Archivio categorie: Notizie

Romics: dal 5 all’8 ottobre la XXII edizione

Dal 5 all’8 ottobre torna Romics, la grande rassegna internazionale sul fumetto, l’animazione, i games, il cinema e l’entertainment che si tiene due volte l’anno presso la Fiera di Roma. L’edizione autunnale di quest’anno vede la presenza di grandi ospiti internazionali come il premio Oscar Ben Morris, maestro degli effetti speciali per Harry Potter e Star Wars, e l’art director Kevin Jenkins, nonché interessanti retrospettive, tra cui il West e la sensualità nelle eroine di Serpieri e le Ombre di Martinbrough.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Blade Runner 2049: abbiamo incontrato il regista Denis Villeneuve e l’attrice Sylvia Hoeks

Blade Runner 2049 arriverà nei cinema italiani il 5 ottobre, ma nell’attesa di questa data il regista Denis Villeneuve, che abbiamo imparato a conoscere grazie ad autentici gioielli come Arrival ed Enemy, è giunto a Roma per presentare alla stampa il discusso sequel che ha diretto. Ma Villeneuve non era l’unico ospite della Capitale, insieme a lui l’attrice Sylvia Hoaks, che in Blade Runner 2049 interpreta Luv, impiegata nella Compagnia di Wallace, che sta tornando a produrre Replicanti.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Richard Gere a Roma per L’incredibile vita di Norman: “L’oscar? Mi aiuterebbe per i film indipendenti”

Richard Gere arriva a Roma per L’incredibile vita di Norman (titolo originale Norman) il suo nuovo film in uscita nei cinema italiani il 28 settembre 2017 distribuito da Lucky Red.

Il 18 settembre, nella Capitale il celebre attore ha presentato alla Stampa la pellicola che lo vede protagonista, una performance, secondo alcuni critici d’oltreoceano, in odore di Oscar. Il divo di Ufficiale e Gentiluomo, Pretty Woman e Chicago saluta i giornalisti con un sorriso: “Scusate, soffro ancora il Jet-Lag” dice mischiando italiano e inglese. La trama del film, diretto da Joseph Cedar, racconta le avventure di un faccendiere ebreo di New York alla ricerca dell’occasione per svoltare la vita. Il momento arriva grazie ad un dono fatto da lui a un uomo anni prima, ma non sarà tutto oro ciò che luccica.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Valerian e la città dei mille pianeti: Luc Besson presenta il film a Roma

Il celebre cineasta francese Luc Besson è tornato alla carica forte del successo internazionale di Lucy, che aveva diretto nel 2014. Ricco d’ambizione, ha impiegato tre anni per completare un progetto caldeggiato da almeno un ventennio, Valerian e la città dei mille pianeti, trasposizione del fumetto cult (in Francia) Valérian et Laureline. Ora che il film è pronto e sarà nei cinema italiani dal 21 settembre grazie a 01 Distribution e Leone Film Group, lo stesso Besson è giunto in Italia per promuovere la sua ultima fatica. Lo abbiamo incontrato nella cornice del lussuoso Hotel romano De Russie… ed ecco cosa ci ha raccontato.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Venezia 74. Nico 1988, la recensione

Christa ha ormai raggiunto la mezza età. Fra un’intervista e un concerto in periferia promuove i suoi ultimi lavori. Ai giornalisti risponde che non vuole raccontare del suo passato, ciò che conta è la sua carriera attuale. Non le canzoni con i Velvet Underground. Non Lou Reed.

Non vuole neanche essere  chiamata con il nome che l’ha resa famosa: Nico. Lei ora è Christa e vuole raccontare la sua storia.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 8.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Venezia 74. Jusq’à la garde, la recensione

Vincitore del Leone d’Argento per la miglior regia e del premio Opera Prima Luigi de Laurentiis alla 74esima edizione della Mostra dell’Arte Cinematografica di Venezia, Jusqu’à la garde del regista Xavier Legrand è un film che trae la sua forza da una storia tanto potente quanto tristemente comune. Narrata attraverso una regia che raramente si vede così incisiva e forte.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 9.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Venezia 74. Ammore e Malavita, la recensione

Presentato in concorso alla 74esima Mostra dell’Arte Cinematografica di Venezia, Ammore e Malavita dei Manetti Bros. è un musical napoletano a metà tra il crime e la commedia.

Quando Don Vincenzo (Carlo Buccirosso) rimane ferito in una sparatoria, la moglie Donna Maria (Claudia Gerini) ha la rivelazione: “faremo come in James Bond!” e convince il marito a fingersi morto, con la collaborazione di alcuni fidati uomini, per poter scappare insieme all’estero e vivere per sempre in un’isola deserta.

VN:R_N [1.9.22_1171]
Valutazione: 7.0/10 (su un totale di 1 voto)
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Venezia 74: tutti i vincitori

Si è conclusa anche quest’anno il più importante festival cinematografico italiano, la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, giunta alla sua 74^ edizione. La cerimonia si è tenuta nella Sala Grande del Lido di Venezia e ha visto l’assegnazione di una moltitudine di premi, a cui si è aggiunta quest’anno la sezione dedicata alla Virtual Reality, da cui le premiazioni hanno aperto le danze.

Di seguito tutti i premi assegnati e i vincitori.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Il peggio di Venezia 74: The Devil and Father Amorth, The Private Life of a Modern Woman, Caniba

The Devil and Father Amorth

The Devil and Father Amorth è stato il primo film che ho visto a questa 74 Mostra del Cinema di Venezia. Le aspettative erano grandi: un documentario molto particolare girato da William Friedkin. Se il nome vi sembra familiare è perché Friedkin ha firmato uno dei classici dell’horror più amati, un film che ha fatto storia facendo passare notti insonni a diverse generazioni. Anche se l’horror non è il vostro genere avrete di sicuro sentito parlare de L’esorcista e avrete anche ben in mente alcune scene in particolare. Da questo si può facilmente immaginare l’attesa per un documentario che torna a sondare il male in una delle sue forme più pure, andando a interpellare niente meno che Padre Amorth, forse il più importante esorcista del Vaticano.

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)

Venezia 74. Under the Tree, Il contagio, Sweet Country

Under the Tree

Una lite tra vicini a causa di un albero “invadente”, che getta troppa ombra da un giardino all’altro, è la base su cui si snodano le vicende di Under the Tree (Sotto l’albero) film islandese del regista Hafsteinn Gunnar Sigurðsson. Una storia con sfumature talmente crudeli e assurde da risultare a tratti quasi ridicola, costellata da dispetti e nefandezze perpetrate, più da una coppia di vicini che dall’altra, a stadi più o meno elevati di crudeltà psicologica (prima) e fisica (dopo).

VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0 (da 0 voti)