qualche giorno sulla piattaforma Chili al costo di 9,99 €, in sostituzione di un’uscita in sala che era inizialmente prevista per il 26 marzo.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Hunt, la recensione

The Hunt

L’emergenza coronavirus ha finito inevitabilmente per toccare anche il mondo del cinema. Produzioni ferme, release rinviate, progetti messi in standby. Il settore chiaramente è corso alle contromisure. A cominciare dalle piattaforme streaming che in questo (delicato) periodo offrono periodi gratuiti o concedono una forte scontistica, strategie di marketing che permettono di attutire il colpo e, contestualmente, effettuare una ‘semina’ ed una fidelizzazione del cliente in funzione futura. Passando per alcuni studios che hanno pensato di anticipare l’uscita VOD di titoli inizialmente previsti in sala, in modo da garantirsi un minimo di incasso ed alleggerire un calendario venturo che potrebbe rivelarsi intasato a causa dei tanti rinvii. È il caso, ad esempio, di Universal Pictures e Blumhouse che hanno deciso di portare online (disponibili per il digital renting su alcuni mercati) due titoli come The Invisible Man e The Hunt.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.5/10 (su un totale di 2 voti)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

The Mandalorian: Star Wars mette a segno l’ennesimo colpo!

La nuova via che la saga di Star Wars ha intrapreso a partire dal 2015, quando nei cinema è uscito Il risveglio della Forza in seguito all’acquisizione di Lucas Film da parte di Disney, ha aperto un vero e proprio universo davanti a questo magnifico franchise. La saga più influente e innovativa della storia del cinema postmoderno ha definitivamente visto consacrare a canone l’universo espanso che ha bramato per decenni e così, dopo i timidi tentativi di uscire fuori dalle storie cinematografiche con le fondanti ma sottovalutate serie animate di Dave Filoni (Clone Wars, Rebels e Resistance), l’universo espanso di Star Wars è stato ufficialmente avviato dagli spin-off cinematografici (anche se con fortuna alterna, si veda l’ingiusto flop di Solo), fino al passo successivo, rappresentato dalla prima serie tv live action ufficiale della saga, The Mandalorian.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

La Notte Horror di InGenereCinema.com: Venerdì 27 marzo su Youtube!

Venerdì 27 marzo i nostri cari amici di InGenereCinema.com danno il via a una bella iniziativa che cercherà di allietare questi giorni di reclusione forzata a cui tutti noi italiani siamo sottoposti. Un appuntamento periodico che accompagnerà gli utenti di youtube per una serata all’insegna dell’horror con corti e quant’altro. Lasciamo alle parole del comunicato che ci ha inviato Luca Ruocco la spiegazione dettagliata dell’evento in streaming. 

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il buco, la recensione

La più efficace metafora della società umana, rigorosamente verticale, arriva da un film spagnolo che ha spopolato nei festival di mezzo mondo e ora arriva in streaming su Netflix, El Hoyo, tradotto letteralmente in italiano come Il buco.

Goreng si fa internare volontariamente per sei mesi ne La Fossa, una struttura verticale a livelli nella quale si può portare un solo oggetto con se e l’uomo sceglie un libro, il Don Chisciotte di Cervantes. Ogni livello può ospitare due persone e, una volta al giorno, in un buco posto al centro del livello, scende una piattaforma colma di cibo, che si può mangiare liberamente per soli due minuti, senza poter trattenere nulla con se. Il problema è che il cibo è lo stesso per tutti gli ospiti della struttura, sufficiente per il sostentamento degli oltre 200 livelli se ognuno si limitasse a mangiare solo il necessario.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: +1 (da 1 voto)

Bloodride: la nuova serie horror antologica di Netflix

In un panorama seriale in cui si sta ritrovando il gusto per le stagioni brevi e gli episodi di 30 minuti di durata, Netflix produce (insieme a Monsters Scripted AS) e distribuisce sulla sua piattaforma Bloodride, una serie antologica di origine norvegese creata da Kjetil Indregard e Atle Knudsen. Si tratta di soli 6 episodi dalla durata che oscilla tra i 25 e i 31 minuti, sei storie indipendenti l’una dall’altra che hanno come unica matrice l’intro rappresentato da un bus che conduce i protagonisti delle storie verso una destinazione ignota (ma facilmente deducibile). Sei storie in bilico tra l’horror, il fantastico e il thriller che traggono forza dalla semplicità delle trame sempre e comunque rappresentate da un colpo di scena finale che tende a ribaltare la prospettiva sugli eventi.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Disney+: cosa sarà possibile vedere dal 24 marzo e nei prossimi mesi

25 originali esclusivi, produzioni italiane, oltre 500 film, più di 350 serie per un totale di oltre 7000 episodi.
Questa la line-up con cui si presenta Disney+ in Italia dal 24 marzo 2020, quando i fan di tutte le età avranno modo di sperimentare gli straordinari contenuti degli iconici brand DisneyPixarMarvelStar Wars e National Geographic, assieme a programmi originali in esclusiva.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il passaggio segreto, il mistery psicologico di Stefano Simone

Realtà. Immaginazione. Suggestione.

Tre piani della percezione umana che spesso si incontrano, si intrecciano, si confondono.

Ciò che è reale per qualcuno può essere bollato come immaginazione da qualcun altro, inquinato dalla suggestione soggettiva, fino alla creazione di realtà parallela in cui le cose che non esistono finiscono irrimediabilmente per prendere forma.

Il giovane regista sipontino Stefano Simone, che spesso abbiamo incontrato sulle pagine di DarksideCinema (Fuoco e fumo, L’accordo, Cattive storie di provincia), si addentra proprio nel complesso territorio della suggestione cinematografica, quella “zona fantasma” in cui convivono realtà e immaginazione e con il mediometraggio Il passaggio segreto trova una strada agevole per percorrere temi stratificati e insidiosi.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 6.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Io resto a casa con Rai4. Le proposte di cinema e serie tv per combattere la noia in tempo di Covid-19

A causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, è chiesto un grande sforzo a tutti noi per agevolare la ripresa nel più breve tempo possibile: limitare al minimo indispensabile gli spostamenti e, dunque, rimanere a casa. Per affrontare questo difficile periodo di isolamento, Rai4 propone una programmazione che vi aiuterà a distrarvi con serie tv e una corposa proposta di film, molti in prima visione, che potete seguire sul canale 21 del digitale terrestre e in streaming su RaiPlay.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)